LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Street food a Pompei
Paolo Conti
Corriere della Sera 27/12/2020

Un fast food di duemila anni fa. Pompei continua a regalare spettacolari scoperte, stavolta persino l’odore del vino. È stato ritrovato un Termopolio («Thermopolium», avrebbero detto i romani) nel cuore della Regio V, area al centro di un vasto progetto di manutenzione e restauro. Il Termopolio era la tipica locanda romana con affaccio esterno che vendeva cibi e bevande calde da consumare su strada: si acquistava lì vero e proprio street food, insomma.

Gli scavi hanno restituito un bancone a forma di «elle» con ricche e multicromatiche decorazioni: una ninfa marina a cavallo, una coppia di oche germane (che riportano alla mente tante nature morte rinascimentali), un fantastico gallo, un cane al guinzaglio, fasci di rami verdi. Degli ottanta Termopoli ritrovati a Pompei, questo è l’unico con il bancone interamente dipinto. Sono emerse anche alcune ossa di due uomini, purtroppo non facilmente leggibili: appaiono in disordine, sconvolte dai cunicoli sotterranei realizzati da scavatori clandestini alla ricerca di oggetti preziosi. Uno dei due uomini potrebbe essere il proprietario del locale morto subito, l’altro forse un ladro alla ricerca di cibo, ucciso a sua volta poco dopo dal calore insopportabile e dai lapilli. Solo prime ipotesi.

Per fortuna è rimasto intatto molto materiale da dispensa: nove anfore, una patera di bronzo, due fiasche, un’olla di ceramica da mensa. Strumenti straordinari per capire come e cosa mangiassero gli abitanti di Pompei al momento della grande eruzione del Vesuvio nel 79 dopo Cristo. Ed eccoci all’odore del vino. Numerosi dettagli dello scavo verranno raccontati stasera alle 21 su Raidue. Rai Documentari propone «Pompei, ultima scoperta», diretto dal regista francese Pierre Stine (una coproduzione Gedeon Programmes - Parco Archeologico di Pompei, con France Télévisions, Rtbf Télévision belge, Unità Documentari Ebu Coproduction Fund). Nel documentario internazionale, Massimo Osanna, neodirettore generale dei Musei del ministero e direttore ad interim del Parco archeologico di Pompei, svela un particolare: «Aprendo una delle giare, gli archeologi impegnati nello scavo hanno sentito un fortissimo odore di vino. Possiamo parlare di archeologia dell’olfatto». Conferma l’archeologa Teresa Virtuoso: «È stata un’esperienza veramente rara».

L’archeozoologa Chiara Corbino descrive le abitudini alimentari dei romani, così diverse dalle nostre: mischiavano nello stesso piatto pesce, lumache di terra, pezzi di anatra o di capretto. Osanna definisce la scoperta «una fotografia di quel giorno nefasto»: un’immagine che ci riporta colori, abitudini, e persino odori intatti fino a oggi. Quanto al vino dei romani, come spiega l’archeobotanica Chiara Comegna, era corretto nel gusto con le fave (tenute sul fondo del contenitore con un coppo) che contemporaneamente contribuivano a sbiancarlo. La conferma arriva da Marco Gavio Apicio, nel De re coquinaria, citato dall’antropologa Valeria Amoretti per contestualizzare le prime analisi di laboratorio anche con l’aiuto del costume gastronomico romano.

È stato poi decifrato, nella cornice del cane al guinzaglio, un graffito dal tono omofobo: «Nicia cinede cacator», ovvero «Nicia, cacatore, invertito!». Nicia, forse un liberto greco, era il proprietario o un dipendente del Termopolio.

Molto soddisfatto dei nuovi risultati il ministro Dario Franceschini: «Con un lavoro di squadra, che ha richiesto norme legislative e qualità delle persone, oggi Pompei è indicata nel mondo come un esempio di tutela e di gestione, uno dei luoghi più visitati in Italia in cui si fa ricerca, si continua a scavare e si fanno straordinarie scoperte come questa».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news