LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Le compagnie dicono sì agli accosti a Marghera. M5s: fuori dalla laguna
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto, Venezia e Mestre 27/12/2020

«Noi abbiamo sempre ripetuto di voler togliere le grandi navi dal bacino di San Marco e dal canale della Giudecca. L’esito del Comitatone è un primo segno tangibile anche del nostro impegno: negli accosti diffusi di Marghera si sposteranno già un bel numero di navi e la differenza si vedrà. Le compagnie resteranno a Venezia». Francesco Galietti è il direttore di Clia Italia, il «sindacato» delle compagnie di crociera. Il Comitatone lunedì ha tracciato il futuro delle «navi bianche»: già dall’anno prossimo si potranno spostare delle navi alle banchine merci di Tiv e Vecon (l’obiettivo sarebbe 80 all’anno), mentre per il 2022 dovrebbe entrare in campo anche la sponda nord del Canale industriale nord (e allora diventerebbero 215 annue). Per il futuro, invece, si guarda fuori dalla laguna, ma con un bando internazionale per trovare la soluzione migliore, inclusa Marghera. «Noi guardavamo già da tempo con favore a Marghera, ma chiediamo che si continui a ragionare sull’adeguamento del canale Vittorio Emanuele - prosegue Galietti, che tre anni fa con i vertici di Clia aveva presentato un’ipotesi di project financing per l’escavo - Quanto alle soluzioni fuori della laguna, non facciamo guerre di religione. Avevamo bocciato il piano Duferco perché ha dei problemi insuperabili. Aspettiamo i progetti e poi li valuteremo».

Il Vittorio Emanuele resta centrale anche per la Port Community, che raduna imprese e operatori dello scalo. «L’unica risposta coerente per conservare le crociere passa per la manutenzione dei due canali di grande navigazione (Malamocco Marghera e Vittorio Emanuele), che richiedono interventi improcrastinabili», sottolinea la comunità portuale, dicendosi pronta a vigilare. Quanto al futuro, non c’è bisogno di grandi terminal. «Ogni soluzione non potrà prescindere dall’essere solo un complemento a quanto già esistente e comunque riferibile solo alle navi di maggior dimensione», prosegue il portavoce Alessandro Santi, ricordando che nel 2019 solo il 43 per cento delle navi erano «grandi», ovvero superiori ai 220 metri di lunghezza, mentre le altre, insieme a yacht, fluviali e traghetti, devono restare in centro storico.

Ipotesi contro cui invece si schierano sia i 5 stelle veneziani, che gli ambientalisti. «Come portavoce del territorio avevamo più volte chiesto al Governo di valutare la fattibilità e la sostenibilità di un approdo fuori dalla laguna», dicono i parlamentari Orietta Vanin, Alvise Maniero e Arianna Spessotto. Per l’immediato, invece, l’idea era una graduale riduzione di arrivi e partenze, distribuite nell’arco di tutta la settimana tra Venezia e Chioggia, per arrivare poi a far entrare solo «le navi a “misura di laguna” e non oltre le 50mila tonnellate». Gli approdi a Marghera – a loro dire – rischiano invece di diventare definitivi. «Il governo ha perso l’occasione di scegliere il futuro - dice invece Italia Nostra - La decisione porterà a quasi 500 passaggi nel canale dei Petroli, che sta distruggendo la laguna. La soluzione sono navi più piccole e una Marittima riconvertita a portualità compatibile».



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news