LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Salvatore Settis difende il futuro della Parchi
https://www.quinewsvaldicornia.it/

Il caso della Parchi Val di Cornia ha raggiunto l'autorevole archeologo e storico dell'arte che pone dei forti dubbi sulla strada presa



PIOMBINO — Il futuro della Parchi Valdicornia è stato al centro di un acceso dibattito tra i sindaci dei Comuni del comprensorio. Se da un lato il sindaco di Piombino e quello di Suvereto intravedono una strada sicura, i primi cittadini di San Vincenzo, Campiglia Marittima e Sassetta non ne sono per nulla convinti tanto da aver chiesto aiuto alla Regione Toscana.

Al momento non sappiamo ancora se qualcuno ha dato risposta alla proposta della sindaca del Comune di Campiglia sulla Parchi che invitava a superare le divisioni e a riprendere in mano gli accordi alla base della nascita della società per superare questa fase di stallo. Ma il caso della Parchi è arrivato all’attenzione dell’archeologo e storico dell’arte italiano, direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa l 1999 al 2010, Salvatore Settis che dalle colonne de Il Fatto quotidiano ha sottolineato come il sistema della Parchi Valdicornia sia stato negli anni un modello di promozione e sviluppo.

Salvatore Settis, nel suo articolo ha ricordato come la società Parchi Va di Cornia negli anni è stata un esempio virtuoso di gestione dei beni culturali in sintonia fra i Comuni interessati la cui storia è stata anche raccontata in un libro pubblicato da Il Sole 24 Ore. Negli anni, come ha rammentato lo stesso Settis, il sistema Parchi ha perso circa 40% della sua capacità di autofinanziamento. Ultima perdita quella del Parco di Rimigliano, l'Amministrazione infatti ha scelti di provvedere autonomamente alla cura e alla valorizzazione dell'area in mancanza di una proposta idonea.

Il noto archeologo e storico d'arte inserisce poi le sorti della Parchi all'interno di un nuovo contesto politico che vede oggi il Comune di Piombino rappresentato da un'Amministrazione di centrodestra che, forte dei numeri, si comporti come azionista di maggioranza sia nelle nomine che nelle decisioni.

All'autorevole firma de Il Fatto quotidiano non sono passate inosservate nemmeno le dichiarazioni dell'amministratore delegato Mauro Tognoli che ha giustificato la mancata riapertura dei musei, nonostante la zona gialla, perché non conveniente economicamente. Solo successivamente la società Parche ha diffuso una nota in cui si legge che se la Toscana continuerà ad essere in zona gialla il Museo archeologico di Piombino riaprirà con orario ridotto (leggi qui sotto gli articoli collegati).

E allora la domanda se nella valutazione tra costi e benefici sia stata calcolato, oltre ai biglietti staccati all'ingresso, il valore e l'arricchimento civico, creativo e culturale che può dare un museo aperto soprattutto in un momento storico in cui ancora poco è concesso a causa dei rischi di contagio.

https://www.quinewsvaldicornia.it/piombino-salvatore-settis-difende-il-futuro-della-parchi.htm


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news