LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salvò il Cenacolo: Pinin Brambilla regina dei restauri
Stefano Bucci
Corriere della Sera 14/12/2020

Nel titolo di quel suo libro (La mia vita con Leonardo, Mondadori Electa, 2015) c’è in fondo solo una parte della storia di Pinin Brambilla Barcilon, scomparsa sabato scorso a Milano a 95 anni (era nata a Monza nel 1925), anche se forse si tratta di quella più nota al grande pubblico, legata com’è alla straordinaria impresa del restauro dell’Ultima Cena di Leonardo nel Convento della Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano. Un restauro che è riuscito a salvare l’affresco fermando la corrosione dei colori originali. Un’avventura avviata nel 1978 e conclusa nel 1999: una ventina d’anni inframmezzati da interruzioni forzose (soprattutto stalli burocratici).

Pinin Brambilla, al di là dell’Ultima Cena, è stata sicuramente una tra le figure più importanti del restauro del Novecento, anima di oltre 500 cantieri di ripristino che ha diretto e ai quali ha partecipato dal secondo dopoguerra in poi, diventando testimone per eccellenza di gran parte della storia della tutela del patrimonio artistico del nostro Paese. Nota in tutto il mondo, ha condotto restauri eccellenti come quelli delle pitture di Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova, degli affreschi di Masolino da Panicale nel Battistero di Castiglione Olona (Varese), degli affreschi altomedievali di Oleggio (Novara) e quelli quattrocenteschi di Palazzo Borromeo a Milano.

Sotto la sua lente (la stessa «lente» di una sua celebre fotografia scattata sul cantiere dell’Ultima Cena) sono passati capolavori di Piero della Francesca, il Pollaiolo, Filippino Lippi, Crivelli, Mantegna, Lorenzo Lotto, Gentile Bellini, Bronzino, Caravaggio, Tiziano, Tiepolo, oltre a numerosi artisti di arte moderna e contemporanea (tra cui Lucio Fontana e Man Ray). Nel 2011-2012 ha fatto parte del comitato scientifico per il restauro della Sant’Anna di Leonardo del Louvre ed è stata membro del comitato ministeriale per le celebrazioni del cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci nel 2019. Il 27 settembre 2019, infine, l’Università di Torino le aveva conferito la laurea honoris causa in Conservazione e restauro dei Beni culturali.

Il restauro dell’Ultima Cena avrebbe dato la giusta gloria al lavoro di Pinin Brambilla, soprattutto una volta concluso, ma in corso d’opera tante erano state le polemiche che, come scrisse l’allora soprintendente Carlo Bertelli, finirono per esporre la restauratrice «alle frecce come un san Sebastiano». Lei minimizzava: «Si sa che quando si è in prima linea si sarà colpiti per primi. Io però mi ero assunta quell’impegno e andai avanti, cercando di non prestare attenzione alle polemiche». Anche se lavorare con Leonardo non era mai facile: «Certe volte non lo sopporto più, non lo reggo più, lo odio. Leonardo è una creatura difficile. È chiuso, non si lascia scoprire. Io all’inizio faticavo a capirlo, mi risultava estraneo. Poi, lentamente, ho imparato a guardarlo nel modo giusto. Ora non potrei mai confondere la mano di Leonardo con una ridipintura. Lui è inconfondibile, unico».

L’annuncio della scomparsa è stato dato ieri dal Centro per la conservazione e il restauro La Venaria Reale, fondato proprio da Brambilla nel 2005 nella Reggia di Venaria (Torino) e da lei diretto fin dalla creazione: «Il suo rigore resterà un punto di riferimento che continuerà a vivere nelle nostre scelte e nelle nostre azioni. Ciao Pinin, ci mancherai», ha scritto su Facebook il Centro.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news