LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CHIETI - Scavi in piazza San Giustino, sinergia Comune-Soprintendenza
Oscar D'Angelo
19 gennaio 2021




Eppur si muove. Passi avanti nelle sinergie fra Comune e Soprintendenza dopo la commissione congiunta di ieri dei settori cultura e lavori pubblici, aperta ai vertici di via degli Agostiniani.

“Prima i due Enti si rincorrevano”, così si legge nel comunicato stampa di sintesi all’incontro diffuso sulla piattaforma FB, “ora, invece, andranno insieme e di pari passo”, al fine di “una progettualità condivisa”. Annunziate collaborazioni per iniziative a beneficio del patrimonio archeologico cittadino che, oltre a piazza San Giustino, riguarderanno altri siti monumentali quali le Terme romane ed il Tempietto di Santa Maria del Tricalle [già tempio pagano dedicato a Diana Trivia], per una intesa che i diretti interessati, gli assessori Paolo De Cesare, Cultura, e Stefano Rispoli, Lavori pubblici, definiscono di “portata storica”. Una dichiarazione impegnativa e speriamo beneagurante. Ma torniamo agli scavi di Colle Gallo.

Dopo le istanze pervenute dalla società civile al sindaco Diego Ferrara, il primo cittadino ha accelerato il dialogo con la soprintendente Rosaria Mencarelli per verificare la percorribilità del processo di integrazione fra le esigenze di tutela, dei manufatti archeologici rinvenuti e rinvenendi nell’area antistante la cattedrale, e quelle di fruizione della piazza secondo il progetto di riqualificazione che seguirà ai sondaggi in corso. Un primo traguardo lo ha confermato l’assessore ai lavori pubblici Stefano Rispoli che annunzia “una variante con l’intento di dare alla città una piazza vivibile e maggior tempo agli scavi in corso”. Le modifiche al progetto originario dovrebbero comportare alcune rinunzie per i necessari adeguamenti alle prescrizioni della Soprintendenza. Non saranno realizzati lo “smart tunnel” dei sottoservizi e l’area verde con annessi giochi d’acqua antistanti il Tribunale.

Un sacrificio che non priverà la piazza dell’asset di area pedonale per la quale era stata concepita ma che tutelerà l’integrità dei reperti venuti alla luce e ciò a prescindere dalla loro eventuale valorizzazione. “C’è l’intenzione”, dice Rosanna Tuteri, funzionario archeologo della Soprintendenza, “di procedere a tutti gli approfondimenti scientifici che si renderanno necessari per la miglior comprensione e lettura delle emergenze archeologiche dell’intero sito, mi riferisco alla parte già indagata ed a quella ancora da indagare, porzione quest’ultima dove tutti ci auguriamo di trovare il mosaico descritto da Vincenzo Zecca”. Bene. Da un lato non si pongono limiti temporali stringenti alla chiusura delle ricognizioni già effettuate, dall’altro c’è l’entusiasmo di aprirsi alle novità che la scienza archeologica continuerà ad offrirci sulla direttrice di Via Pollione. Il quadro complessivo dell’intero sito ne guadagna sensibilmente. Ad esempio, il Comune sostiene di non aver rinunziato ad esperire ogni utile verifica per consentire l’indagine del cunicolo scoperto a ridosso del basamento del campanile. La Soprintendenza, come si ricorderà, aveva già rilasciato il nulla osta, per quanto di propria competenza, alle introspezioni dello Speleo Club Chieti. Ma poi la cosa si era arenata per intervenuti problemi burocratici legati alle norme sulla sicurezza.

“Stiamo cercando di risolvere le problematiche sulla sicurezza nei cantieri pubblici per rendere operativa la apprezzata offerta di collaborazione degli speleologi teatini”, spiega l’assessore Rispoli, “pensiamo ad un protocollo che coinvolga anche la ditta esecutrice dei lavori, i nostri tecnici sono al lavoro per definire in un modo o nell’altro la questione”. Ed anche sul piano delle risorse da utilizzare per le occorrenze dell’archeologia preventiva c’è la novità derivante dall’individuazione di fondi ad hoc, per ora rivenienti dai risparmi che si otterranno grazie alle modifiche progettuali sopra illustrate. “Gli scavi”, rassicura Rosanna Tuteri, “dovrebbero riprendere a breve, condizioni climatiche permettendo, certo, non disporremo di grossissime cifre ma il Comune ha comunque assicurato il reperimento dei fondi necessari per portare a termine il monitoraggio sull’intera piazza”. Nessuna nuova, invece, sul fronte del famoso tesoretto giacente presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, di 353.000 euro, a suo tempo accantonato nella voce “ribassi d’asta”, ma ancora bloccato per via di una interpretazione sul di esso utilizzo che ne penalizza la fruizione per opere successive all’avvio dei lavori. Al riguardo, l’amministrazione comunale, dopo gli input di stampa e comitati cittadini, aveva mosso gli opportuni passi per l’auspicata “soluzione politica” della vicenda. Ed in tal senso da registrare l’invito che sarebbe stato fatto al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini per una visita a Chieti. “Abbiamo avviato gli opportuni contatti istituzionali”, conclude Stefano Rispoli, “ma la discussione in atto sulla crisi di governo ha fatto slittare l’argomento”.

Potrebbe interessarti: https://www.chietitoday.it/social/segnalazioni/archeologia-scavi-piazza-san-giustino-sinergia-comune-soprintendenza.html

https://www.chietitoday.it/social/segnalazioni/archeologia-scavi-piazza-san-giustino-sinergia-comune-soprintendenza.html


news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news