LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Franchi, interventi profondi. Anche Nardella con la ruspa
Mauro Bonciani
Corriere Fiorentino - 24/9/2020

Cè anche la possibile limitazione della capienza, e non a causa del Covid, negli elementi di criticità emersi dalla relazione dellAteneo sulla sicurezza dello stadio Franchi che il Comune ha chiesto un mese fa. E che ieri è stata resa nota, sottolineando che limpianto sportivo ha bisogno di un restyling profondo facendo quasi coincidere così la linea dellamministrazione con la volontà della Fiorentina. Il club viola e Palazzo Vecchio contano entro un mese di andare al ministero dei beni culturali con il nuovo progetto per il Franchi, che però resta in carico agli architetti di Commisso.

Intanto la relazione tecnica che darà più forza allamministrazione nei rapporti con il ministero e il soprintendente Andrea Pessina, se a questo fosse chiesto un parere accelera la prospettiva di interventi aperta dallemendamento sblocca stadi inserito nel decreto semplificazione approvato dal Parlamento. Intanto, il patron italo americano si tiene aperta anche la strada di Campi, dove ieri ha compiuto un lungo sopralluogo.

La novità è la relazione dellUniversità sulla vulnerabilità sismica ed indicazioni sullo stato di conservazione dello stadio Franchi che evidenzia la necessità di interventi per garantire il miglioramento della resistenza ai terremoti, assieme alla necessità di lavori per la sicurezza statica, cioè quando lo stadio è alla capienza massima di spettatori.

Le analisi sono state eseguite su ognuno dei 24 blocchi di cui è formato lo stadio ed il risultato è che su alcuni di essi occorre agire subito, con una spesa di circa 6 milioni per metterlo in sicurezza sismica e non dover ridurre la capienza. Dalla relazione emerge una situazione estremamente critica commenta Nardella Sono due i punti centrali, il primo è che lo stadio in questi anni è stato fruibile grazie agli interventi del comune di Firenze che negli ultimi dieci anni ha speso 600.000 euro ogni 12 mesi. Da ora in poi la situazione è così critica che non basta un semplice intervento di manutenzione straordinaria, che faremo nellimmediato per 800mila euro. Poi il sindaco aggiunge: Se vogliamo una situazione definitiva per la sicurezza dello stadio è necessario ora più che mai un intervento profondo e straordinario.

E le parole di Commisso sulla distruzione dello stadio? Non commento, la riunione di martedì è stata molto operativa ed è andata abbastanza bene. Noi aspettiamo che la Fiorentina presenti, come concordato, il progetto preliminare che insieme consegneremo al ministro. Sulla visita di questa mattina di Commisso a Campi Bisenzio, Nardella conclude: Siamo tranquilli. Poi la Fiorentina è libera di fare quello che vuole, noi siamo qui e lavoriamo. Intanto gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri dicono no a qualsiasi ipotesi di demolizione e chiedono la messa in sicurezza del Franchi, assieme ad un concorso internazionale per la riqualificazione di Campo di Marte.

Toni più soft rispetto a martedì per Rocco Commisso, che si è trattenuto a lungo a Campi ma ha sottolineato che entrambe le opzioni sono viable , fattibili. Forse il termine distruggere è un po troppo forte ma il concetto è che se le cose si fanno vanno fatte belle. Comunque adesso in testa per lo stadio ho due opzioni, una riguarda il Franchi laltra larea di Campi Bisenzio, ha detto infatti Rocco Commisso dopo aver incontrato a Villa Rucellai il sindaco di Campi, Emiliano Fossi. Vogliamo andare a Roma quanto prima per vedere che fare: oltre al Franchi cè lopzione Campi con un nuovo stadio, parcheggi e altro, ci sono pro e contro, vanno valutati costi, tempi... Ora andiamo avanti su entrambe le opzioni, se poi non potremo fare non faremo. Quale è più percorribile? Magari 49 e 51%, ma non voglio offendere nessuna delle due parti ha sorriso. Precisando ancora sul termine distruggere: Per me significa rifarlo, forse qualcosa si può anche tenere di quellimpianto ma il punto è che se spendi molti soldi su una struttura che ha 90 anni qualcosa devi rifare.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news