LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Francia, nuove regole per esportare beni culturali: forti incrementi alle soglie di valore
di Redazione , scritto il 24/01/2021, 12:52:59



La Francia riforma la sua politica di esportazione dei beni culturali, alzando notevolmente le soglie di valore per la richiesta di autorizzazione.
La Francia rivede le regole per l’esportazione dei beni culturali: come in Italia, infatti, le opere d’arte sono soggette al rilascio di un’apposita autorizzazione per poter circolare all’estero. In Italia la disciplina è stata riformata di recente, a seguito di un dibattito molto serrato: era il 2017 quando entrava in vigore la riforma dell’esportazione dei beni culturali che alzava la soglia temporale di tutela per le opere da 50 a 70 anni (significa che solo le opere più vecchie di settant’anni devono chiedere la partecipazione: quelle più recenti possono invece circolare semplicemente con autocertificazione) e introduceva una soglia di valore di 13.500 euro, ovvero le opere il cui valore venga ritenuto dal proprietario inferiore a tale cifra sono esentate dal normale iter autorizzativo (basta l’autocertificazione).

In Francia la legge prevede una soglia temporale di 50 anni (nella maggior parte dei casi), e soglie di valore che dipendono dalla tipologia del bene: 15.000 euro per dipinti, carte geografiche, disegni, stampe, poster, fotografie, film e monete posteriori al 1500, 1.500 per incunaboli, manoscritti, documenti antichi e reperti archeologici con più di cento anni d’età e monete anteriori al 1500 che non provengano direttamente da scavi o siti archeologici, 30.000 per gli acquerelli, 50.000 per le sculture, esemplari di collezioni zoologiche, botaniche, mineralogiche e anatomiche, pezzi d’interesse storico, paleontologico, etnografico, numismatico e filatelico, mezzi di trasporto, e altri oggetti non compresi nei primi 14 punti.

Il nuovo decreto, il 2020-1718, eleva le soglie per diverse categorie di beni: la soglia dei dipinti passa addirittura a 300.000 euro, gli acquerelli da 30 passano a 50.000, i disegni da 15 a 30.000, le stampe e i poster da 15 a 20.000, le sculture da 50 a 100.000, le fotografie da 15 a 25.000, gli incunaboli, i manoscritti, i documenti antichi passano a 3.000, le carte geografiche antiche passano da 15 a 25.000, e i reperti di carattere storico, paleontologico, etnografico, numismatico e filatelico da 50 a 100.000.

Infine, il decreto introduce una novità per snellire il processo: è prevista la possibilità, per l’amministrazione pubblica, di comunicare con i richiedenti in forma elettronica. La normativa è entrata in vigore il 1° gennaio, per i beni per i quali era stata fatta domanda prima si applicano le soglie precedenti.

https://www.finestresullarte.info/mercato/francia-riforma-soglie-di-valore-esportazione-beni-culturali-decreto-2020


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news