LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, la chiusura dei musei civici diventa un caso: dall’articolo di ‘Le Figaro’ alla raccolta firme. Il sindaco Brugnaro non arretra
Giuseppe Pietrobelli
Il Fatto Quotidiano 6/1/2021

Forse Luigi Brugnaro sperava di liquidare il problema con un braccio di ferro in laguna con i sindacati, gioco in cui si è cimentato durante tutto il primo mandato da sindaco. Invece questa volta la decisione di tenere chiusi i musei civici di Venezia fino al primo aprile si è trasformata in una caso. Al punto che il quotidiano francese Le Figaro ha titolato: “Venezia, clamore per la chiusura dei Musei”, raccontando di una città desertificata a causa del Covid, ma anche incapace di reagire. Il fatto che l’amministrazione comunale, al di là delle decisioni del governo, abbia deciso di prolungare il lockdown culturale, aveva suscitato una prima presa di posizione dei sindacati Cgil e Uil, che si sono opposti ad un piano di cassa integrazione per i 70 dipendenti della Fondazione Musei Civici e di conseguenza anche per i 320 lavoratori delle cooperative che si occupano delle sale e delle biglietterie. “Brugnaro sceglie di chiudere quando il bilancio è in attivo di un milione di euro, grazie alle sovvenzioni dello Stato, che a Venezia ha portato 8 milioni di euro. Questa è una sconfitta per la cultura e la città”, ha detto Daniele Giordano, segretario Fp-Cgil.

Subito è partita una petizione della rivista veneziana online Ytali, che è arrivata a raccogliere quasi 3mila firme in pochi giorni, comprese quelle dello storico dell’arte Salvatore Settis, dello storico Giuseppe Saccà, del critico Vittorio Sgarbi e del sottosegretario alla Presidenza del consiglio, Andrea Martella. “Saltano agli occhi i gravi difetti della struttura della Fondazione Musei dove un patrimonio immenso di carattere pubblico rischia di venire gestito in forma privatistica, con gli stessi criteri di un’azienda qualsiasi”, denuncia il documento, riferendosi alla dozzina di musei comunali, tra cui Palazzo Ducale, il Correr, Ca’ Rezzonico, Ca’ Pesaro e il Museo del Vetro. “La scelta drastica del sindaco, che è assessore alla cultura, lascia senza parole, perché equipara il sistema museale a un servizio a esclusiva funzione turistica, non tenendo conto che in tutto il mondo i grandi musei svolgono compiti fondamentali di studio, conservazione e cura dei materiali loro affidati”.


LAVORO & PRECARI
Venezia, la chiusura dei musei civici diventa un caso: dall’articolo di ‘Le Figaro’ alla raccolta firme. Il sindaco Brugnaro non arretra
Venezia, la chiusura dei musei civici diventa un caso: dall’articolo di ‘Le Figaro’ alla raccolta firme. Il sindaco Brugnaro non arretra
Il "lockdown culturale" fino al primo aprile aveva suscitato una prima presa di posizione dei sindacati Cgil e Uil, che si sono opposti ad un piano di cassa integrazione che coinvolge 390 lavoratori. La questione è arrivata sulle pagine del quotidiano francese e una petizione online ha già raccolto quasi 3mila adesioni. Il primo cittadino però difende la sua scelte: "I nostri musei vivono di turisti"

di Giuseppe Pietrobelli | 6 GENNAIO 2021

Forse Luigi Brugnaro sperava di liquidare il problema con un braccio di ferro in laguna con i sindacati, gioco in cui si è cimentato durante tutto il primo mandato da sindaco. Invece questa volta la decisione di tenere chiusi i musei civici di Venezia fino al primo aprile si è trasformata in una caso. Al punto che il quotidiano francese Le Figaro ha titolato: “Venezia, clamore per la chiusura dei Musei”, raccontando di una città desertificata a causa del Covid, ma anche incapace di reagire. Il fatto che l’amministrazione comunale, al di là delle decisioni del governo, abbia deciso di prolungare il lockdown culturale, aveva suscitato una prima presa di posizione dei sindacati Cgil e Uil, che si sono opposti ad un piano di cassa integrazione per i 70 dipendenti della Fondazione Musei Civici e di conseguenza anche per i 320 lavoratori delle cooperative che si occupano delle sale e delle biglietterie. “Brugnaro sceglie di chiudere quando il bilancio è in attivo di un milione di euro, grazie alle sovvenzioni dello Stato, che a Venezia ha portato 8 milioni di euro. Questa è una sconfitta per la cultura e la città”, ha detto Daniele Giordano, segretario Fp-Cgil.




