LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il David non sarà più solo
Marco Gasperetti
Corriere della Sera 17/1/2021

La solitudine del David di Michelangelo s’interromperà il prossimo 13 febbraio quando la Galleria dell’Accademia riaprirà al pubblico dopo l’emergenza Covid. Ai lati della Tribuna, lo spazio circolare che avvolge il capolavoro come un enorme trono, un centinaio di statue di gesso, mai collocate prima, diventeranno un’ideale corte per onorare e valorizzare ancor di più quell’opera sublime e mastodontica. E non solo: altri gessi, disposti in duplice fila come guardie d’onore, accompagneranno il visitatore passo dopo passo sino al David in un percorso nuovo, unico e dalle emozioni infinite.

La nuova installazione — che si annuncia già come un evento — non toglierà neppure un una scintilla di luce al David e anzi contribuirà a valorizzare ancora di più quell’eterna meraviglia plasmata con il marmo bianco delle Apuane.

Già adesso durante i lavori, tra carrelli elevatori e dispositivi elettronici, camminare nel nuovo percorso è un’emozione. E, come in un crescendo sinfonico, ci si avvicina al movimento finale (l’apoteosi del David), passo dopo passo, sguardo dopo sguardo.

«Alcuni busti di Lorenzo Bartolini che ritraggono nobildonne sono volti ancora anonimi — spiega la direttrice della Galleria dell’Accademia Cecilie Hollberg — che adesso, con la nuova collocazione ad altezza di visitatore, potranno essere meglio studiati e magari riconosciuti. E lo potrà fare anche il pubblico in un appassionante identikit collettivo per scoprire, chissà, qualche grande personaggio della storia».

Sempre durante il percorso che porta al David, sotto il dipinto del Pontormo (che era stato ispirato da un disegno di Michelangelo), sono state collocate statue di veneri e ninfe sdraiate. «E, sotto gli occhi del David, ora ci sono i monumenti di Brunelleschi e Di Cambio, entrambi costruttori del Duomo di Santa Maria del Fiore — spiega ancora Hollberg — dove in un primo momento il David doveva essere collocato, addirittura sulla cupola».

Il nuovo allestimento avrà una fase sperimentale sino a luglio. Poi, se avrà successo e non ci saranno problemi di sicurezza, i busti e le statue, o alcune di loro, cancelleranno per sempre la solitudine del «Numero Primo».

Ma non c’è soltanto il David nella rivoluzione dell’Accademia. Alcuni busti di gesso (264 in tutto conservati nella gipsoteca), saranno divisi per argomenti e collocati in altre postazioni del museo. I volti dei musicisti, per esempio, arricchiranno il dipartimento dove sono ospitati gli antichi strumenti musicali delle collezioni dei Medici e dei Lorena.

Anche la Sala del Colosso, che custodisce pitture straordinarie, è al centro di una rivisitazione con lavori alle capriate e anche un nuovo impianto di illuminazione all’avanguardia.

«La sala riaprirà a luglio — spiega ancora la direttrice Hollberg — ma le opere custodite sono state spostate nell’ala delle mostre temporanee. E qui, grazie ad un’illuminazione adeguata, già ora riescono a emanare tutta la loro bellezza».

Un esempio? La Tebaide di Paolo Uccello, che per colpa di un impianto di illuminazione inadeguato era praticamente invisibile, adesso riesce a mostrare tutte le sublimi pennellate del maestro. Oppure il dipinto Santi Stefano, Giacomo Maggiore e Pietro del Ghirlandaio che, sotto la giusta luce, oggi mostra colori vivaci e ornamenti filigrani.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news