LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Ambientalisti sul piede di guerra "Pronti a difendere il carugio"
Pubblicato il 28 dicembre 2020


Soddisfazione per l’intervento della Soprintendenza "Cittadini e associazioni devono essere coinvolti"


Il presidente di Legambiente Stefano Sarti: sono sedici le associazioni impegnate insieme. a salvaguardia del ‘carugio’ di Porto Venere
Il presidente di Legambiente Stefano Sarti: sono sedici le associazioni impegnate insieme. a salvaguardia del ‘carugio’ di Porto Venere
Sono ben sedici le associazioni che, in una nota, esprimono soddisfazione per l’intervento della Soprintendenza sul caso dell’alienazione del ‘frastaglio’ di Porto Venere. Non è piaciuto a nessuno il termine (a loro dire dispregiativo) con cui il sindaco ha definito un tratto di una via storica, come non è piaciuta la fretta con cui si è deliberato in consiglio. Non sono stati presi in considerazione gli interventi di chi era contrario, né si è tenuto conto della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Genova e la provincia della Spezia, che nemmeno è stata interpellata. "Un atto di scarso rispetto per il territorio – dicono le associazioni – e quando si tratta di beni pubblici, di pezzi di territorio che fanno parte dell’Unesco, la cosa deve essere trattata con il massimo coinvolgimento e dibattito pubblico, non in una singola seduta di consiglio comunale. Anche la cittadinanza e le associazioni di territorio devono essere consultati per beni che appartengono al patrimonio identitario di Porto Venere e del mondo intero". Le associazioni e i comitati uniti e pronti a dar battaglia e a vigilare affinché i beni pubblici non siano venduti al miglior offerente, sono le associazioni, Palmaria e Posidonia, per i comitati, No biodigestore Saliceti, del Levante cittadino, Vallesanta Levanto, Vivere bene la macchia, Piazza Verdi, oltre a Italia Nostra, Legambiente, Lipu La Spezia, Movimento Palmaria sì Masterplan no, Murati Vivi Marola, Portovenere tvb, Laboratorio Palmaria gruppo progettate, Vas La Spezia, Wwf Liguria. "Nessuno sapeva dell’inizio, dal novembre scorso, della procedura di verifica di interesse storico per la ex scuola Michela Ravecca, l’abbiamo saputo dalla Soprintendenza e non dal Comune". E l’opposizione fa sentire la sua voce. "Questo modus operandi è indicativo di una certa fretta a vendere, piuttosto che a salvaguardare un patrimonio dell’umanità. Senza contare il modo con cui viene zittita l’opposizione per prendere tempo, ma è ora di cambiare registro e di porre fine a questo comportamento". Perentoria la consigliera Francesca Sacconi, protagonista di un acceso intervento nel consiglio del 22 dicembre dove, veniva approvata la delibera dell’alienazione di ben 104 metri quadrati della storica Via Colonna e dove, rivolgendosi al sindaco, affermava: "E’ un amministratore per un determinato tempo di questo territorio, non certo il proprietario che può disporne a piacimento".

Viliana Trombetta

https://www.lanazione.it/la-spezia/cronaca/ambientalisti-sul-piede-di-guerra-pronti-a-difendere-il-carugio-1.5856181


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news