LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pisa. I restauratori acrobati (4 uomini e 4 donne) della Torre di Pisa
Paolo Conti
Corriere della Sera, 05/12/2020

La nuova squadra speciale addestrata per curare i marmi di piazza dei Miracoli. Le operazioni durante il lockdown: «Non si può rischiare»


Sono storici dell’arte, restauratori professionisti e operai specializzati. Alcuni provengono dall’Istituto Centrale per il Restauro, altri hanno studiato anche all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze.
Adesso compongono una straordinaria squadra, unica nel suo genere, di restauratori-acrobati specializzati sia in materiali lapidei, cioè marmi, che in affreschi e opere pittoriche. Una tipica eccellenza italiana nel campo della tutela del Patrimonio storico-artistico. Sono i dipendenti dell’Opera della Primaziale Pisana, che sovrintende al mantenimento e alla cura dei tesori in puro stile Romanico-Pisano nella Piazza dei Miracoli: la Torre, il Battistero, il Duomo e il Camposanto, più il museo dell’Opera del Duomo e il museo delle Sinopie.

In quanto «fabbriceria» (ente che gestisce e tutela una Cattedrale, come succede anche a san Marco a Venezia, al Duomo di Milano, a santa Maria del Fiore a Firenze) in base al Concordato Italia-Santa Sede, l’Opera ha un autonomo Consiglio di amministrazione di sette membri (nominati dal vescovo e dal ministero dell’Interno) e un presidente, Pierfrancesco Pacini. L’organismo vigila sulla salute dei beni pisani, Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco dal 1987. Trattandosi di capolavori con secoli di storia (la costruzione del Duomo comincia nel 1064, quella del Battistero nel 1152, la Torre risale al 1173, il Camposanto al 1277) è necessaria una costante manutenzione di tutti gli «elementi in quota»: tegole, coperture di marmo, guglie, cornicioni, capitelli, rivestimenti. E dei preziosi affreschi del Camposanto.

Approfittando della chiusura a causa del Covid, sono entrati in azione i restauratori-acrobati. Spiega l’ingegner Roberto Cela, direttore tecnico dell’Opera della Primaziale Pisana: «Hanno accettato con entusiasmo uno specialissimo corso di 40 ore realizzato con “Vertika” di Brescia, il centro di formazione per lavori in quota su fune. Già vent’anni fa ci fu un corso con gli alpinisti di Bormio. Ora i nostri otto restauratori sono in grado di salire lungo le facciate esterne, sulle pareti interne, sui tetti, per controllare la tenuta dei materiali. Sono davvero motivati. Fatta eccezione per due senior sessantenni, hanno un’età media di 35 anni, sono quattro uomini e quattro donne». Queste operazioni sono state compiute a lungo con il supporto dei Vigili del fuoco di Pisa. Negli anni sono stati formati i restauratori: ora la squadra si muove in autonomia anche se la collaborazione con i Vigili del fuoco continuerà per l’esame delle condizioni statiche generali.
Il controllo della stabilità degli «elementi in quota» non è solo un problema storico-artistico ma anche di sicurezza, racconta Cela: «Se un pezzo di marmo si distacca può provocare seri danni alle persone. Quindi siamo chiamati a un controllo che ha una doppia valenza».
Accanto agli otto restauratori-acrobati lavorano altri esperti: restauratori di metalli e di legno, tutti materiali presenti nei beni pisani, ma anche tecnici impiantisti e giardinieri perché, sottolinea con orgoglio Cela, «il verde è il quinto monumento del complesso pisano e deve essere impeccabile». Impossibile pensare la Piazza dei Miracoli con un prato giallastro o mal tenuto.
L’intero complesso è, in questo periodo, monitorato. Annuncia l’ingegner Cola: «Stiamo organizzando un bando per alzare i ponteggi necessari per revisionare tutti gli intonaci interni della cupola». E lo stesso sta accadendo per lei, la Grande Diva, la «Torre che pende»: «Alcuni capitelli restaurati e consolidati dopo il 2001 hanno bisogno di controlli e di riconsolidamenti. Qui, nella Piazza dei Miracoli, i cantieri non finiscono mai...».

https://www.corriere.it/cronache/20_dicembre_05/i-restauratori-acrobati-4-uomini-4-donne-torre-pisa-4b76759a-3728-11eb-9dc7-1846c0e43e91.shtml


news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news