LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo del Principe in sicurezza? Uno sfregio per chi lha restaurato
Antonio Della Rocca
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 19/9/2020

Una ringhiera di metallo sulle antiche pietre del Palazzo del Principe, a Muro Leccese, diventa pietra dello scandalo. Uno sfregio allo splendido edificio eretto nel XV secolo su una struttura risalente al Medioevo, sentenzia il professore Paul Arthur, unautorità in materia di archeologia medievale, oltre che curatore del restauro che, nel 2004, restituì dignità e lustro alla residenza patrizia dei principi feudatari locali. Di più. È il segno tangibile di come, non di rado, si fatichi a trovare il giusto equilibrio tra le esigenze della fruizione sicura dei beni culturali, di cui comunque non sfugge limportanza, e quelle, altrettanto rilevanti, legate alla salvaguardia della bellezza. Ne è convinto Paul Arthur, professore di Archeologia medievale allUnivesità del Salento e presidente della Società degli archeologi medievisti italiani (Sami). Perciò, quello che la sensibilità dello studioso codifica come un graffio evitabile al volto rugoso del Palazzo del Principe, diventa simbolo, insieme ad altri, di una complicata dialettica tra apparati, quadri normativi e burocrazie. Si aggiunga anche la sciatteria del tariffario delle visite scritto a penna su un pezzo di cartone appeso a un traballante treppiede allingresso della residenza, a completare un quadro di desolante degrado, come denuncia lo stesso Arthur.

Si dice stupito il professore, anche perché, ricorda, il palazzo è uno degli edifici medievali più importanti dellintero Mezzogiorno dItalia e doveva diventare un centro di fama europea per il suo valore culturale, mentre ora vedo cose da paese dellAfrica centrale. Una dura reprimenda indirizzata al Comune che, a suo tempo, ha avviato i lavori per rendere visitabile il piano superiore, dovendo, per questo, mettere a norma lintero immobile. Comprendo bene le esigenze di sicurezza ragiona Paul Arthur . E comunque le misure necessarie per rendere fruibile il palazzo non necessariamente devono essere contrastanti con lestetica. Il bene non può essere sfigurato in ragione di tali esigenze. Ricordo che il compianto sindaco di Muro Leccese, Totò Negro, cercò il dialogo, allepoca dei restauri, con i vigili del fuoco per trovare un giusto compromesso tra sicurezza e tutela del manufatto. La ringhiera? Non dico che non andava fatta, ma si poteva scegliere una soluzione meno impattante, più dolce, più artistica. Io credo, per il bene dei nostri monumenti, che anche nellapplicazione delle normative si possa trovare un equilibrio, mentre qui mi pare che ognuno stia procedendo per la propria strada lavandosene le mani.

Grazia Semeraro, professoressa di Archeologia classica al dipartimento di Beni culturali di UniSalento, riflette: Vi è unassenza di strategia da parte dei Comuni nella gestione del patrimonio culturale di cui sono proprietari. Un sistema di gestione di alto livello dei beni culturali dovrebbe essere in grado di individuare le soluzioni più coerenti con il contesto monumentale. Dico questo come considerazione di carattere generale, senza alcun riferimento a vicende specifiche. Il sindaco di Muro Leccese, Antonio Lorenzo Donno, difende il lavoro fin qui fatto al Palazzo del Principe, spiegando che tutti gli interventi, compresa linstallazione della ringhiera divenuta pomo della discordia, sono stati fatti sotto la supervisione e con il benestare della Soprintendenza. Non capisco tutte queste critiche replica il primo cittadino , perché abbiamo agito nel pieno rispetto delle regole. Per rendere fruibile il piano superiore del palazzo abbiamo dovuto fare lavori imposti dalle norme sulla sicurezza e che ci sono stati chiesti dai vigili del fuoco. Abbiamo fatto dei progetti e la Soprintendenza ha approvato la ringhiera che è stata installata. Cera la necessità di rendere più sicuro laffaccio e, sinceramente, intervenire con delle opere murarie - rimarca Donno - ci sembrava eccessivo. È passata quella soluzione progettuale e abbiamo proceduto come da indicazioni della Soprintendenza. So che il professore Paul Arthur avrebbe preferito che nel Palazzo del Principe fossero custodite solo testimonianze dellepoca medievale, ma avendo anche una storia messapica da raccontare, in virtù di importanti testimonianze archeologiche, a queste abbiamo voluto riservare una zona delledificio.

La Soprintendenza conferma di avere concesso il via libera agli interventi e che tutto procede secondo i piani nel cantiere ancora oggi in piena attività. Nessuna svista. Nessuno sfregio alla bellezza.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news