LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ritrovato dai carabinieri l’orologio a pendolo della Torre del Quirinale
Roberta Scorranese
Corriere della Sera 21/12/2020

Se fosse stato acquistabile per canali «legali» questo orologio sarebbe arrivato a costare cifre a sei zeri. Ma non era acquistabile: era infatti il prezioso orologio a pendolo della Torre del Quirinale, un pezzo dell’Ottocento che era stato trafugato intorno agli anni Settanta. Ieri i Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (Tpc), coordinati dalla Procura di Vercelli, ne hanno annunciato il ritrovamento, dopo settimane di indagini sotto copertura. Denunciate tre persone.

«È un piccolo regalo di Natale in un momento così duro», commenta il comandante Roberto Riccardi. Che racconta nei dettagli la storia di questo furto d’arte a lieto fine: «Realizzato dall’artista Mariano Trevellini su commissione del papato di Pio IX per il Palazzo del Quirinale, l’orologio è rimasto nella sua collocazione originaria, sulla torre del palazzo, dal 1854 al 1961».

Poi la decisione di spostarlo nell’allora neonato Istituto Tecnico Industriale «Armellini», perché qui sarebbe dovuto nascere un museo dell’orologio. «Che però non ha mai visto la luce — continua Riccardi — poiché negli anni Settanta il progetto è stato scavalcato dall’interesse per l’informatica. L’orologio è finito in un magazzino. Però, evidentemente, c’era qualcuno che conosceva il suo valore». Così il pezzo viene rubato, arriva a Bologna e qui viene diviso in due parti, il quadrante e il meccanismo. Modus operandi abbastanza usuale — e certamente più redditizio — per chi deve rivendere opere d’arte di provenienza illecita. Poi, così scomposto, letteralmente l’orologio «si divide» tra Milano, dove arriva il quadrante, e la provincia di Firenze, dove viene invece venduto il meccanismo.

«Qualche settimana fa abbiamo ricevuto le prime informazioni — spiega Riccardi — e così abbiamo attivato l’operazione sotto copertura». Qui entrano in gioco i carabinieri esperti d’arte che si infiltrano in questi ambienti. In particolare un militare di Roma che ha una vasta conoscenza nel mondo degli orologi antichi. In sintesi i Carabinieri hanno stretto amicizia con i collezionisti che avevano comprato i due pezzi, sia a Firenze che a Milano, e hanno ottenuto le informazioni che servivano per ricostruire non solo il furto ma anche l’immagine «intera» dell’orologio diviso in due, che mancava dal Quirinale da sessant’anni.

«All’intervento — conclude Riccardi —, seguito a indagini del Nucleo Tpc di Torino, hanno collaborato quelli di Monza, Firenze e Bologna». E adesso? Prima di tutto il pendolo finirà nel caveau della sede dei carabinieri Tpc a Trastevere. E poi, probabilmente, tornerà a casa.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news