LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gela, rinvenuta una necropoli arcaica durante i lavori per realizzare una casa
Maria Concetta Goldini
La Sicilia 30/12/2020

GELA (CALTANISSETTA) - Come in via Di Bartolo, anche nella necropoli in corso di scavo al Lungomare c’è uno spazio dedicato alle sepolture dei bambini. Nel cantiere di costruzione dell’abitazione del signor Alessandro D’Arma, l’archeologo Gianluca Calà, ieri, scavando nell’area della quinta delle sette tombe finora individuate, ha portato alla luce una sepoltura diversa dalle altre già esplorate. Si tratta di un’anfora che sembra di tipo corinzio. Fu aperta alla base per introdurvi il corpicino di un bambino i cui resti ossei sono stati trovati all’interno.

Dalle dimensioni assai ridotte dello scheletro conservato all’interno dell’anfora si può ipotizzare che si possa trattare di un bambino deceduto dopo la nascita e comunque non oltre i primi sei mesi di vita.

A differenza dei defunti adulti che, in quel sito venivano bruciati durante il funerale, questo tipo di rito non veniva, dunque, utilizzato per i bambini. L’infante dell’anfora, come detto, è stato sepolto aprendola alla base e poi chiudendo la stessa.
Un tappo di terracotta è stato posto anche sull’orlo dell’anfora. La tipologia di quest’ultimo è identica a quello ritrovato nella necropoli dei bambini in via di Bartolo.

La scoperta dell’anfora impone uno studio accurato prima di arrivare alla sua datazione e la stessa va messa in relazione con le altre tre tombe che sono state già esplorate per intero. L’anfora con il bambino si è conservata intatta per una fortunata coincidenza. Nell’Ottocento, quando sul posto costruirono un edificio, chi scavò non arrivò così in profondità ma si fermò poco prima il livello della tomba. All’epoca non c’erano scavatori e mezzi veloci di scavo per realizzare le fondamenta di una casa.

L’anfora resterà sul posto come le altre sepolture che saranno visibili attraverso una lastra di vetro trasparente. L’indagine archeologica proseguirà nei prossimi giorni con lo scavo di altre due sepolture.

C’è un clima di forte collaborazione tra la Soprintendenza di Caltanissetta e la direzione dei lavori rappresentata dall’arch. Enzo Insalaco. Quest’ultimo in cantiere ha anche dato una mano all’archeologo per i rilievi e ha filmato tutte le fasi delle scoperte per usarle quando il sito sarà fruibile. Il proprietario dell’area passa parte della giornata a seguire gli scavi e non stacca gli occhi dai preziosi rinvenimenti.

Intanto ieri il Soprintendente di Caltanissetta Daniela Vullo ha avviato l’iter per porre il vincolo nel sito, primo passo per il progetto di valorizzazione e fruizione.

https://www.lasicilia.it/news/caltanissetta/382014/gela-rinvenuta-una-necropoli-arcaica-durante-i-lavori-per-realizzare-una-casa.html


news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news