LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Via di San Gregorio: il taglio dei pini non era autorizzato dalla Soprintendenza
Fabio Grilli
Roma Today 4/1/2021

Non è passata per gli uffici della Soprintendenza la decisione di abbattere i pini di via San Gregorio. La strada è quella che collega il Circo Massimo con il Colosseo. Ed è anche da lì che si accede al Palatino, una delle aree archeologiche di maggior pregio della città.

La richiesta di chiarimenti
Il recente abbattimento di questi alberi, per l’importanza che riveste la zona in cui sono presenti, non poteva passare inosservato. Tuttavia ancora oggi non sono state comunicate le ragioni che hanno spinto ad azionare le motoseghe. Per far luce su quanto sta accadendo l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico ha scritto all’amministrazione cittadina ed al Ministero dei beni culturali.

Una zona vincolata
Le risposte per ora pervenute non hanno contribuito a svelare il mistero su chi abbia autorizzato quegli abbattimenti. La Soprintendenza speciale ha infatti risposto “di non aver ricevuto alcuna istanza di autorizzazione in merito ai tagli”. La zona in questione è però tutelata da vincolo paesaggistico e culturale e quindi non è di secondaria importanza comprendere le ragioni che hanno spinto ad azionare le motoseghe. Se lo chiedono i romani e, in uno scenario post-pandemico, se lo domanderanno i turisti che vedranno delle ceppaie sul marciapiedi che portano al Palatino.

I pini tagliati
Nella zona, peraltro, è in corso il progetto sperimentale di salvaguardia dei pini attaccati dalla cocciniglia tartaruga. E quindi stupisce che, al posto dei trattamenti endoterapici e dei lavaggi delle chiome, si proceda all’abbattimento degli alberi. Qui pini, ha ricordato la Soprintendenza, erano stati “piantati negli anni Trenta per creare la quinta scenografica che rafforzasse la qualità estetica dei nuovi viali”.

No ad interventi estemporanei
L'abbattimento di questi alberi, quindi, non contribuisce solo a depauperare il patrimonio forestale cittadino. La loro presenza aveva una precisa funzione estetica. Motivo in più per procedere con “obbligate sostituzioni”. Operazioni che, è stato sottolineato sempre dalla Soprintendenza, siano “pianificate nel corso del tempo e non siano il frutto di decisioni estemporanee e di urgenze, dettate da interventi errati di impiantistica sotterranea, dagli adeguamenti del traffico e dalla mancanza di manutenzione”.

Dagli annunci ai fatti
I pini romani, a maggior ragione quelli inseriti in contesti di alto pregio archeologico, com’è nel caso delle alberature di via San Gregorio, meritano attenzione. Ed anche interventi coordinati. Il Campidoglio dopotutto ha istituito un apposito tavolo tecnico, ma adesso “E’ necessario mettere in pratica le dichiarazioni di intenti” ha sottolineato la Soprintendenza . In sostanza non bastano gli annunci.

La necessaria condivisione
Serve mettersi al lavoro in modo che “la trasformazione della configurazione del verde urbano avvenga in modo controllato e condiviso dalla cittadinanza”. Inutile sottolineare che, in relazione al tagli dei pini di via San Gregorio, la cittadinanza non sia stata minimamente informata. “Ora giungono le prime risposte” ha commentato Stefano Deliperi, del Gruppo d’Intervento Giuridico “ma di sicuro non finisce qui”.

https://www.romatoday.it/politica/taglio-pini-via-san-gregorio-mistero-autorizzazione.html


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news