LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Tre cortili, una scuola, artigiani. Come sarà la nuova Sant’Orsola
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino - 20/1/2021

Tre piazze (di cui una da mille metri quadri) nasceranno al pian terreno di Sant’Orsola, che da buco nero e palazzone chiuso al quartiere si aprirà su tutti i lati. L’architetto a cui è stato affidato il progetto da Artea, società francese che ha «vinto» l’operazione Sant’Orsola dalla Città metropolitana, ha pure cercato vecchie carte negli Archivi di Stato per poter trovare le migliori direttrici («gli accessi saranno da via Sant’Orsola, via Guelfa, via Panicale e via Taddea», proprio quest’ultima è da costruire). È forse questa la più bella novità per San Lorenzo, che ha visto per quasi 40 anni solo perdersi e rovinarsi questo ex convento, ex Manifattura tabacchi, ex centro profughi e infine sede (solo prevista) della Guardia di Finanza, mai aperta.

Artea è una società francese specializzata in rigenerazione urbana che ha firmato con la Città metropolitana, proprietaria del complesso, un «atto di valorizzazione e gestione». La soluzione trovata dopo che dal 2011 ad oggi ogni bando e project financing non era andato a buon fine. La spa guidata da Philippe Baudry, presente ieri alla illustrazione del progetto, ha già «il 40% delle risorse necessarie» rispetto ai 31,5 milioni di euro complessivi per ottenere in cambio la gestione degli spazi per 50 anni. Il resto verrà finanziato da banche, ci sono già contatti «con Chiantibanca» ha detto il Ceo di Artea, gruppo quotato a Parigi e con «100 milioni di fatturato». Insomma, il progetto è solido, è convinto il sindaco Dario Nardella. E dopo la firma, ora l’architetto Carlo Bandini passerà al Progetto unitario. Ma oltre alle piazze (che in realtà sono i tre cortili, dell’orologio, del Tabacco e della Spezieria, dove verranno coltivate piante aromatiche e verdure) cosa ci sarà dentro? Il fulcro è la scuola di istruzione superiore a cui è legata una foresteria per gli studenti (e per gli artigiani ed artisti che verranno ospitati in altri spazi, e che come tutte le foresterie nei mesi senza scuola sarà utilizzabile come ostello). Il sindaco Dario Nardella ha già assicurato (in una intervista al Corriere Fiorentino ) che lì potrebbe trovare sede la scuola internazionale di hotellerie a cui punta. Ma l’alternativa c’è già: «Diverse università americano si sono fatte avanti» spiega Nardella.

Il progetto, seguito dalla consigliera a Pianificazione territoriale e Patrimonio della Città metropolitana Monica Marini, prevede inoltre un’area fitness, una ludoteca, un museo, laboratori per artisti e artigiani e ovviamente spazi commerciali e di ristorazione nei cortili.

«Il progetto, ed è la cosa di cui sono più contento, non prevede alcun tipo di speculazione: non faremo né alberghi né centri commerciali. La proprietà rimarrà pubblica e le attività economiche saranno solo funzionali a quelle culturali» spiega Nardella.

Mentre viene definito il Piano attuativo (praticamente, il progetto esecutivo con tutti i permessi) proseguono i lavori di manutenzione programmati dalla Città metropolitana. Secondo Artea, che ha affidato il design interno allo studio londinese di Geraldine Dohogne, già nel 2022 si dovrebbero cominciare i lavori per poi 30-36 mesi di cantiere. Ma, proprio nella logica ricordata da Marini («uno spazio a disposizione di tutti, aperto e fruibile, come vogliamo che sia il nostro territorio») via via che saranno completati gli spazi, il complesso sarà già accessibile. Nei tre cortili ci saranno concerti ed eventi. Peraltro, nel quartiere da venti anni più multietnico della città. Unico cruccio per Nardella, dato che i lavori si concluderanno nel 2025, non sarà lui a inaugurare il complesso integralmente finito. Ma già vedere partire i cantieri per questi 17 mila metri quadri abbandonati da decenni nel centro di Firenze sarebbe per lui un successo, visto che altre due amministrazioni comunali e provinciali non ci erano riuscite.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news