LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E Commisso: Entro un mese sceglierò tra Campi e Firenze
Matteo Magrini
Corriere Fiorentino - 24/9/2020

Campi Bisenzio Lo slogan ci sarebbe già. Il progresso è qua!, urla a Commisso un tifoso viola vedendolo entrare a Villa Rucellai, sede del Comune. È lennesima tappa della partita infinita. Da una parte Campi, dallaltra Firenze. Nel mezzo, il nuovo stadio. Il momento della scelta però, si avvicina, e ieri Rocco ha raccolto altri elementi (parecchio) importanti.

Lo ha fatto in una (lunghissima) mattinata, andando a far visita (dopo lincontro con Nardella di martedì) allaltro grande attore di questa vicenda: Emiliano Fossi. Una visita, quella al primo cittadino di Campi Bisenzio, attesa da tempo. Due ore di faccia a faccia nel corso del quale il presidente della Fiorentina si è fatto aggiornare sui passi mossi dallamministrazione nei mesi scorsi. Da quando, per intendersi, il direttore generale viola Joe Barone ha incontrato la famiglia Casini, proprietaria dei terreni nei quali potrebbe sorgere il nuovo stadio (38 ettari lungo via Allende) trovando laccordo per unopzione dacquisto (valida fino al 2021) per circa 5 milioni di euro. Successivamente, la società, ha fatto pervenire al sindaco la lettera con la quale ha ufficializzato la sua manifestazione dinteresse per la realizzazione in quellarea per il nuovo stadio. Da quel momento, il sindaco Fossi non sè mai fermato: ha aggiornato il piano urbanistico, ha presentato in Regione il progetto che prevede la realizzazione di un nuovo svincolo autostradale e della tramvia che dovrebbe arrivare proprio a Campi e ieri ha fatto il punto con il patron viola. Lincontro è stato positivo le sue parole e posso ribadire che stiamo rispettando tutte le tempistiche che prevedono, qualora la scelta ricadesse su Campi, di dare lok per linizio dei lavori tra gennaio e marzo del 2021.

Bocca cucita invece, sui costi. Su questo dovete parlare con la Fiorentina, la risposta di Fossi. Al suo fianco Rocco ascolta, e spiega che lipotesi Campi resta percorribile, così come quella del Franchi. È quella, la priorità. Soltanto a certe condizioni, però: le sue. Mi dispiace ma non considero il Franchi un monumento. Se spendo dei soldi devo fare quello che ho in mente io. E quindi una ricostruzione quasi totale. Distruggere tutto? No, qualcosa posso tenere, io voglio distruggere solo le cose brutte costruendo qualcosa di bello.

Per questo, spera di poter andare a Roma (al ministero dei beni culturali) il prima possibile, in modo da capire nei dettagli cosa potrà fare, e cosa no, a Campo di Marte. Nel frattempo, assieme ai suoi architetti, porterà avanti e studierà i due progetti paralleli. Ci sono pro e contro per entrambi, ha aggiunto ieri. A sfavore di Campi, per esempio, cè il fattore tempo. Qualora arrivassero tutti i permessi infatti, sul Franchi si potrebbe intervenire più velocemente. Lasso che Fossi può calare su questo immenso tavolo verde, invece, è il fatto che nel suo Comune Rocco potrebbe realizzare uno stadio ex novo che, in automatico, sarebbe di sua proprietà. Certo, non si può dire che Commisso non stia valutando tutto con la massima attenzione. Sempre ieri, per esempio, dopo il colloquio a Villa Rucellai ha voluto vedere i terreni interessati, ma non solo. La mattinata infatti si è conclusa con una visita ai Gigli, dove ha incontrato alcuni manager del centro commerciale per farsi spiegare numeri, movimento daffari, volume di visitatori. Del resto, non di solo stadio si parla e per scegliere, una volta per tutte, è bene avere le idee chiare. La palla, ora, è tra i piedi di Rocco. Non resta che capire se andrà in direzione Campi o Firenze.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news