LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Voglio distruggere il Franchi. Loffensiva finale di Commisso
Michela Lanza
Corriere Fiorentino - 23/9/2020

Mancava da Firenze da sette mesi, ma Rocco Commisso in due ore di incontro con il sindaco Dario Nardella ha mostrato di non aver cambiato le proprie idee sul Franchi. Forte della nuova norma sugli stadi, il patron viola ha scelto di accelerare ancora rilanciando lidea di un Franchi completamente nuovo. Altro che ristrutturazione insomma, le intenzioni di Rocco vanno molto oltre: Io voglio distruggerlo tutto e ricostruire il Franchi come voglio io. E se non mi fanno fare quello che voglio con i miei soldi allora se lo possono tenere. Il Franchi non è il Colosseo o Palazzo Vecchio. In un Paese normale me lo farebbero buttare giù, proprio come hanno fatto in Germania e in Inghilterra..

È un fiume in piena Commisso. I sorrisi non mancano, le dichiarazioni di circostanza pure (da Palazzo Vecchio filtra un laconico incontro positivo, ma dalla sorpresa che rimbalza evidentemente lidea presentata da Commisso per il Franchi non era da Demolition man) ma stavolta i volti appaiono molto più tirati dopo due ore di confronto nella Sala dArme di Palazzo Vecchio con il sindaco Nardella. È andata ok racconta Rocco provando ad essere diplomatico e non voglio stare qui a ripetere quello che è successo con la Mercafir. Giovedì riparleremo dello stadio quando presenterò lo studio della Deloitte sullimpatto economico di un nuovo stadio per la Fiorentina. La situazione resta quella di giugno scorso: però se le cose non si possono fare come voglio io restando nei confini della legge, allora non se ne fa niente.

Limpressione che la battaglia sia appena iniziata è sempre più forte: Le mie tre condizioni sono il totale controllo, la rapidità e i costi ragionevoli. Adesso dobbiamo preparare un progetto preliminare per cui occorreranno almeno due mesi e poi si deve andare a Roma, al ministero, per capire cosa è possibile fare. A quel punto decideremo. E proprio al governo fa riferimento ancora Rocco: Credo che la nuova legge ci possa dare la possibilità. Al Franchi ci sono problemi sismici, di standard Uefa, per non parlare di quelli di sicurezza (dice mostrando ancora il calcinaccio caduto, ndr ) e igienici: domenica scorsa sono stato a vedere lo stadio, in alcuni punti non ero mai stato, nei bagni per esempio mio moglie si è rifiutata di entrare. E poi ci sono vetri appannati che non fanno vedere la partita. Ma come posso io chiedere a un tifosi di pagare un biglietto per tutto questo? Credo che i fiorentini non si meritino molto di più e se qualcuno non lo capisce.... Giusto il tempo per riprendere fiato e lanciare altri messaggi a Palazzo Vecchio e al governo: Noi vogliamo fare una cosa bella, moderna, che dia bellezza alla vostra città. Se non si può fare al Franchi, allora cè sempre Campi. Anzi vi dico che domani sarò lì a parlare con il sindaco. Parole che riportano lorologio indietro di qualche mese, a prima che fosse approvata la legge sugli stadi. Per questo Commisso precisa subito: Sono stato molto ma molto rispettoso di Firenze. Il primo progetto presentato riguardava il Franchi. Se quello fosse stato accettato... Solo che ora quello che mi sarebbe andato bene un anno fa non mi va più bene.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news