LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Gli Odescalchi vendono le loro opere?
Guglielmo Gigliotti
Il Giornale dell'Arte - 15/9/2020

Un’interpellanza parlamentare del 5 agosto rivolta dall’on. Vincenza Bruno Bossio (Pd) al ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo Dario Franceschini riporta alla ribalta gli Odescalchi, dal XVII secolo famiglia aristocratica tra le più ricche e potenti di Roma, soprattutto a seguito dell’assunzione al soglio pontificio nel 1676 (fino al 1689) di Benedetto Odescalchi, col nome di Innocenzo XI.

L’interpellanza alla Camera dei deputati ha per oggetto la presunta dispersione di parte dei dipinti d’epoca rinascimentale e barocca, disposta dalla principessa Giulia Odescalchi, proprietaria del berniniano palazzo gentilizio in Piazza Santi Apostoli. L’interpellanza elenca una serie di opere d’arte non più presenti nella fastosa dimora, tra cui una «Resurrezione» di Saturnino Gatti di fine Quattrocento, privata di una grande cornice dorata per facilitarne l’espatrio, tanto che era in vendita presso Christie’s New York, il 12 gennaio 1996.

A un’asta di Sotheby’s Londra sono apparsi invece una veduta di Tivoli e una di Grottaferrata di Gaspar van Wittel, precedentemente parte della collezione di Palazzo Odescalchi, come la «Festa di corte in giardino di villa italiana», dipinta nel 1556 dal monogrammista «MO», e giunta nelle sale della galleria antiquaria Trinity Fine Art a Londra. Alienazione lecita? Sicuramente non lo fu quella riguardante un taccuino con disegni di Pietro da Cortona, anch'esso di proprietà Odescalchi, che negli anni ’90 stava per varcare i nostri confini, se non fosse stato sequestrato alla dogana dell’aeroporto di Fiumicino dalla Guardia di Finanza, per esportazione clandestina.

Ora il taccuino è in collezione presso l’Istituto Centrale per la Grafica. Altro taccuino emerso sul mercato londinese è quello di Francesco Allegrini, ma all’appello ne mancano altri 29, tutti acquistati a fine Seicento da Livio I Odescalchi, nipote di Innocenzo XI. L’on. Bruno Bossio auspica un «sequestro preventivo» di quanto ancora rimane nel Palazzo Odescalchi (dove peraltro è stata operata una radicale frammentazione degli ambienti allo scopo di ricavarne appartamenti), onde scongiurare, nello scompaginamento di un insieme di altissimo profilo culturale, «un duro colpo alla cultura capitolina».

Quanto è avvenuto di sicuro nel passato è la spoliazione, da parte di altri componenti della famiglia Odescalchi, di residenze ricche di statuaria antica e opere barocche, a Bassano Romano (scelta da Fellini per scene de «La dolce vita»), a Bracciano (il Castello Odescalchi) e a Palo, a nord di Roma. Un «Mitra tauroctono» è apparso al Getty Museum di Malibu, ma di decine di altri capolavori, tra cui elementi pertinenziali e non amovibili, che sarebbero dovuti entrare nel vincolo unitario del palazzo, non si sa più nulla.

Interpellata, Giulia Odescalchi risponde: «Ho venduto solo due opere di Lucio Massari [autore seicentesco, Ndr], con regolare contratto di vendita, a una galleria di fama nazionale. I taccuini con disegni di Pietro da Cortona non erano miei, del sequestro della Guardia di Finanza non so nulla. Di ogni oggetto che è uscito da Palazzo Odescalchi ho informato le autorità competenti, gli uffici di Soprintendenza sanno tutto, anche delle trasformazioni interne degli appartamenti, tutto è avvenuto sempre legalmente».

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/gli-odescalchi-vendono-le-loro-opere-/134086.html


news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news