LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Nardella: in 2 anni via al restyling del Franchi, mi gioco la credibilità
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino - 19/1/2021

Due anni per l’inizio dei lavori. Quando il sindaco Dario Nardella indica il 2023 come possibile «prima pietra» del restyling dello stadio Artemio Franchi, qualcuno scuote la testa, nel Salone de’ Dugento. Sono dubbi legittimi, dopo il fallimento dell’ipotesi Castello (2008), Mercafir e infine del restyling «con le ruspe» che voleva Rocco Commisso, operazione stoppata dal decreto del ministero dei Beni culturali che ha bocciato persino l’abbattimento delle curve. Ora Nardella fa da solo. Sarà il Comune a intervenire, sia sul Franchi che sull’area di Campo di Marte, dopo «il gioco è chiuso», le parole di Rocco Commisso di un suo impegno diretto sul Franchi. «Prendiamo atto della decisione della Fiorentina di non investire sullo stadio», parte Nardella.

La sfida
«Mi gioco la mia credibilità», insiste il sindaco. Ci sta: dopo 12 anni provati a convincere i proprietari della Fiorentina, ora Nardella dovrà provare a trovare i fondi per l’operazione. Nei prossimi due anni si affronteranno le emergenze, cioè gli interventi sulla sicurezza statica e sismica (si parte a febbraio, 800 mila euro già finanziati, i 7 milioni per l’antisismica «si troveranno nel bilancio di quest’anno). Ma in contemporanea Palazzo Vecchio comincerà a lavorare per il «concorso internazionale» per il Franchi.

Il concorso
«Nel decreto del Mibact ci sono aperture significative per i lavori per rispettare gli standard Uefa, a partire dalle gradinate. La possibilità di fare spazi commerciali, coprire lo stadio e fare nuove curve». Ma soprattutto «per la prima volta abbiamo nero su bianco cosa si può e cosa non si può fare al Franchi. Per la prima volta non ci si limita a dichiarazioni, veline, supposizioni. Ci sono atti ufficiali».

I tempi
Il 2020 sarà speso per l’attività tecnica preparatoria al bando. «Poi passeremo a pubblicare il concorso internazionale» e sarà una «commissione di architetti, esperti, rappresentanti degli Ordini degli architetti e degli ingegneri nazionali a valutare». Il vincitore sarà scelto tra un piccolo gruppo di finalisti, tra il 2022 e il 2023. E, dopo essersi preso gli strali da mezzo mondo per aver avvallato l’ipotesi delle «ruspe» di Commisso, Nardella precisa: «Agli architetti che hanno firmato appelli per salvare il Franchi dico: avete messo una firma sotto un appello, mettetela sotto ad un progetto. Non avete più alibi. Visto che il Franchi è finito in prima pagina sul New York Times e sul Süddeutsche Zeitung , il progetto deve essere all’altezza di Firenze». Quindi uno stadio «“verde”, per consumo energetico, innovativo, rispettoso del valore architettonico». E potranno partecipare «solo studi con esperienza e garanzie economico-finanziarie: no ad avventurieri». Si, ma chi paga?

I finanziamenti
«Il nuovo Franchi non peserà un euro sui cittadini e non toglierà fondi agli altri impianti. Chiederemo mutui a tasso zero a Banca europea degli investimenti, Cdp e Credito Sportivo. Come per altre opere pubbliche», risponde Nardella. E visto che il Franchi «è un bene di interesse nazionale» il sindaco manda un messaggio: «Se lo è davvero, si facciano avanti le istituzioni nazionali». I mutui però poi vanno onorati: per questo sarà aumentato il canone di concessione alla Fiorentina, si affitteranno gli spazi commerciali previsti (non i 50 mila metri quadri chiesti da Commisso ma almeno 10-15 mila), forse si farà un albergo. E con questi introiti si ripagherà il debito che, secondo Nardella sarà di «almeno 100 milioni di euro». «Nel percorso progettuale daremo grandissima attenzione alla Fiorentina. Non escludo poi che il club entri nell’operazione per la gestione dei volumi commerciali, può essere una strada» dice il sindaco.

Non solo Franchi
Il Comune farà un nuovo piano urbanistico «per tutta Campo di Marte». Ai 100 milioni si aggiungono altri 30-50 milioni di euro per fare la nuova passerella pedonale alla stazione e il parcheggio in area ferroviaria «anche a servizio dei residenti». Mentre i 249 milioni per la tramvia che passa proprio dallo stadio «sono appena stati confermati dal governo». Insomma, «se dobbiamo essere in ballo balliamo fino in fondo. Questa è una strada di non ritorno». Ma se la Fiorentina andasse a Campi? «Se l’attuale proprietà della Fiorentina andrà altrove, non mi metto di traverso. Ma il Franchi non può essere lasciato così e abbandonato. Non ci muoviamo da questo obbiettivo. Non devo convincere nessuno a restare: ho l’obbligo di mettere in sicurezza e far vivere il Franchi e Campo di Marte. E visto che tutto il mondo ha parlato del Franchi, tutto il mondo parlerà di come Firenze lo ha fatto rinascere».

Le reazioni
Dalla fondazione Nervi, i più severi contestatori delle «ruspe» di Commisso, ora si apre a Nardella: «Il sindaco ha illustrato un progetto a scala cittadina, assumendosi con slancio e coraggio l’onere della sua realizzazione», ora sono «pronti a collaborare». Consensi dall’Ordine degli Architetti di Firenze per il «concorso di progettazione internazionale» e da quello degli Ingegneri: «Si riqualifichi tutta Campo di Marte. Da destra, Fratelli d’Italia critica ma apre: «Roma lo ha rimbalzato, Commisso pure. Il sindaco Nardella dichiari l’opera di pubblica utilità e agisca subito. Noi faremo la nostra parte». Forza Italia, invece, spinge per Campi: «Noi con Commisso». «I fallimenti di Castello e Mercafir sono capitoli chiusi, come la demolizione del Franchi. Ora sindaco e Pd cambino radicalmente il modo di lavorare » attacca Sinistra progetto Comune.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news