LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torna alla Galleria Borghese il Guido Reni perduto
ANSA 28/12/2020

E' tornato alla Galleria Borghese come un vero e proprio regalo di Natale 'Danza Campestre', dipinto di Guido Reni, a lungo dato per disperso, attribuito alla mano di altri maestri del Seicento e solo nel 2017 riconosciuto come opera del grande esponente del Barocco. La tela, a Roma dal 23 dicembre, è stata ricomprata dal museo romano per circa 800 mila euro alla galleria Fondoantico di Bologna che l'aveva esposta nel marzo 2020 al Tefaf, la fiera internazionale di arte e antiquariato di Maastricht. La procedura, avviata nella primavera scorsa dalla precedente direttrice Anna Coliva, chiude quindi con un lieto fine la storia travagliata di quest'opera realizzata intorno al 1602.

'Avere individuato un dipinto che certamente veniva dalla collezione del Cardinale Scipione Borghese ci dà grandissima soddisfazione - dice Francesca Cappelletti, neo direttrice della Galleria - non solo perché apparteneva alla raccolta ma perché parliamo di Guido Reni, il pittore preferito da Scipione Borghese e da papa Paolo V'. La conferma della paternità del quadro si deve all'antiquario Patrick Matthiessen che ha incluso il dipinto nel catalogo dedicato alle opere a Guido Reni pubblicato appunto nel 2017. Altri studiosi avevano poi trovato l'attribuzione tra la documentazione e le descrizioni della collezione Borghese. Per tutto il Seicento il quadro è descritto in modo inequivocabile, come riporta la citazione nell'inventario dettagliato del Palazzo Borghese redatto nel 1693, un "quadro in tela con un Paese con molte figure figurine con un ballo in Campagna alto p.mi 3 e mezzo Cornice dorata del N.°(sic) di Guido Reni". In seguito del dipinto si persero le tracce fino alla sua menzione nel catalogo delle vendite del 1892 che lo riferisce alla scuola fiamminga.

Nel 2008 il Ballo campestre, attribuito a un anonimo artista bolognese ricompare in un'asta di Bonham's a Londra. E l'alta qualità dell'opera fa sì che si aprano le indagini. Dopo le prime ipotesi riferite a pittori emiliani specialisti del genere - da Viola a Tamburini, Badalocchio, Domenichino, il giovane Guercino o il Mastelletta - il dipinto viene attribuito ad Agostino Carracci. Un'ipotesi scartata per ragioni stilistiche e cronologiche, fino al riconoscimento dell'autografia di Guido Reni. 'Quando riapriremo avremo qualcosa in più da offrire - osserva Francesca Cappelletti- Il fatto che anche in questo momento difficile i musei continuino a lavorare e a ottenere grandi risultati è la conferma che non ci siamo mai fermati e che siamo pronti ad accogliere nuovamente il pubblico con novità importanti'.

La speranza è di presentare nel prossimo autunno il dipinto accostato ad altre opere dello stesso periodo 'per contestualizzare l'attività di Guido Reni e far riscoprire questo artista che il grande pubblico considera ancora soltanto un classicista e un accademico e non il pittore molto vario e dalle potenzialità espressive straordinarie'. La definitiva attribuzione a Guido Reni (1575-1642) permette di aggiungere un nuovo tassello alla vicenda dei rapporti tra i Borghese il pittore bolognese. Il Cardinale Scipione voleva fare di Reni il suo pittore di corte considerandolo, dopo la morte di Annibale Carracci, l'artista più importante presente sulla scena romana. A lui la famiglia Borghese, nella persona del papa Paolo V, affidò gli affreschi della Cappella Paolina in Santa Maria Maggiore e fu committente di uno dei suoi massimi capolavori, l'Aurora nel casino ora Pallavicini-Rospigliosi, quando questo era la prima impresa edile e residenza del Cardinale Scipione Borghese. Diverse opere dell'artista facevano parte della collezione, a conferma di questa predilezione e, tra queste, la Santa Cecilia di qualche anno successiva, conservata ora nel Norton Simon Museum di Pasadena. Tuttora la Galleria possiede un'altra importante opera di Guido Reni, di tipologia e soggetto del tutto differenti, il Mosè con le tavole della Legge, riferibile alla maturità dell'artista.

https://www.ansa.it/canale_viaggiart/it/notizie/bellezza/2020/12/28/danza-campestre-di-guido-reni-torna-alla-galleria-borghese_a7c7c43c-974d-466a-8ada-09f4e33e74fa.html


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news