LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Massa. Barotti: «Il Portale del Pasquino mostra segni di degrado. Inoltrata nota a Soprintendenza e Ministero»
Voce Apuana 22/11/2020

“Il Portale del Pasquino, uno dei simboli della nostra città, mostra segni di degrado; preoccupano, particolarmente, delle fessure in corrispondenza delle figure marmoree”. A segnalarlo è il consigliere comunale di Massa Andrea Barotti, che poi annuncia: “La situazione riscontrata mi ha spinto, prudenzialmente, ad inoltrare alla Soprintendenza e, per conoscenza, al Ministero per i Beni culturali una nota chiedendo che vengano condotte,
cautelativamente, delle verifiche per accertare lo stato del monumento”.

“Al fine di rassicurare quanti mi hanno espresso timori per l’integrità del portale – spiega Barotti – ho invitato la Soprintendenza, qualora ne sussistessero i presupposti, ad attivare le procedure previste dalla vigente normativa.
Ho domandato all’Autorità di tutela, viste le incertezze sulla proprietà dell’opera marmorea e del muro a cui aderisce, di fare chiarezza dandomene riscontro; la questione assurge rilievo non solo ai fini della competenza, dei provvedimenti per la salvaguardia ed il restauro ma anche per capire quale percorso il Comune potrebbe intraprendere per acquisire il portale. Infine, ho chiesto, ipotizzando che la politica si muova per far entrare nel patrimonio pubblico un frammento della storia cittadina, alla Soprintendenza se tra le opzioni finalizzate alla miglior
conservazione possa essere compreso lo spostamento del monumento oggetto di “tutela”; il portale, qualora venisse ricostruito il giardino ducale, potrebbe essere ricollocato, con opportune protezioni, all’ingresso del parco. Tale sistemazione non esporrebbe le sculture alle vibrazioni ed agli ulteriori deleteri effetti del traffico”.

“Mi auguro di ricevere una risposta – prosegue il consigliere – e spero che l’Amministrazione metta, finalmente, al centro della politica di rilancio culturale il recupero dei beni architettonici, artistici, storici della città! prima di impegnare delle risorse per rifare delle piazze, per sostituire un’area verde con uno Skate Park, di immaginare una rotonda da quattrocentomila euro si dovrebbe salvare l’identità di un popolo! Penso al vecchio Municipio, al portale del giardino Ducale, a quanto resta della Massa picta, al Battì del barilo, al Pomario ridotto ad un roveto, alla valorizzazione di Borgo Ponte e Capaccola. La riqualificazione di un quartiere storico, come quelli poc’anzi citati, non può consistere in uno spazio di sosta, tantomeno in quello che ho visto davanti alla scuola Bertagnini. Sono certo che un buon amministratore avrebbe considerato prioritario restituire dignità ad una parte importante della città.
La vicenda della perequazione di Via Venturini deve essere approfondita. Bisogna esaminare i documenti, le stime per verificare i calcoli e così stabilire se residui un credito. Risorse che, se appurate, dovranno essere utilizzate per cancellare il degrado, l’abbandono denunciato dai cittadini. Ad oggi nessun effetto hanno prodotto gli articoli sui giornali o le note protocollate in Comune! La politica, l’Amministrazione non sembra interessata ad accertare se il piano di opere pubbliche, previsto dalla perequazione, sia stato ultimato! Eppure c’è chi sostiene, pubblicamente, che i conti non tornino! È difficile capire i motivi del silenzio del “governo del cambiamento” su una questione che si trascina da anni; mi sarei aspettato dai propagandatori della trasparenza un impegno pubblico a far luce sul caso! Confidavo, irrealisticamente, che il muro di gomma lamentato dall’Ing. Carlo Milani sarebbe, finalmente, crollato! Mi sbagliavo”.

“I cittadini meritano risposte – conclude Barotti -, è doveroso sgombrare il campo da dubbi, evitare il rischio di perdere, qualora vi fosse, la possibilità di realizzare un partecipato ed importante progetto di riqualificazione urbana ed è per tale motivo che ho, formalmente, richiesto tutta la documentazione della perequazione; sono disponibile sin d’ora ad un confronto, aperto alla comunità, con l’Amministrazione affinché, con il contributo di tutti, si possa chiudere una vicenda che sembra ancora sospesa. L’alternativa al tavolo pubblico è la commissione di indagine che il Consiglio Comunale potrebbe istituire; soluzione che consentirebbe di raccogliere la documentazione, ascoltare i dirigenti, approvare, al termine dei lavori, una relazione conclusiva con i fatti accertati, gli esiti delle indagini svolte, nonché una proposta finale da sottoporre all’assemblea. Le proposte sono sul tavolo ora sta all’Amministrazione raccogliere la sfida oppure, come sin qui ha fatto, tacere”.

https://www.voceapuana.com/attualita/2020/11/22/barotti-il-portale-del-pasquino-mostra-segni-di-degrado-inoltrata-nota-a-soprintendenza-e-ministero/35539/


news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news