LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parma. Case nei pressi del Castello di Torrechiara: la variante urbanistica finisce in Regione
La Repubblica - Parma 2/12/2020

La Regione faccia chiarezza sui lavori urbanistici che interessano l'area del castello di Torrechiara, nel Comune di Langhirano, in provincia di Parma.

A chiederlo, in un’interrogazione, è la consigliera Silvia Piccinini (Movimento 5 Stelle) a proposito dell'area circostante il castello oggetto di un’opera di revisione urbanistica deliberata dal Comune di Langhirano attraverso l’adozione di varianti al Psc.


Modifiche che "rischiano di determinare non solo un rilevante consumo di suolo, ma anche un oggettivo e irreparabile “consumo di bellezza e di un patrimonio pubblico e comune".

"Questa operazione è connessa a competenze diverse, da quella comunale, con il percorso per l’adozione delle varianti, alla Regione, in particolare riguardo alle prescrizioni sul periodo transitorio, allo Stato, poiché si tratta di un bene nazionale, monumento nazionale da oltre ottanta anni e gestito da articolazioni amministrative dello Stato", rileva Piccinini.

La consigliera sottolinea come "gli interventi previsti dalle varianti comunali al PSC determinano un consumo di suolo, trasformando in edificabili aree precedentemente escluse da questa possibilità, tanto che le conferenze di servizio realizzate hanno dimostrato in più punti l’esistenza di dubbi e perplessità, anche per quanto attiene al calcolo dei valori di edificabilità, espressi proprio dal livello regionale, con una nota di Arpae".

Nello specifico, la pentastellata ricorda che "è di particolare rilievo il ruolo della normativa regionale, poiché la vigente circolare regionale in merito all’applicazione della legge regionale in materia del 2017, da un lato richiama in modo chiarissimo l’impossibilità di adottare dal 1 gennaio 2018 varianti ai Psc e, nello stesso tempo, precisa che possono sussistere le varianti specifiche le quali però non possono introdurre negli stessi Psc ambiti residenziali totalmente nuovi, ma solo modifiche parziali rispetto alle previsioni insediative già in essere".

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’esecutivo regionale "se le varianti messe in campo dal Comune di Langhirano rispetto al castello di Torrechiara e al paesaggio che lo circonda siano compatibili sul piano del percorso e del merito con le disposizioni della legge regionale n. 24 del 2017 e sul periodo di transizione; se intenda richiedere al ministero dei Beni culturali un chiaro pronunciamento al riguardo e sollecitare conseguentemente l’amministrazione statale ad assicurare la massima ed effettiva tutela di un bene di tutti che è parte del nostro patrimonio; infine, se intenda comunque verificare con il Comune di Langhirano e con i comitati e i cittadini il senso dell’intera operazione, per giungere a una sua sospensione e a un ripensamento sostanziale”.

Anche Igor Taruffi (Er Coraggiosa) in un'interrogazione alla Giunta riporta le preoccupazioni di un gruppo di cittadini per la tutela del paesaggio nella zona limitrofa al castello.

Facendo quindi seguito agli esposti presentati da questi cittadini e ricordando i vincoli esistenti su tutta la zona limitrofa che sorge alle porte della Val Parma, Taruffi sottolinea come in nemmeno tre anni dall'approvazione della legge regionale 24/2017, il Comune di Langhirano è riuscito ad adottare "tutta una serie di atti consistenti in trasformazioni di aree in località Torrechiara da territorio rurale a territorio urbanizzabile, ampliando l’ambito urbano residenziale e individuando in zone di particolare interesse paesaggistico ambientale nuovi ambiti residenziali di integrazione dei margini urbanizzati soggetti a convenzione attuativa".

Stante la situazione creatasi, Taruffi chiede alla Giunta "se per l’adozione e l’approvazione della sopra citata sequela di varianti al Psc siano state rispettate le norme procedurali previste dalla Legge regionale 20/2000, in particolar modo per quanto riguarda l’informazione dei cittadini e la loro partecipazione alla formazione degli strumenti urbanistici".

Oltre a ciò, il capogruppo sollecita la Regione a chiarire se uno strumento urbanistico comunale possa, come sostenuto, "articolare meglio i vincoli ministeriali" e se la scelta di prevedere ulteriori comparti residenziali intorno al Castello "non sia in contrasto con le regole e gli obiettivi per la conservazione dei paesaggi regionali posti dal Piano territoriale paesistico regionale"

https://parma.repubblica.it/cronaca/2020/12/02/news/case_nei_pressi_del_castello_di_torrechiara_la_variante_urbanistica_finisce_in_regione-276722267/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news