LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Careggi, nel 2022 apre la Limonaia della Villa Medicea»
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino - 14/1/2021

Il presidente della Regione Eugenio Giani già li chiama «gli Uffizi 2». Ieri ha svolto il primo sopralluogo alla Villa Medicea di Careggi insieme al direttore degli Uffizi Eike Schmidt. E ha annunciato che per l’autunno 2022 vedremo operativa la villa, seppur parzialmente.

«Opere delle Gallerie degli Uffizi andranno nella villa medicea di Careggi, residenza preferita di Lorenzo il Magnifico, aperta ai toscani, ai turisti e ai pazienti in cura del Meyer e di Careggi» scrive sulla sua pagina Facebook il presidente della Regione. Regione che è proprietaria di questo «straordinario scrigno di bellezza che vogliamo far vivere a chi vorrà visitarlo» e che da tempo voleva valorizzarlo.

Sono tre le location principali individuate per il progetto degli «Uffizi diffusi». La Villa dell’Ambrogiana a Montelupo, le Terme del Corallo a Livorno e appunto la villa di Careggi. «Avevo già spiegato che l’utilizzo di questo luogo a fini culturali sarebbe stato uno dei punti qualificanti della legislatura — spiega Giani — non a caso la giunta a ottobre ha esordito simbolicamente qui: ieri con Schmidt abbiamo discusso dei lavori al tetto e alla parte esterna ma per procedere con la fase esecutiva era fondamentale capire se il progetto degli Uffizi diffusi poteva andare avanti e così è stato. Anche lui è rimasto molto contento e ci siamo sincronizzati per lo sviluppo delle due fasi dei lavori».

La prima fase riguarderà l’apertura della Limonaia e del giardino. Dove immaginano un punto ristoro e il luogo dove effettuare incontri e presentazioni di libri. E sarà pronta — prevedono — tra un anno e mezzo. Il vero e proprio museo è previsto per il 2024. E il costo per i lavori è stimato in circa 6 milioni di euro. Ma prima occorre predisporre ex novo tutta l’impiantistica «stanza per stanza»: misure di sicurezza, illuminazione e impianti antifurto. Essendo la villa acquistata dal capostipite dei Medici, Giovanni di Bicci, padre di Cosimo il Vecchio, dimora di Marsilio Ficino ed eletta come «residenza prediletta» da Lorenzo il Magnifico, Giani pensa che sarebbe il luogo ideale dove «raccontare attraverso le opere degli Uffizi la storia della famiglia Medici».

«Ha grandi potenzialità anche per il futuro –— chiosa il presidente — la cittadella della salute ha bisogno di un senso di speranza. Noi ci accolliamo i lavori, gli Uffizi le opere d’arte. E la gestiremo insieme al 50 per cento. Il lavoro che ci attende è imponente ma da oggi possiamo finalmente dire che lo realizzeremo sicuramente».

Soddisfatto anche il direttore degli Uffizi Eike Schmidt: «Nel giro di qualche anno la Villa medicea di Careggi avrà tutte le carte in regola per diventare una grande risorsa storico-culturale per i cittadini, per i pazienti dell’ospedale e del Meyer e per forestieri in arrivo da tutto il mondo — racconta — Non solo, potrà costituire il cuore di una rete creata per connettere tra loro tutte le ville medicee. Le Gallerie degli Uffizi sono fiere di essere parte integrante di questo ambizioso progetto».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news