Subito è partita una petizione della rivista veneziana online Ytali, che è arrivata a raccogliere quasi 3mila firme in pochi giorni, comprese quelle dello storico dell’arte Salvatore Settis, dello storico Giuseppe Saccà, del critico Vittorio Sgarbi e del sottosegretario alla Presidenza del consiglio, Andrea Martella. “Saltano agli occhi i gravi difetti della struttura della Fondazione Musei dove un patrimonio immenso di carattere pubblico rischia di venire gestito in forma privatistica, con gli stessi criteri di un’azienda qualsiasi”, denuncia il documento, riferendosi alla dozzina di musei comunali, tra cui Palazzo Ducale, il Correr, Ca’ Rezzonico, Ca’ Pesaro e il Museo del Vetro. “La scelta drastica del sindaco, che è assessore alla cultura, lascia senza parole, perché equipara il sistema museale a un servizio a esclusiva funzione turistica, non tenendo conto che in tutto il mondo i grandi musei svolgono compiti fondamentali di studio, conservazione e cura dei materiali loro affidati”.


Il sindaco Brugnaro non arretra, anzi rincara. Lo ha fatto durante la conferenza stampa di fine anno e lo ha ripetuto in un’intervista al quotidiano Il Gazzettino, con il piglio dell’imprenditore, più che dell’amministratore. “E’ una decisione che rivendico, difendo e spiego. Qui è stata montata la solita bufera dal solito fronte sindacale interno, alimentata poi dalla solita parte che non vede l’ora di fare mozioni, petizioni, interventi, polveroni”. E ribadisce che senza turisti i musei sono in perdita. “La Fondazione è un bene pubblico, merita una gestione oculata. In questa fase di incertezza e assenza di mobilità abbiamo programmato un bilancio a zero incassi per garantire la cassa integrazione ai dipendenti. Tenere aperto avrebbe voluto dire mettere a rischio i conti della Fondazione, i posti di lavoro”.

Però il suo vice, il leghista Andrea Tomaello è sembrato dissociarsi, invocando almeno una apertura nei fine settimana. Brugnaro non sembra accorgersi dello strappo: “Ho agito come un buon padre di famiglia e lo rivendico. L’apertura dei musei dipende dalla ripresa della mobilità delle persone, dal bacino di utenza. I nostri musei vivevano e vivranno soprattutto dei turisti. Io dico che c’è anche una cultura imprenditoriale, gestionale del far funzionare le cose. Sembra che ci si debba vergognare se uno amministra un bene pubblico come un’azienda. Vergognarsi di cosa? Di fare utili con una Fondazione?”. Poi però promette: “Voglio chiarire che noi siamo pronti ad aprire anche domani, se ci sono le condizioni. L’orizzonte del 1° aprile è stato dato solo per garantire i lavoratori. Nel 2021 celebreremo i 1600 anni della nascita di Venezia, il 25 marzo. E la Fondazione Musei è al centro del progetto, per un anno intero”. E le migliaia di firme-contro? “Abbiamo un autorevole esponente di governo che firma una petizione online per aprire i Musei… Che un sottosegretario come Andrea Martella firmi mi sembra un segnale chiaro. Visto che è al governo, faccia anche lui la battaglia per la città e si impegni a stanziare i fondi promessi e chiesti da tutto il consiglio comunale per Venezia e la Laguna”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/01/06/venezia-la-chiusura-dei-musei-civici-diventa-un-caso-dallarticolo-di-le-figaro-alla-raccolta-firme-il-sindaco-brugnaro-non-arretra/6057277/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news