LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Incurabili, dal lungo degrado alla necessità di ri-partire
Rossana Di Poce
Corriere del Mezzogiorno - Campania 15/9/2020

LOspedale degli Incurabili a Caponapoli è venuto a costituirsi nei secoli come una complessa cittadella ospedaliera, a partire dal voto della venerabile Maria Lorenza Longo. Il 23 marzo 1522 dal primitivo ospedale di San Nicola al Molo, dove Maria prestava le sue opere, in processione vengono portati i malati nella nuova struttura di Caponapoli; viene celebrata la prima solenne messa nellattigua Santa Maria del Popolo.

Si aggregheranno in seguito la Cappella di Santa Maria Succurre Miseris dei Bianchi di Giustizia, labitazione di Maria Longo, il monastero delle Convertite e il monastero delle Riformate di Santa Maria di Gerusalemme (1536). Ulteriore espansione e ristrutturazione dellospedale si ha nel Settecento. NellOttocento, è inglobata la chiesa di Santa Maria delle Grazie, il relativo chiostro, e lospedale arriva fino a via Foria scavalcando la collina: il grande edificio ottocentesco, danneggiato dalla II Guerra mondiale, viene demolito per far spazio allattuale Istituto comprensivo Casanova detto Il Palazzaccio.

Gli Incurabili sono un immenso palinsesto culturale e storico i cui problemi strutturali risalgono a ben prima del crollo del pavimento della chiesa di Santa Maria del Popolo nel marzo del 2019. Il mese successivo, lo ricordiamo, tutto il complesso ospedaliero viene sgomberato, compresi gli alloggi delle famiglie lungo il perimetro. Gli articoli del Corriere del Mezzogiorno ci aiutano a ripercorrere la storia dei dissesti degli ultimi anni. Il pronto soccorso ostetrico viene chiuso perché a rischio crollo insieme a Ostetricia e Neonatologia: a Napoli centro non si nasce più dal 18 dicembre 2015. A nulla sono valse le petizioni e gli appelli delle Cappuccine delle Trentatré per riavere lo storico reparto maternità.

Chiusi di corsa i reparti, ci si è accorti di recente che furono lasciati marcire anche macchinari che potevano essere recuperati: culle, isole neonatali e incubatrici (febbraio 2019). Qualche anno dopo la chiusura della maternità, nel 2017 in un accurato articolo, larchitetto Stefania Pollone (Federico II) pubblica lo stato di degrado di Santa Maria del Popolo mettendo in luce i frettolosi restauri post-bellici e quelli non meno maldestri post-sisma 1980: da allora la chiesa non aveva riaperto che saltuariamente, con i ponteggi a vista e le perdite dacqua dal soffitto. I dissesti strutturali soprattutto nella zona su cui scarica la cupola, quella crollata, erano stati rilevati dalla studiosa. Il 18 settembre 2018, si verifica il distacco dello scalone storico dellospedale: qualche tempo prima una voragine di sei metri venne individuata proprio sotto lo scalone, e una ulteriore perpendicolare si apre in direzione della farmacia.

Le pubblicazioni dellingegner Clemente Esposito, il veterano delle cavità di Napoli, avevano rilevato da decenni lo stato precario del sottosuolo degli Incurabili. Mentre cercava la piscina entro cui venivano depositati storicamente i cadaveri dei malati, lingegnere aveva esplorato pozzi, cisterne, piscine e cavedi che costellano tutta larea. È lui che ha redatto il dossier consegnato alla Procura, e che rileverebbe le anomalie delle condotte idriche allorigine del disastro attuale. E ancora, il 6 febbraio del 2019, si apre una voragine davanti allingresso del Cup; tre giorni dopo, un blitz dei Vigili del fuoco dichiara inagibile lintera palazzina A del complesso, ordinandone lo sgombero.

Infine, il fatale crollo in chiesa del 24 marzo. La tomba anepigrafa di Maria dAyerba, duchessa di Termoli, rimane in bilico sospesa sopra la voragine che sprofonda nel garage sottostante (foto in pagina ). Le ossa della cofondatrice degli Incurabili, vengono recuperate dai calcinacci. Speriamo torni presto nella chiesa che aveva voluto e finanziato, tra le tombe del figlio e del marito. Il grande piano di recupero degli Incurabili, annunciato a marzo 2020, aspetta che si designi il vincitore della prima tranche del concorso di Invitalia: 7,1 milioni di euro (data di scadenza del bando, maggio 2020). La splendida e settecentesca farmacia storica è inagibile e puntellata, ancora fortunatamente sul posto, nel grande contesto da cui non può e non deve essere alienata.

Oggi, il Museo delle Arti Sanitarie nel vecchio monastero delle Convertite continua a funzionare; la bella farmacia ottocentesca di Fra Nicola e i reperti che riassumono la storia di questo incredibile ospedale e della medicina tutta, sono fortunatamente ancora visitabili. Quando il grande progetto di recupero degli Incurabili sarà finito, speriamo tutti di vedere il museo nelle stanze che per secoli hanno curato i napoletani. Il grande ospedale nato dalla carità di Maria Lorenza, la cui santificazione si avvicina, ci lascia sperare. Uno dei più grandi patrimoni storici della città è in pericolo: oggi siamo tutti al capezzale dellOspedale degli Incurabili.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news