LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. «Presi in giro dal Mibact. Con la Figc chiederemo un incontro al governo»
Ernesto Poesio
Corriere Fiorentino - 17/1/2021

«Siamo rimasti pietrificati». Il giorno dopo la risposta del Mibact sul Franchi, Luigi De Siervo parla da amministratore delegato della Lega di Serie A ma anche da fiorentino che conosce benissimo pregi e difetti di uno stadio non più al passo con i tempi.

In effetti è stata una doccia gelata per molti, soprattutto dopo la nuova legge che pareva aprire nuovi scenari. E invece...
«Non uso mezzi termini: la risposta del ministero è sembrata quasi dileggiare anche l’appello formale congiunto tra Lega di Serie A e Figc delle scorse settimane. Ma ha dileggiato anche l’eccellente lavoro fatto dal credito sportivo, il dibattito degli ultimi mesi, la fortuna per la nostra città di un imprenditore illuminato che aveva già deciso uno stanziamento importante per regalare a Firenze un impianto degno della sua storia e perfino il dibattito politico che aveva generato una norma specifica che forniva lo strumento tecnico per intervenire. La legge consentiva interventi rispettando l’opera di Nervi senza cristallizzarla, ma di tutto ciò non si è tenuto conto».

Lo stop al Franchi non è solo un ostacolo alla crescita della Fiorentina. Anche il calcio italiano ne esce con le ossa rotte?
«Il punto centrale è che per creare valore nel calcio servono impianti moderni, che consentano una fruizione dell’evento sportivo più adatta alle famiglie rispetto a un tempo. Bisogna poter costruire nuovi stadi. Venire a raccontare come ha fatto il Mibact che si può intervenire, ma solo rispettando tutti quei vincoli vuol dire vanificare tutto. E, diciamolo, è una vera e propria presa in giro. È stato fatto un danno a tutto il sistema calcio e a un Paese che riesce ad attirare ancora grandi investitori ma poi li costringe ad andarsene».

Una scelta anacronistica insomma quella del Mibact...
«Io direi ai confini della realtà. Tutto faceva presagire a un finale diverso, a una risposta che avrebbe consentito un equilibrio tra la conservazione e la modernizzazione. E che doveva essere quella la strada maestra lo possiamo ben dire noi fiorentini visto che la nostra città è stata costruita su altri edifici. Se secoli fa ci fossero state risposte come quella del ministero nessuno dei nostri capolavori avrebbe visto la luce».

Fin qui la delusione. Ma come Lega di Serie A vi farete sentire?
«Io confido che si possa ancora intervenire. La Lega insieme con la Federazione, chiederà che sia riconsiderata quella risposta. Anche se è presto per dirlo, credo che chiederemo un’interlocuzione diretta con il ministero. È necessario che il futuro si incroci con la tutela. In questo modo invece conserviamo soltanto un polveroso passato. Oltretutto una ristrutturazione del Franchi potrebbe regalare servizi e lavoro a tutta Campo di Marte. Noi siamo al fianco di Commisso, capiamo la sua amarezza e siamo intenzionato a combattere con lui questa battaglia, perché è una battaglia di tutti».

Ma quanto sta perdendo il calcio italiano senza nuovi impianti?
«Dobbiamo capire che questi stadi vetusti non consentono neanche una ripresa televisiva internazionale. Ma si sa di cosa stiamo parlando? Noi forniamo immagini adatte a un televisore degli anni 90, non a quelli di oggi con gli schermi piatti e l’Hd. E i diritti tv sono parte preponderante dei ricavi delle società di calcio. Come tutto questo la politica non lo capisca è incomprensibile. Sono senza parole».

Non solo i diritti tv però. Uno stadio nuovo vuol dire più soldi anche dal botteghino e dal marketing...
«Certamente, con impianti moderni si raddoppiano i ricavi. Guardate in Germania, da loro tutto è cambiato con i nuovi stadi fatti per il Mondiale del 2006. Basterebbe solo saper copiare. È veramente deprimente, manca la capacità di saper leggere i tempi che si vivono. Noi siamo il Paese che ha la minor occupazione all’interno degli stadi per colpa dei politici».

E se Commisso decidesse di andare a Campi lei da fiorentino cosa ne penserebbe?
«Ora è il momento di provare a capire se sul Franchi la partita è davvero chiusa. Per il momento Firenze ne esce sconfitta, speriamo questo Paese trovi la forza di recuperare una partita molto compromessa».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news