LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Segnalazione alla Soprintendenza per lo stato di "Palazzo Pretorio" a Barletta
Barletta Viva 22/12/2020

Sul preoccupante degrado a vista dell'antico "Palazzo pretorio" e sul più generale stato di salute dell'immobile ubicato in pieno centro a Barletta, l'Archeoclub d'Italia APS Canne della Battaglia Barletta è intervenuto con una propria segnalazione, d'intesa con la Presidenza nazionale di Roma, alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio (SABAP) per le province di Barletta Andria Trani e Foggia.

In considerazione di come l'edificio sia sottoposto a tutela monumentale ai sensi della Parte II del D.Lgs. 42/2004, l'Archeoclub d'Italia Canne della Battaglia Barletta (di recente costituitosi in Associazione di Promozione Sociale come Ente di Terzo Settore alla luce dell'avvenuta introduzione della Riforma e correlata disciplina giuridica, adeguando il proprio Statuto quale componente della Consulta comunale per la salvaguardia dell'ambiente, del territorio e dei beni culturali, ambientali e architettonici) ha ritenuto di procedere dopo aver constatato la sempre più ampia chiazza di umidità sulla facciata prospiciente corso Vittorio Emanuele e la statua di Massimo d'Azeglio, così come ancora più appariscente è il distacco dell'intonaco rilevabile all'interno sotto le sue volte.

E così il vetusto immobile - da molte fonti indicato come la signorile residenza del Gran Capitano Consalvo da Cordova durante gli avvenimenti della famosa "Disfida di Barletta" e della guerra franco-ispanica (autunno - inverno 1503) di quei lunghi mesi fino alla conclusiva "Battaglia di Cerignola" nell'aprile di quell'anno – versa in condizione di degrado. Tanto da far preoccupare anche il più superficiale degli osservatori per il suo "stato di salute", posto com'è in pieno centro ed a pochissimi passi da Palazzo di Città. Lo distingue chiaramente, di giorno e di sera, chi si ferma al rosso dell'incrocio semaforico con (per l'appunto) Via Consalvo da Cordova o chi attraversa le strisce pedonali sui lati di queste due strade cittadine d'intenso traffico veicolare e pedonale.

"Palazzo Pretorio" ostenta quella vistosa chiazza di umidità quale frutto e diretta conseguenza dell'ostruzione (con terriccio, sterpi e quant'altro) al tubo di scolo dell'acqua piovana che, fuoriuscendo dallo scorrimento obbligato fino al suolo, si espande sulla facciata e, crediamo, anche all'interno degli ambienti interni chiusi oltre le persiane chiuse a loro volta da parecchio tempo. Si teme che l'acqua piovana potrebbe essere penetrata con abbondanza anche altrove, considerato il distacco d'intonaco sulle pareti del manufatto sotto i suoi archi.

"Palazzo Pretorio" ha ricevuto attenzioni anche piuttosto di recente, consistite nell'incamiciatura in una gabbia metallica del pilastro portante rivolto verso l'orologio di San Giacomo e l'installazione di una rete sotto il soffitto/pavimento per celare le travature di legno evidentemente restaurate con finalità di rinforzo all'intera struttura.
La segnalazione avanzata alla Soprintendenza ha comportato l'assegnazione dell'accertamento di notizie al competente funzionario con inizio di una procedura quanto mai necessaria e, proprio in questo caso, necessariamente provvidenziale per accertare su base tecnica quanto visibile ad occhio nudo.

https://www.barlettaviva.it/notizie/segnalazione-alla-soprintendenza-per-lo-stato-di-palazzo-pretorio-a-barletta/


news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news