LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il primo è William, poi gli altri 775. «Riaprono gli Uffizi, una boccata d’aria»
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino - 22/1/2021

Alle 8.30 di ieri mattina il ventenne William, irlandese «fashion artist» da un anno a Firenze, stava prendendo un caffé all’angolo di via della Ninna. «Ho alzato gli occhi e ho visto le luci degli Uffizi accese. Non sapevo che riaprissero, è stata una grande sorpresa, non ho aspettato un attimo». Dieci minuti dopo ha comprato il biglietto. Alle 9 era nella Sala di Giotto, al secondo piano. Terzo in ordine di arrivo nel primo giorno di riapertura del museo, dopo 77 giorni di chiusura per la pandemia, William ha fatto un piccolo inchino e si è lasciato andare a un «Grazie» in italiano.

Quello che il direttore della galleria Eike Schmidt chiedeva a questa improvvisa ma faticosa ripartenza dei luoghi dì cultura era solo di poter prendere «una boccata d’aria». Sa di non poter aspirare a numeri importanti. «Per i primi mesi andremo in perdita, è ovvio». Ma è pensando a persone come William, o come la coppia inglese che lo ha seguito di pochi minuti, che lo sforzo di riaprire acquista un senso oltre i numeri di affluenza. Insieme ai visitatori ha voluto battezzare questo giorno speciale anche la ministra della scuola, Lucia Azzolina. Una visita imprevista con una guida speciale: il presidente della Regione Eugenio Giani. Tema «scuola» che ha portato il direttore Schmidt a inaugurare la mattinata con ironia: «Ragazzi, se proprio volete fare forca a scuola, fatela qui da noi». Per poi tornare subito serio paragonando questi primi giorni «agli spettacoli che durante la guerra si facevano alla National Gallery di Londra» come «valore simbolico» per scongiurare il fantasma di mali terribili. Paragone a cui pensa ricordando che oggi è l’ultimo giorno utile per vedere la mostra su Joseph Wright of Derby, col dipinto arrivato appunto in prestito dalla National Gallery e che avrebbe potuto essere il fiore all’occhiello delle esposizioni temporanee del 2020.

A fine giornata anche i numeri si sono dimostrati meno sconfortanti del previsto: 776 visitatori, di cui quasi la metà fino a 25 anni. Un decimo quasi esatto della media giornaliera pre-pandemia. «Per ora teniamo chiuso il primo piano per via di due cantieri che abbiamo ancora aperti — ha spiegato Schmidt — E massimo a metà marzo si potranno visitare dodici sale nuove e ci sarà una serie di nuovi bagni per migliorare la visita». Mentre per il riallestimento del Corridoio Vasariano «è troppo presto per parlare di date». «Un grande riscatto anche se camminiamo ancora borderline» è stato l’augurio e l’ammonimento del sindaco Dario Nardella. «Noi possiamo dare una mano agli Uffizi in due modi — ha aggiunto usando quel “noi” per dire “i fiorentini” — il primo è venendo a visitarli e il secondo è comportandoci bene per mantenere la Toscana in zona gialla». Alla cerimonia è intervenuto anche il neo consigliere di amministrazione del museo, Valdo Spini. Che ha voluto spingere nella «parola d’ordine “riparti cultura, riparti Italia”».

Insieme agli Uffizi, ieri hanno riaperto le porte anche la maggior parte dei musei statali del Polo regionale. Soprattutto il Museo di San Marco era molto atteso, perché ha appena rinnovato la sua sala principe, la Sala di Beato Angelico. Venti persone nelle prime due ore, 52 alle 11, quasi cento alla chiusura all’ora di pranzo. «Non ci possiamo lamentare», commenta il direttore Angelo Tartuferi.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news