LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un’arena (per gli spettacoli) al Colosseo
Federica Manzitti
Corriere della Sera - Roma 23/12/2020

Il punto di vista del gladiatore sul Colosseo. Sarà un’esperienza possibile quando verranno ultimati i lavori di ricostruzione dell’arena dell’anfiteatro Flavio come vuole il progetto del Ministero per i beni culturali il cui bando è online da ieri.

«È una grande idea che ha fatto il giro del mondo. Sarà un grande intervento tecnologico» ha dichiarato il ministro Dario Franceschini, che durante il suo primo mandato (2014-2018) aveva fatto sua la proposta di ripristinare il piano di calpestio originario su cui si svolgevano gli spettacoli, lanciata da Daniele Manacorda, docente a Roma Tre dopo molti anni all’ateneo di Siena, nonché direttore dei lavori alla Crypta Balbi e autore di molteplici pubblicazioni.

Lo stesso ministro aveva inserito l’intervento nel piano strategico «Grandi progetti culturali» nel 2015 per un finanziamento complessivo di 18,5 milioni di euro. Oggi, nonostante numerose istanze più conservative e protezionistiche, il progetto entra nel vivo e il bando pubblicato da Invitalia (agenzia del ministero dell’Economia) dà tempo fino al 1 febbraio prossimo per la presentazione delle proposte progettuali e un’apertura dei lavori prevista entro il 2021.

Anticamente l’arena del Colosseo era in legno e cosparsa di sabbia che, secondo alcuni, proveniva dalla collina di Monte Mario e poteva essere colorata o brillante in occasione di eventi speciali. Ma soprattutto il pavimento, che oggi è ricostruito in una piccola porzione dimostrativa sul lato orientale, fungeva da quinta celando i sotterranei dove erano disposti i servizi necessari agli spettacoli: attrezzature, macchine, costumi, magazzini, gabbie per animali e ascensori che sollevavano l’occorrente al piano dell’arena, non senza colpi di scena. «Il progetto dovrà essere altamente tecnologico — sottolinea Alfonsina Russo, direttore del Parco archeologico del Colosseo — perché è intenzione del ministero riproporre l’arena con gli stessi principi con cui era stata realizzata nell’antichità. Il bando dà queste indicazioni nel rispetto della conservazione e della tutela del monumento e delle sue strutture».

La nuova arena dovrà essere pensata come un piano unitario dove le soluzioni della più avanzata tecnologia saranno al servizio dell’antichità, con dispositivi meccanizzati di apertura e chiusura che consentiranno di comprendere la stretta relazione tra il piano della rappresentazione e i sotterranei, ricreando, per quanto possibile alla sensibilità contemporanea, quell’effetto di meraviglia che incantava i nostri lontani antenati.

Il sistema mobile dovrà essere realizzato in modo da potersi attivare in tempi rapidi e più volte nella stessa giornata per proteggere le strutture archeologiche dagli agenti atmosferici e allo stesso tempo consentire di svelare ai visitatori i segreti della macchina scenica. Una volta ultimata l’arena potrebbe, secondo i propositi del ministro, ospitare spettacoli e «rappresentazioni uniche al mondo» i cui ricavi, anche dai diritti tv, ripagherebbero l’investimento.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news