LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il nodo irrisolto che pesa sul tavolo
Ernesto Poesio
Corriere Fiorentino - 23/9/2020

Quando a giugno i tifosi si presentarono al Franchi con le ruspe e un striscione che ritraeva labbattimento dello stadio, nessuno pensava che avrebbero previsto il futuro. Almeno quello immaginato da Rocco. Di sicuro non lo pensava Dario Nardella che solo poche settimane fa aveva prima rassicurato il soprintendente Pessina (Niente scempio, garantisco io) e poi ribadito che nessuno ha in mente di abbattere il Franchi. E invece a Commisso sono bastati pochi giorni per sbaragliare nuovamente il campo. E imporre il suo aut aut: o si fa come dico io o vi arrangiate. Certo, i modi (mediatici) del patron sono fin troppo diretti. E forse è vero, come filtrava ieri sera da Palazzo Vecchio, che nellincontro in Sala dArme siano state buttate le basi per un proficuo percorso di mediazione. Ma resta il fatto che Commisso non ha alcuna intenzione di restare nuovamente imbrigliato da leggi, vincoli e petizioni di quella parte di Firenze che gridava allo scandalo davanti allipotesi Campi per poi protestare, ora, anche di fronte a una ristrutturazione massiccia. E se è difficile dare torto al patron viola quando sostiene di voler fare a modo suo con i soldi suoi, dallaltra sono comprensibili le difficoltà di Nardella chiamato a rappresentare gli interessi di tutta la città e non solo della squadra di calcio. Ma nella posizione di Palazzo Vecchio cè un punto debole che Rocco, da ottimo stratega, sta da tempo sfruttando. Un nodo irrisolto che rischia di sbilanciare il tavolo della trattativa. Quel dire altrimenti ve lo tenete, appare oggi come una velata minaccia a cui il Comune non pare avere armi per rispondere. Già, perché per dodici anni si è immaginato il nuovo stadio lontano da Campo di Marte. Un tempo lunghissimo durante il quale non è stato previsto nessun realistico utilizzo alternativo per il Franchi. Un autogol clamoroso che ora rischia di mettere Palazzo Vecchio in una condizione di subalternità. Viene insomma il sospetto che i primi a non credere a un nuovo stadio a Firenze fossero proprio Renzi e lo stesso Nardella. Ora però tutto è cambiato. Ai Della Valle, imprenditori italiani avvezzi alla politica, si è sostituito Rocco Commisso, che invece vede i vincoli della politica come un ostacolo. La partita è aperta, serviranno capacità di mediazione e idee innovative per superare quello che rischia di diventare uno scontro acceso. Con Palazzo Vecchio chiamato a recuperare lo svantaggio.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news