LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. L’arco crollato, i lamenti e la città che non cambia
Pietro Treccagnoli
Corriere del Mezzogiorno - Campania 5/1/2021

Addentrarsi in un nuovo anno con sospettosa cautela. Come percorrere un tunnel sperando di trovarne l’uscita, con la sensazione d’un tempo sospeso. Nel dramma della pandemia si confronta la contabilità quotidiana dei nuovi contagi con quella delle vaccinazioni che dovrebbero porvi fine. Ma ancora troppi decessi, e nuovi ammalati che s’aggiungono alle migliaia già sofferenti mantengono lontano il raggiungimento dell’invocata «immunità di gregge». Che non equivale alla scomparsa del virus malefico: avrà più limitato campo d’azione, pronto però a colpire i residui soggetti non immunizzati.

Non che si voglia sminuire o ridicolizzare l’evento, ma si discute di una fogna, perché a questo era ridotto il rudere, per questo era chiamato comunemente ‘o Chiavicone. Era uno sbocco a mare di liquidi fecali e non più l’approdo di pescatori della logora oleografia un tanto al chilo. Era solo una reliquia, una scheggia, una scarda, dopo la costruzione della «litoranea» oltre un secolo fa, un insignificante graffio del passato, da decenni puntellato con un’orrida ringhiera preda degli invasivi catenacci dei tre-metri-sopra-il-cielo. Era ridotto a diffusore di olezzi disgustosi, roba da far stomacare chi passava accelerando il passo o chi si sedeva a una pizzeria del Lungomare esposta al vento nei giorni di flebile scirocco. Questo era: quattro lastre di pietra vulcanica corrosa a nascondere uno scarico a mare. Stava lì a subire gli insulti della salsedine e della gente, fino a quando Giove Pluvio e i cavalloni di Nettuno non hanno provveduto a dargli il colpo di grazia.

Invece di pensare a come far defluire al largo i prodotti degli sciacquoni di casa si pensa alla poesia. Ma questo è un vizio secolare dei napoletani, gente comune e amministratori appassionati delle inaugurazioni e refrattari alle minime forme di manutenzione. Via Partenope, dopo la mareggiata di fine anno, è a pezzi. Non si è mai lavorato seriamente per metterla in sicurezza (oltre che a renderla decente), neanche da quando è diventata una passeggiata attrezzata per i turisti (che prima o poi ritorneranno) e il fiore appassito all’occhiello della sindacatura uscente. Si è preferito il solito andazzo: rendering e interviste autocelebrative.

Ma c’è qualcosa di più inquietante da mettere in chiaro e che non riguarda solo la politica. Ed è il polveroso «carattere locale» abituato a suonare la grancassa guardando sempre e solo indietro, al passato, e andando, sempre e inevitabilmente, a sbattere. Napoli è la città dove trionfa la cultura antiquaria, quella sbeffeggiata da Nietzsche in «Utilità e danno della Storia», quell’erudizione sfiatata e senza visioni che lascia che i morti seppelliscano i vivi. Imperversa una conventicola intellettuale perennemente pronta ad armarsi a gara «de’ maccheroni suoi, che a’ maccheroni anteposto il morir troppo le pesa», per dirla con Leopardi. La sopportiamo da secoli: una piccola e media borghesia affetta da bovarismo, smaniosa di sedersi a un tavolo dove non ci sono mai i posti del torto, ma solo quelli del senso comune. Per loro Napoli è intoccabile. Tutto è prezioso, dal «vascio» (dove non vivono) alle fogne, dalle «scarrafunere» sbeffeggiate da Salvatore Di Giacomo ai palazzi fatiscenti, alle vie «arrepezzate» con sanpietrini e catrame. Tutto ha un valore centesimale da tutelare. Qui hanno battezzato Masaniello (va’ poi a sapere se è vero), qui il re Ferdinando veniva a giocare a carte, qui ha dormito Garibaldi, qui è nato il grande principe dell’avvocatura, qui viveva la zia del cognato del cocchiere della contessina di Panecuocolo. Insomma, guai a mettere mano alla «cocchiara» anche se poi, come è successo, vengono giù cornicioni e stemmi araldici, ammazzando i passanti.

