LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Genova, scoperta a San Bartolomeo della Certosa: il mosaico in restauro è ancora più antico
BRUNO VIANI
Secolo XIX, 22/08/2020

Se vogliamo che le opere delluomo siano tramandate alle generazioni future, bisogna averne cura. E a volte possono saltare fuori anche delle sorprese. Gabriele Gelatti è lultimo maestro ligure dellarte dei risseu (i mosaici fatti di ciottoli) e il responsabile del cantiere aperto per il restauro delle antiche pavimentazioni di San Bartolomeo della Certosa, parrocchia-simbolo della rinascita dopo il Morandi. E mentre guarda le tante cuffe di pietre raccolte nella mattinata dai volontari della parrocchia e destinate a sostituire le tessere mancanti o non più recuperabili dellimmenso mosaico cinquecentesco, svela una scoperta che costringe a riscrivere uno dei capitoli iniziali della storia della Certosa.

Abbiamo trovato un frammento seminascosto da un muro, che anticipa la data di nascita di questo capolavoro di un quarto di secolo rispetto a quello che si credeva fino ad ora - annuncia - e ne fa la pavimentazione a risseu più antica della Liguria, primato che apparteneva alla chiesa vecchia a Leca di Albenga.


Capolavoro del passato

La pavimentazione del chiostro del convento della Certosa, ai piedi del nuovo ponte Genova San Giorgio, è la più antica e imponente della Liguria, 36 quadri per una superficie complessiva di 720 metri quadrati, fatti di motivi astratti neri su fondo bianco, molti sono geometrici ma i più affascinanti sono rappresentazioni complesse con figure umane e animali, draghi e pavoni. Un tappeto di pietra a cornice del cortile dove i monaci prendevano il fresco. Oggi lo spazio centrale del chiostro è diventato il campetto da calcio per i ragazzi delloratorio. Ma in fondo va bene così, i luoghi vanno vissuti - dice Barbara Caranza, restauratrice incaricata dalla Soprintendenza alla direzione dei lavori - ci sarà tempo per ridare al cortile la dignità del passato, quando i campi sportivi del quartiere verranno realizzati. Ogni quadro è un mondo a sé: I più antichi sono quelli geometrici proprio davanti alla chiesa, fino ad oggi si è sempre scritto che lopera è stata realizzata tra il 1572 e il 1671 - riprende Gelatti - facendo riferimento a due date inglobate nel mosaico del chiostro detto minore. Ma nel corso della fase preparatoria al nuovo intervento, abbiamo trovato, in un locale chiuso al pubblico, un frammento a risseu dell'originale corridoio di collegamento con il chiostro maggiore: la data 1546 è ben leggibile, anche se è parzialmente coperta da un muro di intercapedine moderno appoggiato direttamente sui ciottoli. Una scoperta che, se confermata, sembra destinata a spostare indietro di un quarto di secolo le lancette del tempo. Il restauro dellantico mosaico fa parte di un lavoro in più lotti per un investimento superiore ai 250.000 euro sostenuto dalla proprietà, la Curia, con il coinvolgimento del Municipio e il concorso di sponsor privati.


Lultimo erede degli antichi maestri

Gelatti, 46 anni, una laurea in lettere con tesi in storia del cinema, è lerede di un sapere antico, un mix di arte e artigianato che non si impara sui libri e ora altri dovranno raccogliere. Lui, quasi per caso, si era trovato a lavorare con lultimo maestro ligure della tecnica dei risseu, Armando Porta, classe 1923, che nel corso di una vita aveva lasciato alla Liguria un patrimonio che non ha prezzo ed è sparso su tutto il territorio, da levante a ponente.

Quello che mi affascina di questa tecnica è che le tessere di un mosaico le puoi fare su misura, i ciottoli no: te li regala la natura e tu li puoi solo scegliere, prendendo quello che è adatto per un particolare dettaglio. E se ai tempi del maestro Porta era lecito raccogliere ciottoli senza alcuna limitazione, oggi per avere le pietre necessarie a sostituire le tessere mancanti alla Certosa è stato necessario presentare domande a Regione e Demanio.

I ciottoli bianchi di quarzite li abbiamo raccolti sulla spiaggia di Vesima con un gruppo di volontari della parrocchia. Adesso stiamo aspettando il via libera per poter raccogliere anche quelli neri di serpentino nel letto del Polcevera,.

Le pietre sono vive, nel mondo di Gelatti. Quelle della pavimentazione antica le dobbiamo pulire a mano, delicatamente, rimuovendo i sedimenti dei secoli. Quelle che dobbiamo inserire per riempire le lacune del disegno originale vanno scelte una per una, con rispetto.

https://www.ilsecoloxix.it/genova/2020/08/22/news/scoperta-a-san-bartolomeo-della-certosa-il-mosaico-in-restauro-e-ancora-piu-antico-1.39220687


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news