LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Grate in piazza del plebiscito. Ecco tutto ciò che non è chiaro
Gaetano Brancaccio
Corriere del Mezzogiorno - Campania 17/11/2020

Caro direttore, siamo cittadini Napoletani, amiamo la nostra città, la sua cultura, il suo patrimonio artistico ed architettonico. Rappresentiamo Associazioni Culturali e Comitati che nei loro scopi statutari prevedono la difesa dei beni culturali patrimonio di tutti i cittadini, nonché la promozione e diffusione della conoscenza dei beni culturali. Ringraziamo il Corriere del Mezzogiorno per l’attenzione che dedica a questi temi.

Subito premettiamo che, con l’attuale soprintendente Luigi La Rocca, da meno di un anno insediato in città, si è immediatamente creato un rapporto proficuo di collaborazione culturale, nell’interesse della città, in alcune operazioni e proposte di recupero di beni monumentali quali ad esempio Palazzo d’Avalos. Nello spirito di collaborazione previsto dal Codice dei Beni Culturali, siamo intervenuti lo scorso anno su Piazza Plebiscito, cercando di coniugare le esigenze di un sistema di trasporti efficiente e moderno, con la tutela integrale del nostro patrimonio monumentale.

Da troppi anni abbiamo la città invasa da cantieri, da lavori stradali che rendono il traffico caotico, la nostra vita quotidiana difficile. La nostra città, che si spera al più presto con la fine della pandemia, possa tornare meta di turisti, necessita di completare rapidamente i lavori per la chiusura di tutti i cantieri della metropolitana. Siamo intervenuti sul posizionamento delle grate di aereazione che il progetto del Comune prevede nell’emiciclo di Piazza del Plebiscito. La vicenda vedeva contrapposti il Comune di Napoli ed il Mibac, in un contenzioso giudiziario che rischiava di avere tempi incerti ed esiti imprevedibili. Per l’amore che nutriamo verso la nostra Città chiedemmo di trovare rapidamente una soluzione condivisa al di fuori delle aule dei Tribunali. Come associazioni civiche presentammo alcune proposte di mediazione che tutelavano il rispetto del vincolo monumentale e l’esigenza di completare l’opera in tempi rapidi, senza costi aggiuntivi, senza l’apertura di nuovi cantieri in zone a traffico intenso.

Le ricordiamo velocemente: 1) 10 passi per piazza Plebiscito. Prevede l’installazione di griglie di aerazione fuori dall’emiciclo della piazza. Abbiamo immaginato il posizionamento di griglie larghe circa 1,5 metri e lunghe 18 metri che possono svilupparsi lungo il bordo esterno della piazza. Una soluzione che, allo stesso tempo, salvaguarda la piazza, coincide con le esigenze di aerazione della metropolitana e non invade la sede stradale;

2) Grate artistiche. Prevedeva di realizzare le griglie nella zona vincolata ma di trasformarle in una vera e propria opera d’arte, esaltandone il valore estetico e monumentale.

3) Vani sotterranei. Prevedeva l’utilizzo di alcuni locali di proprietà del Demanio le cui canne di aerazione passano proprio sotto l’edificio religioso e sfociano su piazza Plebiscito e su via Gennaro Serra. Proporremo al Comune di interessarsi per l’acquisto e il riadattamento di uno di questi locali da destinare a condotta di aerazione. Queste proposte furono inviate al Ministero e al Comune di Napoli e furono pubblicate sui giornali cittadini.

Con l’accordo sottoscritto tra Mibac e Comune di Napoli nella scorsa Primavera si giunse ad una soluzione di compromesso che nello spirito di queste proposte evitasse che il cantiere incidesse nell’aria dell’emiciclo del colonnato e limitasse al minimo l’impatto di eventuali grate che avevamo auspicato si potessero collocare immediatamente fuori dall’area vincolata. Siamo intervenuti nuovamente, quando abbiamo potuto vedere dall’alto le foto che mostravano una grande area di scavo, nei pressi del colonnato e all’interno dell’emiciclo, ci siamo rassicurati quando abbiamo appreso dalle parole del soprintendente, nella lettera pubblicata sabato dal Corriere del Mez zogiorno, che sarà richiusa e ripavimentata con i basoli originari. Siamo quindi lieti della precisazione e dell’intervento del soprintendente La Rocca, riguardo alla salvaguardia dell’area dell’emiciclo. Sulla localizzazione e sul posizionamento delle grate al centro della piazza continuiamo ad auspicare che le stesse, possano essere posizionate con l’uso di canne di areazione, fuori dall’area vincolata con uno spostamento di pochi passi e il posizionamento di griglie che possano correre lungo il bordo esterno della Piazza del Plebiscito.

A margine della lettera facciamo notare che nel cartello di cantiere, non c’è alcun riferimento al documento di valutazione di impatto ambientale e soprattutto alla data fine lavori, che considerato il prestigioso contesto monumentale dell’area, renderebbe più tranquilli tutti cittadini, sulla effettiva data di restituzione alla fruizione dei cittadini della Piazza Monumentale del Plebiscito.

La mancanza della data di fine lavori sta a rimarcare una drammatica mancanza nei confronti della legge e soprattutto della città, il continuo spostamento della data di consegna dei cantieri della metropolitana a cui abbiamo assistito negli ultimi 20 anni è ormai intollerabile, così come è intollerabile l’assoluta approssimazione con cui in città si portano avanti cantieri importantissimi, ultimo quello della galleria Vittoria di cui ancora non si conosce la data di inizio e fine lavori.

Rete di AssociazioniInsieme per Napoli /per Napoli civile



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news