LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Tre Oci, levata di scudi. Le accuse di Segre Bassetti: non venderemo a chi ha visioni turistiche
Monica Zicchiero
Corriere del Veneto, Venezia e Mestre 2/12/2020

«La Casa dei Tre Oci è la passione di tutti noi. Anche a me piange il cuore a venderla. Ma il progetto della Casa della Fotografia non verrebbe venduto né tolto a nessuno. Lo continueremo. Magari all’M9: potrebbe essere un matrimonio molto positivo».

Presidente di Marsilio e Civita Tre Venezie, la consigliera di Fondazione di Venezia Emanuela Bassetti è legata professionalmente e sentimentalmente ad entrambi gli edifici-simbolo dell’istituzione. E ha votato senza ripensamenti il piano strategico 2021-2023 che conta di vendere il 25% del patrimonio immobiliare da 130 milioni di euro. Nessun immobile escluso, neanche il bel palazzetto neogotico novecentesco alla Giudecca fatto costruire nel 1913 da pittore Mario De Maria (Marius Pictor) e acquistato dalla Fondazione nel 2000. «Può essere molto pericoloso tenere il patrimonio immobilizzato – argomenta - Dobbiamo investirlo in settori che danno più reddito per raddoppiare le erogazioni nel territorio in un momento di drammatica difficoltà: la Fondazione può fare del bene, in questa emergenza». Dell’avanzata trattativa con una fondazione privata (straniera?) per i Tre Oci (valore patrimoniale: 6 milioni di euro) sa solo il presidente Michele Bugliesi. Che ha passato al setaccio tutto il patrimonio: sprecata per i pochi uffici la sede di Fondazione in Rio Novo, troppo grande (valutata 16 milioni); dagli affitti di appartamenti e uffici in via Poerio, via Pascoli e via Brenta Vecchia non si ricava neanche il necessario per pagare le spese (valore complessivo 84 milioni); gli spazi commerciali/direzionali del chiostro M9 perlopiù sfitti e un museo chiuso dalla primavera che è un gran bell’asset per un conferimento, anche parziale, ad un fondo immobiliare. Quella dei fondi immobiliari è un’opzione cui aveva pensato anche lo storico presidente Giuliano Segre. «Presi contatti con esponenti di fondi immobiliari di Cassa Depositi e Prestiti e Imi, poi diventato un ramo immobiliare di Intesa San Paolo – racconta - Ma il presidente Giampiero Brunello respingeva qualsiasi ipotesi venisse da me. Ora sono sorpreso dal fatto che le ipotesi di vendita siano maturate al tal punto da essere presentato al consiglio generale. Una necessità di fare cassa che è esito della sua pessima gestione della quale nessuno gli chiede ragione». La reazione dei social ieri è stata vibrata all’ipotesi di cessione dei Tre Oci. Bassetti mette in chiaro che non diventerà l’ennesimo albergo: «Gli interlocutori dovranno piacerci e avere una funzione compatibile col modello di città che abbiamo in testa. E che non è quello della Venezia turistica. Pensiamo a usi per ricerca, studio, welfare». La reazione dei partiti in città è stata incerta, con l’eccezione del Psi. «Questa scelta va fermata – scandisce il segretario Luigi Giordani - Facciamo appello al presidente Bugliesi e invitiamo le forze politiche e sociali della città di intervenire a tutti i livelli». «Riteniamo non sia la scelta più opportuna – dice il segretario Pd Giorgio Dodi – Si tentino prima altre strade. Tipo risolvere la questione del chiostro M9 o la vendita dei palazzi di Mestre. E in ogni caso si pongano vincoli sulle destinazioni: espositiva i Tre Oci, residenziale e direzionale Rio Novo». Giovanni Andrea Martini di Tutta la Città Insieme chiede a Bugliesi un ripensamento: «Si dia in gestione senza cambiarne la destinazione e cederne la proprietà. Avvieremo una raccolta firme affinché non si proceda con la vendita: non si condanni l’isola della Giudecca a diventare un altro pezzo di Disneyland». Il cambio d’uso spetta al Comune, non alla Fondazione. Il sindaco non dà segni di aver cambiato idea rispetto a maggio: «La Casa dei Tre Oci non si tocca», disse parlando anche della destinazione. Brugnaro non si esprimerà prima di conoscere il piano complessivo. E allora avrà occasione di ricordare quanto dichiarato a sinistra in zona campagna elettorale contro la vendita dell’edificio.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news