LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. «La mia vita stravolta dal caos. Dormo sul materasso in bagno e il wc lo uso come comodino»
Antonio Passanese
Corriere Fiorentino - 18/9/2020

Dormire nel quartiere tra i più tartassati dal divertimentificio incontrollato, per Mauro Contini, 52 anni, è diventato un miraggio. E così questo residente di via del Presto di San Martino, che affaccia sulla bolgia infernale di Santo Spirito — è della settimana scorsa l’ultimo inquietante episodio: un inseguimento tra pusher armati di spray urticante e katana —, ha deciso di allestire la sua camera da letto nell’unica stanzetta che ha le finestre che danno nel cortile interno: il bagno. «Ogni sera, da una settimana, gonfio il materassino, do la buonanotte a mia moglie e a mio figlio e mi rintano nella toilette — racconta Contini — Per riuscire a riposare però devo chiudere la porta e infilare i tappi nelle orecchie perché il livello del rumore è comunque altissimo. Quello che succede sul sagrato della basilica sta compromettendo anche la mia vita familiare, con mio figlio che a volte si sveglia di notte impaurito e il nervosismo che regna quotidianamente in casa».

Mauro Contini risiede in Oltrarno da una decina di anni, e con la movida ha sempre cercato di convivere: «Io e la mia famiglia avevamo trovato una sorta di equilibrio — continua — Certo, i fenomeni da baraccone, le urla e la maleducazione ci sono sempre stati, ma le cose si sono aggravate da fine maggio con l’inizio della Fase 2».

Dopo aver passato un venerdì notte in bianco («per gli schiamazzi e la musica altissima mi sono svegliato alle 2.30, di nuovo alle 3.40 e ancora alle 5, per poi non prendere più sonno», dice), ecco l’idea: «Ho deciso di attrezzare la mia singola tra il bidet, il lavandino e la doccia. Il wc, invece, lo uso come comodino, per poggiarci la lampada, il libro che sto cercando di concludere con estrema difficoltà, la sveglia e il telefonino. Ma molti amici e residenti invece di fare la mia stessa fine hanno preferito vendere o affittare. Interi palazzi si stanno trasformando in bed & breakfast spesso abusivi: se non si interviene, tra un po’ qui non rimarrà più nessuno. Possibile che Santo Spirito, invece di attrarre turisti per le sue innumerevoli bellezze, sia rinomato solo per la mala movida?», si chiede Contini che è tra i quaranta firmatari dell’esposto presentato a metà agosto alla Procura della Repubblica.

Un dossier con decine di testimonianze, foto e video ora al vaglio dei magistrati a cui è stato chiesto di accertare due aspetti: chi siano i responsabili, ad ogni livello istituzionale, del mancato rispetto delle misure anti Covid e perché «in Santo Spirito, ogni sera, gli spacciatori girano liberamente e decine e decine di persone ubriache disturbano la quiete pubblica, consumano droga e fanno pipì ovunque senza che gli accada nulla».

Mauro, domani sarà sia in piazza Santo Spirito e poi davanti a Palazzo Vecchio, insieme a sua moglie e a suo figlio, per il flash mob e il sit-in contro la mala movida: «Vogliamo sollecitare un dibattito, fare appello a chi può e deve cambiare le cose. Perché le cose, credetemi, stanno peggiorando senza che nessuno provi a tirare il freno».

L’obiettivo di Mauro e del gruppo di cui fa parte è provare a togliere il prefisso «mala» alla movida. Una «battaglia di civiltà» che si rifà anche ai diritti sanciti dalla Costituzione. «Vogliamo che il fenomeno sia disciplinato, le nostre zone sono violentate da ogni tipo di eccessi. Quello che succede nei weekend ci fa paura. E poi, dopo una settimana di esperimento, lo voglio proprio dire: mi sono stufato di dormire in bagno per colpa di qualche imbecille. Non ho più venti anni e i dolori alle articolazioni iniziano a farsi sentire».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news