LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trenot. Apostoli ritrovati
Gabriella Brugnara
Corriere del Trentino 23/12/2020

Due di una serie di tredici sculture in bronzo dorato raffiguranti i dodici apostoli e il Cristo benedicente sono tornate «a casa», al Castello di Buonconsiglio a Trento. E da ieri la mostra che le racconta è in video, 12 puntate dal Castello del Buonconsiglio su Facebook, Instagram, Youtube, accompagnati dal curatore.

L’intera composizione dei bronzi si trovava al Castello del Buonconsiglio di Trento, nella residenza dei principi vescovi. Non è certo quale vescovo l’abbia acquisita, probabilmente uno dei Madruzzo, intorno al 1620. Nel 1803, quando il Principato vescovile fu abolito, i bronzi facevano ancora parte delle collezioni del Buonconsiglio.

Che cosa è accaduto? Fino al 5 aprile 2021 gli affascinanti sospesi di questa vicenda, i cui fili intrecciano la grande storia a quella locale, sono raccontati nella mostra Gli apostoli ritrovati. Capolavori dell’antica residenza dei Principi vescovi , curata da Giuseppe Sava, docente all’Università di Trento. Visitabile online attraverso i video.

Organizzata dal Buonconsiglio con la collaborazione della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia di Trento, la mostra porta nel vivo del fortunato ritrovamento sul mercato antiquario di due apostoli: San Paolo e San Filippo. Lo fa con i video e gli approfondimenti disponibili sui canali social. «Agli inizi dell’Ottocento, alcuni dei bronzetti vengono acquistati dal conte Simone Consolati, personaggio di spicco nel panorama culturale provinciale del tempo, che li colloca nella sua residenza, Villa Consolati, sulla collina di Trento – racconta Sava -. Qui rimangono per tutto il secolo, e nel 1875, proprio per il loro pregio, sono presentati a Trento all’Esposizione regionale d’Agricoltura e delle Industrie». Vendute intorno al 1920 dai Consolati, le sculture vanno disperse, una parte raggiunge l’oltralpe attraverso un antiquario di Merano, ma due devono essere rimaste escluse da questa operazione, e sono quelle che Sava ha ritrovato sul mercato antiquario milanese. «Ho avuto modo di collegare i due apostoli alla serie dispersa grazie alla foto storica scattata da Giuseppe Brunner nel 1905, che raffigura otto statuette. Negli anni la serie si era infatti rarefatta, ma l’immagine ha reso possibile l’individuazione dei due pezzi rappresentanti San Paolo e San Filippo, che chiudono il gruppo alle due estremità». San Paolo, a sinistra appare con il libro e la gestualità della sua mano allude a una spada forse perduta, mentre san Filippo è accompagnato dalla croce, simbolo del suo martirio.

«Lo stile raffinato delle sculture riporta nel clima culturale del tardo manierismo veneziano, ho individuato gli autori nei Roccatagliata, di origine genovese: il padre Nicolò e il figlio Sebastiano, seguaci o allievi di Alessandro Vittoria. L’incontro con Vittoria avvenne probabilmente a Venezia», prosegue il curatore. I Roccatagliata non erano solo scultori ma anche orefici e ciò spiega «l’amore per il dettaglio virtuosistico dei bronzetti, la lavorazione raffinata dei panneggi, l’ornato con frange che bordano gli orli dei panni. La doratura luccicante, inoltre, ne accresce la preziosità».

I due apostoli in mostra nella sala del Torrion da Basso del Buonconsiglio sono alti circa ventitre centimetri, piccoli tesori da collezione destinati a stare negli studioli e nelle cappelle private di committenti di rango.

Appaiono al centro di una mostra dossier, mentre attorno è ricostruito il contesto storico-artistico all’insegna dei collegamenti con la grande scultura veneziana del momento, in particolare quella di Alessandro Vittoria.

Lo scultore trentino è rappresentato da un busto marmoreo che raffigura il nobile veneziano Lorenzo Cappello, opera donata alla città di Trento nel 1830, appartenente al patrimonio del Buonconsiglio. Insieme ai due apostoli, dei Roccatagliata si possono ammirare altre due opere: da un lato la Venere che castiga amore, un bronzo di soggetto profano. Il secondo soggetto è invece sacro: una croce astile proveniente da Venezia.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news