LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Siracusa. Il “Seppellimento di Santa Lucia" di Caravaggio, ha lasciato Siracusa per il Mart di Rovereto. Polemiche finite?
QA editoria, 11/09/2020

Ha lasciato ieri la sua sede, la chiesa di Santa Lucia alla Badia a Siracusa, alla volta all'Istituto centrale per il restauro di Roma per un intervento di restauro e raggiungere poi il Mart di Rovereto per una mostra dedicata a Caravaggio e ai contemporanei, a cura di Vittorio Sgarbi.
Dovrebbero terminare così le accese discussioni tra i favorevoli ed i contrari al “viaggio” fuori Siracusa del dipinto “Seppellimento di Santa Lucia" di Caravaggio.
La grande tela dovrebbe rientrare a Siracusa a gennaio.
Secondo la Soprintendente ai Beni culturali di Siracusa, Irene Donatella Aprile, durante un’intervista rilasciata dopo la partenza del quadro, l’opera rientrerà a dicembre, in tempo per i festeggiamenti della Santa, in base agli accordi presi nell’incontro in Prefettura, al quale era presente anche il sindaco Francesco Italia. In attesa del rientro del quadro, sono previsti alcuni interventi nella chiesa di Santa Lucia alla Badia per accogliere nuovamente l’opera in totale sicurezza.

Nonostante la partenza non sono mancate le dichiarazioni contrarie al prestito.
"Sconcertati, prendiamo atto che, ancora una volta in Sicilia prevalgono - sul nomos, sulla ragione, sulla cultura, sul prevalente sentimento collettivo di una città - le forze di un potere sordo e ambiguo. Un potere incapace di tutelare-valorizzare lo straordinario e delicato patrimonio storico e artistico dell'Isola". Così Leandro Janni, presidente di Italia Nostra.
Gli fa eco Giovanni Cafeo, parlamentare regionale di Italia Viva e Segretario della III Commissione ARS Attività Produttive.“Questa mattina, in un clima di mestizia unito ad una buona dose di indifferenza generale, il nostro Caravaggio ha abbandonato la sede di Santa Lucia alla Badia per intraprendere un viaggio della speranza tra Roma e Rovereto…la speranza è ovviamente quella che ritorni nel più breve tempo possibile”. Diversa la posizione della Soprintendente Irene Donatella Aprile: “Questa polemica l’ho trovata eccessiva, anche nei toni. È stata una pagina triste questa dell’opposizione al Caravaggio e le spiego il perché: un siracusano dev’essere fiero e orgoglioso che un suo quadro venga ammirato in un museo importante come il Mart di Rovereto o in un’altra sede che non sia la sua città. Oggi assistiamo a mostre ed eventi al Quirinale e agli Uffizi dove gli scambi di opere d’arte di altissimo pregio sono all’ordine del giorno. Un quadro nostro e vostro che venga ammirato in un’altra sede io lo trovo un fattore positivo. Il grande dubbio mosso su una presunta dietrologia e l’accanimento del No sono aspetti che non capisco. Credo che ci sia stato un grande pregiudizio nei confronti del curatore della mostra, Vittorio Sgarbi. Ad oggi non si può immaginare un mondo con le barriere, non si può pensare sempre e solo alla stasi, bisogna pensare a un mondo aperto e al confronto continuo”.

http://www.qaeditoria.it/details.aspx?idarticle=129273&AspxAutoDetectCookieSupport=1


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news