LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Ritrovato il «Salvator Mundi». Stava per essere venduto a Dubai
Titti Beneduce
Corriere del Mezzogiorno - Campania 19/1/2021

Che il dipinto mancasse dalla basilica di San Domenico Maggiore, e in particolare dalla cappella Muscettola, non si era accorto nessuno. Il furto è stato scoperto solo sabato scorso: paradossalmente, dopo che il Salvator Mundi di scuola leonardesca era stato ritrovato dalla squadra mobile in un’abitazione di Ponticelli. Un’informazione importante arrivata alla polizia è stata decisiva dunque per evitare che il dipinto — quasi certamente copia contemporanea di un originale di Leonardo da Vinci — finisse sul mercato clandestino, magari a Dubai.

Sono stati gli agenti a informare uno stupefatto priore, che non sospettava nulla dal momento che il museo «Doma» era chiuso da quasi un anno a causa dell’emergenza sanitaria e a nessuno era venuto in mente di sincerarsi se l’opera fosse al suo posto. Il proprietario dell’abitazione in cui era nascosto il quadro, Silvio Vitagliano, di 36 anni, è stato fermato per ricettazione; per questa mattina è fissata l’udienza di convalida. La tela era coperta con un cartone e nascosta dietro l’armadio della camera da letto; nella stanza c’era anche una carabina, per cui l’accusa di ricettazione si riferisce anche all’arma. Dalle prime indagini sembra che Vitagliano — piccolo commerciante di detersivi — abbia un ruolo marginale: era incaricato di custodire l’opera d’arte, trafugata però da altri.

La polizia ora sta indagando per capire chi si sia impadronito del quadro, soprattutto perché «nulla fa pensare — ha detto il procuratore, Giovanni Melillo, nel corso di una conferenza stampa — che sia stato necessario ricorrere a una effrazione o superare ostacoli. Le indagini continuano anche perché non è certa la collocazione temporale del furto», che secondo indiscrezione risalirebbe a un mese fa. Si è trattato certamente di un raid mirato. «Chi lo ha preso voleva quel quadro — ha aggiunto il capo della Procura — e può essere una congettura plausibile che sia stato un furto su commissione da parte di una organizzazione dedita al commercio d’arte internazionale». È verosimile che all’interno della basilica i ladri avessero un complice: forse un basista, forse addirittura qualcuno più operativo, che riusciva a girare per le varie sale senza suscitare sospetti.

Il questore, Alessandro Giuliano, definisce il ritrovamento «un’operazione che consente di recuperare un pezzo importante del patrimonio artistico della città, e ricordo che il patrimonio fa parte dell’identità della città stessa». Per il dirigente della squadra mobile, Alfredo Fabbrocini, «è stata una attività particolarmente complessa; ci dà grande soddisfazione aver restituito un bene di cosi grande importanza per la città di Napoli. Abbiamo anche risolto un caso prima ancora che si creasse, visto che non c’era una denuncia e che il custode non sapeva che il dipinto fosse stato sottratto. L’arrestato ha fornito dichiarazioni poco credibili di un acquisto casuale fatto a un mercatino, è incensurato e ha una attività commerciale, difficilmente avrebbe avuto un interesse diretto. Il valore? Il priore che lo aveva in custodia ci ha ricordato che l’originale è stato venduto qualche anno fa per 480 milioni».

La vicenda del Salvator Mundi ripropone il problema mai risolto della sicurezza delle opere d’arte in città: rispetto all’epoca del terremoto, quando dalle chiese è stato portato via di tutto, non sembra essere cambiato molto. «Il furto del quadro di San Domenico Maggiore è un episodio che ci permette anche di sottolineare l’estrema fragilità e i rischi del patrimonio artistico napoletano — ha sottolineato Melillo —; siamo di fronte a generali condizioni di fragilità estrema nell’osservazione e nella tutela di questi capolavori. Il furto del quadro rivela la sproporzione tra il valore dell’opera e le scarse difficoltà che gli autori hanno incontrato per impossessarsene».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news