LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campania. Il gioiello consegnato al Mibact Villa Favorita
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 28/11/2020

«Favorita» dai Borbone, da Ferdinando Fuga che la costruì e ora anche dal Mibact. È stato avviato ieri il percorso di recupero di uno dei gioielli del Miglio d’Oro, Villa Favorita, appunto. L’imponente complesso che comprende anche il parco con approdo al mare, è stato consegnato al Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo che avvierà anche la valorizzazione unitaria e la fruizione pubblica di questa preziosa testimonianza settecentesca di Ercolano.

«Contestualmente alla consegna del bene al Mibact - si legge in una nota - è stata firmata anche la convenzione per gli interventi edilizi necessari alla sua ristrutturazione prevedendo un investimento congiunto complessivo di 12,5 milioni di euro, di cui 10,5 stanziati dalla Agenzia del Demanio e i 2 rimanenti dal Mibact».

E poi: «L’agenzia del Demanio, individuata come stazione appaltante, svolgerà quindi tutte le attività per il restauro e il risanamento conservativo della Villa, curando le procedure per la definizione degli interventi necessari e l’esecuzione dei lavori, partendo proprio dai rilievi e dalle indagini preventive necessarie allo sviluppo del progetto».

L’anno scorso, dopo alcuni crolli, era partita una petizione che aveva ricevuto migliaia di firme. Vi si lamentava la «mancata rinascita della Villa e il crollo del solaio che ha interessato una parte meno nobile dell’annesso Palazzo Bianchi a causa delle gravi infiltrazioni d’acqua dovute al maltempo». E si rilanciava «la necessità di individuare, come indicato dall’Amministrazione Comunale, una nuova dimensione per il complesso architettonico che può rappresentare un grande attrattore culturale, museale e ricettivo per incontri di formazione e progetti di carattere internazionale, con ricadute positive in termini occupazionali, di sviluppo e promozione della città di Ercolano in Italia e all’estero».

Se ne erano fatti portavoce anche il Consorzio Costa del Vesuvio e l’Associazione Pro Loco Herculaneum - promotrice in passato del dossier di candidatura della città di Ercolano al titolo di Capitale Italiana della Cultura - individuando proprio il Mibact come interlocutore privilegiato.

C’era stato poi l’appello della Onlus «Siti Reali» per il riconoscimento del Sistema delle tredici residenze di Casa Reale di Borbone del Sud Italia «quale sito seriale che nella storia umana rappresenta non solo un esempio straordinario di architettura monumentale internazionale ad alto valore paesaggistico e di biodiversità, ma anche una testimonianza eccezionale di pianificazione e sviluppo culturale, economico e sociale in ambito euromediterraneo durante l’epoca del dispotismo illuminato, delle riforme e delle rivoluzioni di fine Settecento».

La storia della Real Villa della Favorita - questo il nome per esteso - è strategica nella storia del Mezzogiorno. Costruita nel 1768 da Ferdinando Fuga, nel 1792 fu acquistata da Ferdinando IV che la destinò a residenza reale. Ma fu nel 1799 che il parco fu ampliato fino al mare con la costruzione di un approdo.

Finita tragicamente la Repubblica Partenopea, Ferdinando IV ritornò a Napoli da Palermo sbarcando proprio alla Favorita il 27 giugno 1802.

La villa andò in dono al secondogenito Leopoldo, principe di Salerno al quale si devono l’ampliamento, le scuderie e i famosi giochi (i modellini si trovano esposti al Palazzo Reale di Caserta) e intrattenimenti alla moda: balançoires a foggia di cavallo, barca, sedia e la palazzina delle montagne russe. I sudditi ne potevano usufruire nei giorni di festa.

Con Murat ancora feste e dopo il ritorno dei Borbone la villa fu restaurata e ridecorata. Ma le sale «alla turca» si devono a un ospite eccellente: tra il 1879 e il 1885 il governo italiano ospitò Ismail Pascià, deposto Kedivè d’Egitto venuto in esilio in Italia.

Philipp Hackert, inoltre, vi dipinse tra il 1787 e il 1797 le vedute dei porti del Regno di Napoli (trasferiti nel 1879 alla Reggia di Caserta). Il salone centrale era decorato con un mosaico della villa di Tiberio a Capri al Museo di Capodimonte.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news