LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La rivolta dei senza lavoro. «Sì alle navi, Venezia è morta»
Francesco Bottazzo
Corriere del Veneto 29/8/2020

Portuali, trasportatori ma anche tassisti, albergatori, agenzie di viaggio, aziende di pulizia e commercianti: tutti insieme per chiedere il ritorno delle grandi navi a Venezia «per tornare a lavorare». Ieri la manifestazione a Punta della Dogana, tra bandiere sindacali e slogan e campagna elettorale.
Le sirene dei rimorchiatori si sentono fino alla Marittima, desolatamente vuota da mesi. La crociere ormai sono solo un lontano ricordo: «Vogliamo le navi, vogliamo lavorare, non vogliamo elemosina», gridano dal microfono di una delle barche che hanno occupato ieri mattina il bacino di San Marco e il canale della Giudecca. Trombe, fischietti, bandiere (i gondolieri fanno anche l’alzaremi); barche e lavoratori: un migliaio, « par tera e par mar », sottolineano. Non ci sono solo gli operatori portuali, ma tutto il mondo che vive con le crociere: dai tassisti alle agenzie di viaggio, dalle aziende di pulizia agli albergatori, fino ai commercianti. Una filiera economica con un valore che si attesta su oltre 400 milioni di euro tra spesa diretta e indotto. La riva di punta della Dogana è colorata dalle bandiere con il leone di San Marco e dei sindacati, i rimorchiatori marcano la presenza con le trombe. Tutti chiedono il ritorno delle grandi navi a Venezia, tagliata fuori dagli itinerari post emergenza sanitaria dalle compagnie che hanno preferito invece Trieste. Per loro le crociere sono lavoro, «il porto è vita», si legge in uno degli striscioni. «Il porto di Venezia è considerato il migliore del Mediterraneo e tra i migliori al mondo — sottolineano — ma nonostante ciò è del tutto ignorato dalla politica che dal 2012 segue unicamente la perdurante campagna mediatica denigratoria supportata da sponsor più o meno famosi che nulla sanno della realtà del nostro lavoro per mancanza di conoscenza dell’importanza economica e sociale che il porto riveste per il territorio».

La soluzione era stata indicata dal Comitatone del novembre del 2017: le navi più grandi a Marghera quelle più piccole alla Marittima, attraverso il canale Vittorio Emanuele (da scavare) in attesa della soluzione definitiva, fuori della laguna. Ma niente è stato fatto tra veti, rimpalli di responsabilità e governi diversi (Renzi, Conte con Lega e M5s, Conte a trazione Pd/5s). Oggi anche il candidato sindaco di centrosinistra (di una coalizione che comprende anche il polo rosso-verde) è d’accordo: «Subito Marghera, per evitare che le navi scappino definitivamente da Venezia», dice Pierpaolo Baretta, fischiato da alcuni manifestanti che poi hanno contestato tutti i politici per l’immobilismo di questi anni. «Noi lo diciamo da sempre, la soluzione è pronta da tre anni ma nessuno l’ha voluta attuare — attacca il sindaco Luigi Brugnaro —La salvaguardia dell’ambiente e la difesa dell’occupazione si possono coniugare». Lo ribadiscono uno dopo l’altro gli operatori in corteo. «Non c’è nessuna contrapposizione tra lavoro e città, vogliamo una soluzione che possa tutelare entrambi perché il problema oggi è l’accessibilità», dice Vladimiro Tommasini della cooperativa Portabagagli. Dei 160 lavoratori, 43 sono in cassa integrazione, gli altri non hanno neppure gli ammortizzatori sociali. Ci sono le Guardie ai fuochi, le agenzie marittime («Si applichi il decreto Clini-Passera, fino a che non c’è la soluzione alternative le navi devono poter continuare ad arrivare, non è colpa dei lavoratori se il problema non è stato risolto ma della politica. Noi organizziamo tour in città, coinvolgiamo hostess, motoscafisti, alberghi, c’è un mono che ruota attorno alla croceristica»), le addette delle pulizie («Lavoriamo sette giorni su sette, 24 ore su 24, il problema non è solo economico ma sociale»), le vetrerie di Murano («C’è il deserto, l’80 dei lavoratori sono in cassa integrazione», dice Alessandro Biscontin ).

Se c’è, con tanto di bandiera, il direttore della Venezia terminal passeggeri (la società che gestisce le crociere) Galliano Di Marco è assente il commissario del Porto di Venezia (mentre qualche dipendente dell’autorità non è voluto mancare, «adesione personale», sottolinea Pino Musolino. «La manifestazione, di cui si condivide l’importanza si tiene in un momento storico delicato, a ridosso delle elezioni amministrative, e potrebbe sfociare su finalità non convergenti con gli interessi portuali e le funzioni istituzionali dell’Ente, preposto, unicamente, allo sviluppo e al governo del sistema portuale», precisa il commissario. «Fuori le navi dalla laguna, si faccia un terminal esterno compatibile», insistono i No Navi («Erano ben lontani dai numeri annunciati trionfalmente», dicono dei manifestanti). «Ma senza la crocieristica e il suon porto, la città è morta», gridano gli operatori.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news