LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. «Restyling del Franchi unica via. No al monumento abbandonato»
Mauro Bonciani
Corriere Fiorentino 19/12/2020

Bocche cucite da Roma sul futuro dello stadio Franchi — «è una questione tecnica non riguarda il ministro, e non si rilasciano dichiarazioni su procedimenti in corso» dicono dal dicastero dei Beni culturali — e sui tempi in cui arriverà la risposta su cosa si può conservare e cosa demolire. Ma il dibattito sul nuovo Franchi o sul nuovo stadio della Fiorentina ieri non si è certo fermato.

«Posso assicurare che il mio obiettivo è non permettere, costi quel che costi, che il Franchi rimanga un monumento abbandonato, con tutte le conseguenze negative su un quartiere che invece vive dell’attività dello stadio, di attività commerciali connesse, culturali. Lo stadio e il quartiere di Campo di Marte sono un tutt’uno», ha detto Nardella, ai microfoni di Controradio dopo che il sovrintende Pessina aveva detto che lo stadio è «ben conservato» . Sul futuro del Franchi il primo cittadino ha ribadito che «finché il ministero non dà una risposta non aggiungerei ulteriori opzioni che potrebbero generare confusione o aspettative. Non penso che il parere del ministero si farà attendere più di tanto» e sull’idea che si possa fare uno stadio di calcio al posto del Ridolfi ha detto: «A questo punto la strada maestra non può che essere il restyling del Franchi. Questa ipotesi del Ridolfi non l’abbiamo approfondita».

L’idea comunque non piace a Giani, che da assessore di Palazzo Vecchio allo sport inaugurò l’impianto a due passi dal Franchi nel 2003. «Quando uno sport cerca di schiacciare l’altro, è sempre qualcosa di negativo — commenta il governatore Giani — Quella struttura costò di 15 milioni di euro al Comune di Firenze. L’atletica fu cancellata dallo stadio di calcio nel 1990 per i Mondiali e il Ridolfi è stato ossigeno perché la regina dello sport potesse essere fatta, frequentato anche da migliaia di bambini e adolescenti ogni anno».

Mentre sul Franchi, il deputato di Italia Viva, Gabriele Toccafondi risponde al sovrintendente Pessina:«Se come dice Pessina il Franchi è estremamente ben conservato perché è considerato inagibile dall’Università di Firenze? Perché si staccano pezzi di cemento e quando piove ci sono abbondanti infiltrazioni ovunque. Lo invito a venire con me alle stadio». E sulla vicenda stadio Dmitrij Palagi (Sinistra Progetto Comune) attacca: «Prima Renzi e poi Nardella sullo stadio hanno sbagliato tutto, lasciando partite aperte a Castello e a Novoli. Ora il sindaco prova a salvarsi sperando di poter abbattere il Franchi, anche se né lui né la giunta si sono sbilanciati davanti alle nostre domande. E ha paura che un privato scappi da Firenze: è imbarazzante e grave».



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news