Ci stiamo allontanando dall’Arco crollato? Sì, è vero, ma proprio questo è il punto: guardare oltre e avanti, mettere da parte il teleobiettivo e fotografare con il grandangolo. In altre metropoli non ci si straccia le vesti se viene abbattuto un vecchio palazzo. Forse a New York esagerano perché non restaurano quasi nulla. Se un edificio è a pezzi lo abbattono e al suo posto innalzano un nuovo grattacielo, possibilmente più ecologicamente attrezzato. A Berlino, grazie alla riunificazione, hanno recuperato tutta la vecchia città polverosa della zona Est, puntando talvolta troppo sulla gentrificazione, ma la capitale tedesca è da decenni urbanisticamente all’avanguardia. A Parigi, quando fu innalzata la Torre Eiffel (e doveva essere temporanea) ci fu un agguerrito drappello di intellettuali che protestò indignato, ma con il tempo quell’ammasso di ferraglia è diventato un’icona della Francia. Fermiamoci qui, per carità di patria, ma pensate pure a Barcellona, a Londra o anche solo a Milano.

A Napoli, invece, l’ultimo serio intervento urbanistico nel centro storico risale a oltre ottant’anni fa, quando il regime fascista mise mano al degradato quartiere San Giuseppe e ad altro. Chiamò il meglio degli architetti dell’epoca e fece realizzare quei monumenti del Razionalismo che sono la Posta Centrale, la Provincia, la Questura, il Banco di Napoli a via Toledo, la Stazione Marittima. Amanti del fetido colore locale, come il raffinato Jean-Paul Sartre, passeggiando da «ultimo turista» tra i cantieri, si indignò perché Napoli rischiava di somigliare a Milano. E magari. Per lui, parigino giramondo, era uno scandalo che al posto del lurido zoo umano, dove veniva a godersi lo spettacolo dei pezzenti rintanati nelle catapecchie, si costruissero case ed edifici accoglienti e che, alla faccia sua, sono finiti nei manuali di architettura.

Le città sono organismi vivi, destinate alla trasformazione. Non vanno museificate, mummificate. Pensate solo a come pesantemente intervennero gli Angioini nell’edilizia del tardo Medioevo. A come cacciarono via conventi e monasteri nell’area dove ora sorge il loro Maschio e spostarono l’asse della città verso la zona occidentale, fuori dai Decumani. Pensate al viceré Pedro di Toledo che fece realizzare la strada che porta ancora il suo nome. O agli stessi Borbone che, solo per dirne un paio, ridisegnarono l’attuale piazza del Plebiscito e piazza Dante. E Murat non esito a sventrare parte del quartiere Stella per costruire la strada che portasse rapidamente alla Reggia di Capodimonte, evitando di impegolarsi attraverso la Sanità. Sfigurò purtroppo il chiostro della chiesa del Monacone, ma come si farebbe oggi se non ci fosse il Ponte a scavalcare il vallone? E gli interventi che sventrarono Napoli dopo il colera dell’Ottocento? Il Rettifilo, con tutti gli orrori di un risanamento speculativo, ha consegnato alla memoria delle stampe d’epoca tutto un mondo posticciamente pittoresco che nella realtà era fatto di vicoli puzzolenti, di tuguri e fondachi lerci dove hanno vissuto e sono morti migliaia di donne e di uomini che avrebbero meritato di più.

Ma quando in questa Napoli, piena più di fori che di pori, trapela l’idea di impugnare il piccone, i primi ad alzare scudi di parole sono proprio gli intellettuali antiquari napoletani. Ricordate le proteste quando fu rifatta la Villa Comunale, una ventina di anni fa? Non pensate a com’è ridotta oggi. Alcuni interventi non furono brillanti, altri dipendevano dal gusto, altri erano e restano discutibili. Al di là degli chalet dai colori disneyani, i custodi della Napoli comm’era» si accanirono sull’inferriata e le luci a supposta. Non sono gradevoli, è vero, ma che cosa s’invocava in nome di una presunta e indefinita caratterizzazione storica del parco? Una ringhiera in stile Settecento, insomma un pezzotto cinese, un falso storico, una patacca. La Villa è un miscuglio di stili sovrapposti in trecento anni, con quel gioiello novecentesco della Casina nel Boschetto che risale al secondo dopoguerra e da vent’anni è consegnato al vandalismo. A compensare disastrosamente questo immobilismo, la città da tempo immemorabile è devastata da cantieri infiniti, spesso solo voraci crateri di denaro pubblico.

A Napoli, purtroppo, la Storia è ormai solo un randello da usare contro qualsiasi cambiamento, e allo stesso tempo è un fardello, come il fragile guscio di una lumaca, che ci trasciniamo dietro e ci costringe a procedere lentamente, lasciando dietro di noi solo una scia di bava, la nostra zella quotidiana.

Per fortuna, la Natura talvolta si ribella. E lavora per il futuro.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news