LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, Carta di Catania: buone intenzioni ma mancano le risorse per le buone professionalità
Bartolo Megna*
Il Mattino di Sicilia 17/12/2020

Sono un tecnico e non un gestore, quindi la mia percezione del tutto è poco allenata al tema della fruizione. Ma un paio di cose, diciamo così, a titolo strettamente personale sulla cosiddetta Carta di Catania vorrei dirle. Nel complesso vedo buone intenzioni, alcune giuste idee di innovazione di una situazione stantia nello sfruttamento dei beni culturali, ma come sempre a costo zero per la Pubblica amministrazione, che così potrà vantarsi di aver messo in campo una rivoluzione che invece rischia di finire in un compromesso al ribasso.

Di positivo, intanto, vedo la possibilità di sfruttare patrimoni immensi e nascosti (non sai quante opere abbiamo restaurato e poi sono tornate nei depositi a prendere polvere e proseguire nel cammino di oblio), con alcune premesse giuste sulla modalità di compenso (interventi sulle opere o a favore dell’istituzione che le conserva). Ancora di buono c’è il fatto che il limite temporale tra 2 e 7 anni, rinnovabile una sola volta, permetterà a seconda dell’investimento necessario per il prestito, una certa flessibilità.
Ci sono però alcuni aspetti che suscitano più di una perplessità.
Per i beni necessari di restauro è previsto che le modalità di intervento vengano stabilite dall’istituto concedente e dalla Soprintendenza competente per territorio.
Sarà quindi notevole il lavoro aggiuntivo a carico delle istituzioni periferiche coinvolte che sono spesso sottorganico proprio nella parte tecnica.
Nei musei siciliani non mancano i custodi, almeno in alcune realtà, mentre i restauratori sono veramente pochissimi, e con il nuovo Codice dei Beni culturali a loro sono affidati i progetti di restauro; sono presenti alcuni storici dell’arte ma credo nessun tecnico di diagnostica o esperto di scienza e tecnologia per i beni culturali. Questi ultimi sono figure relativamente nuove come offerta formativa e sono quindi giovani, spesso molto motivati e dinamici ma sono praticamente assenti nell’organico della Regione.

Anche al Centro Regionale per la Progettazione ed il Restauro, che una volta aveva in organico queste figure, dopo i pensionamenti degli ultimi anni non ci sono stati turn over e i laboratori di diagnostica sono deserti, e i nuovi restauratori assunti di recente dopo lunghissima attesa hanno un inquadramento basso che non riconosce la loro elevatissima professionalità.
Nell’articolo 9 si affida l’inventariazione e la catalogazione dei beni concedibili alla Servizi Ausiliari Sicilia, una società nel cui funzionigramma (http://www.serviziausiliarisicilia.it/files/DB_sas_files/f5fff4ce20c2e18817733b9c572ef233_2.pdf) non è previsto un ufficio di catalogazione e nel cui organigramma non mi pare ci siano (http://www.serviziausiliarisicilia.it/files/DB_sas_files/eb3e8ce8899537d368c20639abc70156_2.pdf) restauratori o curatori di opere d’arte; nella pagina del personale, davvero molto lunga, sono presenti centinaia di catalogatori (420 se non ho contato male) ma quanti di essi hanno esperienza e competenza nella catalogazione dei Beni Culturali? Considerato che la loro identificazione, scheda di catalogo e descrizione sono compiti da restauratori o storici dell’arte.
Si passa dunque all’idea di far fare le schede a studenti in tirocinio formativo, soluzione che sembra individuata per evitare di dover investire qualcosa su questo tema. Preparare una scheda di catalogazione e restauro richiede esperienza, gli studenti di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali lo fanno durante il tirocinio, sempre sotto la supervisione di un restauratore qualificato, ma far fare questo tipo di attività a giovani li esporrà, anche per inesperienza, a subire pressione, e a cedervi, da parte di chi chiede l’opera in prestito, che spingerà per avere una scheda più favorevole alle proprie esigenze che a quelle del bene culturale e della società.
L’assessorato punta su questi giovani in formazione ma quanto spende per sostenere la loro formazione? Il rinnovo della convenzione con l’Università di Palermo per il Corso di Studi in Conservazione e Restauro non prevede alcun contributo economico, togliendo il finanziamento di 200.000 euro l’anno previsto dalla convenzione di 7 anni fa, e che era già una cifra ridotta rispetto a quella in essere negli anni precedenti e necessario per il pieno funzionamento di un Corso di Studi intrinsecamente molto costoso. Il coinvolgimento dei tanti restauratori in servizio presso l’Assessorato, che nella maggior parte dei casi ha un inquadramento economico di basso livello in quanto non inseriti in organico come restauratori, è previsto a costo zero spingendo, giustamente, personale dotato di un’elevata professionalità a una certa ril1uttanza nei confronti di questa possibilità, che viene vista come poco gratificante proprio per il mancato riconoscimento del ruolo di restauratore, che inoltre per molti di loro è certificato dall’elenco dei restauratori abilitati del MIBAC sulla base dell’ex art. 29 del Decreto Legislativo 42/2004 (https://dger.beniculturali.it/wp-content/uploads/2020/12/ELENCO-COMPLESSIVO-DIPLOMATI-AGGIORNATO-AL-10-dicembre-2020.pdf):

Nota finale: Il Restauratore di beni culturali mobili e di superfici decorate di beni architettonici, sottoposti alle disposizioni di tutela del Codice, è il professionista che definisce lo stato di conservazione e mette in atto un complesso di azioni dirette e indirette per limitare i processi di degrado dei materiali costitutivi dei beni e assicurarne la conservazione, salvaguardandone il valore culturale. A tal fine, nel quadro di una programmazione coerente e coordinata della conservazione, il restauratore analizza i dati relativi ai materiali costitutivi, alla tecnica di esecuzione ed allo stato di conservazione dei beni e li interpreta; progetta e dirige, per la parte di competenza, gli interventi; esegue direttamente i trattamenti conservativi e di restauro; dirige e coordina gli altri operatori che svolgono attività complementari al restauro. Svolge attività di ricerca, sperimentazione e didattica nel campo della conservazione. (Art. 1 D.M. 26 maggio 2009, n. 86).

*Ricercatore universitario

https://www.ilmattinodisicilia.it/beni-culturali-carta-di-catania-buone-intenzioni-ma-mancano-le-risorse-per-le-buone-professionalita/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news