LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ostuni, la Soprintendenza blocca il «bianco» nel centro storico
La Gazzetta del Mezzogiorno - Brindisi 12/9/2020

A causa della mancata autorizzazione da parte della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto, ancora oggi non si possono eseguire, sia pure le precarie condizioni, la tinteggiatura a latte di calce della cinta muraria del borgo antico ostunese che da anni non viene rifatto.

Gli interventi erano stati previsti con delibera della Giunta n. 145 del 26 giugno scorso e l’Amministrazione aveva dato «direttiva al Settore LL.PP. per l’esecuzione immediata ed urgente degli interventi di manutenzione conservativa delle superfici estradossali della cinta muraria del centro storico della «Città bianca» che si affacciano su viale Oronzo Quaranta».

L’importo complessivo previsto per la tinteggiatura a latte di calce, erano di 37 mila euro (a copertura anche dell’eventuale spesa degli interventi da eseguire in danno ai singoli proprietari delle facciate che si attestano sulla cinta muraria) mentre si era deciso di estendere gli interventi anche alle superfici murarie dei fabbricati privati che si affacciano su viale Quaranta.

In base all’ordinanza sindacale n. 95 del 19 giugno scorso, era stato disposto che tutti i singoli proprietari di fabbricati ubicati nel centro storico e nelle zone 7-800tesca della Città di Ostuni, erano obbligati a «tinteggiare a latte di calce le facciate esterne del proprio immobile entro il termine perentorio di giorni 30 a decorrere dalla data di pubblicazione dell’ordinanza» precisando ancora che: «in caso di eventuale inadempimento da parte di proprietari», l’Amministrazione avrebbe provveduto «in danno agli stessi, realizzando direttamente gli interventi di tinteggiatura previsti obbligatoriamente».

Allo stato attuale, la tinteggiatura a calce della cinta muraria, presenta in maniera diffusa fenomeni di degrado causati dagli agenti atmosferici che hanno determinato la formazione di macchie annerite ben visibili anche a distanza, tipici dell’invecchiamento della calce e che determinano una dannosa compromissione dell’aspetto visivo generale e della stessa cinta muraria.

Anche le facciate degli edifici privati che si affacciano lungo la cinta muraria hanno perso il loro caratteristico candore a causa del notevole tempo trascorso dall’ultima tinteggiatura a calce e per questo, si rende necessario un immediato intervento di manutenzione conservativa dello scialbo di calce, nel pieno rispetto della tradizione storico-artistica locale e nel pieno rispetto delle indicazioni e delle Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio rientrando in area sottoposta a vincolo paesaggistico.
L’intervento di manutenzione conservativa scaturisce anche dall’obbligo derivante da quanto previsto dai primi tre commi dell’art. 15 delle noprme tecniche d’attuazione del P.R.G che testualmente recitano: “Tutte le parti esterne degli edifici, quali facciate, prospetti interni, parti emergenti dalla copertura, canne fumarie ed altro, devono essere tinteggiate con latte di calce, con cadenza almeno biennale. La tinteggiatura dovrà essere eseguita con tecniche e materiali della tradizione ostunese. Si considera rispondente alla prescrizione la tecnica di tinteggiatura a calce”.

L’ing. Giovanni Spalluto, è stato nominato quale responsabile unico del procedimento di attuazione dell’intervento e anche in caso di inadempimento alle prescrizioni da parte dei privati.

Nell’atto si precisa che: «Il centro storico di Ostuni costituisce una risorsa fondamentale del patrimonio storico-culturale, capace di attrarre l’attenzione dei turisti che durante tutti i periodi dell’anno arrivano per visitare la città».

Il bianco a calce, è la caratteristica principale che unifica l'insieme urbanistico-edilizio di questa parte della città e rappresenta la tradizionale coloritura dei fabbricati mentre la cinta muraria di epoca angioina-aragonese, a valle del rione antico, è l’immagine simbolo della città.

Un monumento che rappresenta un bene di notevole pregio e importanza storico-artistica per cui occorre preservare la sua identità architettonica, rinnovando il suo aspetto caratteristico “a latte di calce” che è la peculiarità tipica dei borghi antichi pugliesi.

https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/brindisi/1248210/ostuni-la-soprintendenza-blocca-il-bianco-nel-centro-storico.html


news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news