LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anche Legambiente interviene sulla Parchi Val di Cornia
di Legambiente Val di Cornia
[25 Gennaio 2021]

Anche Legambiente interviene sulla Parchi Val di Cornia
«La strategia è che la Parchi torni ad attrarre finanziamenti per investimenti nel settore dei beni culturali ed ambientali, servono progetti pensati in sinergia con i Comuni soci»




Nel dibattito sulla Parchi Val di Cornia, Legambiente vuole ripartire dal condivisibile intervento del prof. Franco Cambi dell’Università di Siena.

La soluzione deve ritrovarsi nel voltare pagina recuperando tutto il molto di buono che era presente nella originaria “strategia”, suggerendo indirizzi precisi, volti a rilanciare la Società in un tempo radicalmente trasformato rispetto a quello della sua costituzione negli anni ’90. La nuova strategia, deve ripartire da alcuni punti fermi, come il suo patrimonio di conoscenze scientifiche, di competenze gestionali, di capacità di valorizzazione e di comunicazione e di capacità progettuale, tutti elementi riconosciuti dal mondo accademico che si occupa di gestione dei beni culturali sia a livello nazionale che europeo, dal Ministero per i Beni Culturali e dalla Regione Toscana.

Tutto quanto sopra senza dimenticare i tre veri elementi strategici che contraddistinguono questa società ovvero:

la gestione unitaria dei beni culturali ed ambientali che di fatto determina una economia di scala per i Comuni che si trovano quindi a risparmiare risorse per gestire patrimoni che comunque, anche in proprio, dovrebbero gestire
La peculiarità, pressoché unica in Italia, che consente alla Parchi Val di Cornia SpA di gestire per conto dello Stato un bene culturale di valenza nazionale (il Parco Archeologico di Baratti e Populonia).
La capacità di raggiungere alti livelli di autofinanziamento nel proprio fabbisogno finanziario necessario alla gestione dei Parchi e Musei, che la pone come eccellenza nel panorama di tutti gli enti che svolgono medesima tipologia di attività
Questi elementi, che secondo noi sono i veri punti di forza della società, sembrano essere accantonati in ogni discussione, ed anzi, spesso, vengono alimentate leggende metropolitane che all’opposto tendono a sminuirne le capacità e l’utilità strategica per tutto questo territorio.

Gli amministratori dei comuni soci della Parchi oggi si trovano di fronte ad una responsabilità politica non indifferente. Devono dimostrare ai cittadini di essere capaci di non affossare questa esperienza e del suo patrimonio di conoscenze, perché questa continua ad essere una delle più grandi opportunità a disposizione dello sviluppo del territorio. Spieghino e si confrontino pubblicamente su quella che deve essere la strategia per riposizionare la società in un ruolo centrale e strategico nel panorama socio-economico della Val di Cornia, specie in un momento storico particolarmente cruciale dove il mix del declino industriale e pandemia, senza elementi di nuove prospettive, rischia di generare danni permanenti al tessuto socio economico.

Per noi la strategia è che la Parchi torni ad attrarre finanziamenti per investimenti nel settore dei beni culturali ed ambientali, per questo servono progetti pensati dalla Parchi in sinergia con i Comuni soci. Riallacciare i rapporti con il mondo della ricerca e università rimangono elementi fondamentali per essere sempre innovativi. Ma la missione deve continuare ad essere la tutela del Patrimonio storico culturale ed ambientale della Val di Cornia da cui discende a cascata tutta la filiera virtuosa che aiuta e qualifica l’offerta turistica del territorio.

A questo proposito riteniamo un grave errore togliere funzioni e gestioni di beni pubblici alla Parchi come si sta ipotizzando di fare; le recenti voci sul futuro del Castello aprono scenari davvero preoccupanti, oltreché incomprensibili, e se dovessero avere un fondamento, ci porteranno ad opporci fermamente.

Per la stessa ragione siamo intervenuti quando il comune di San Vincenzo ha deciso di riprendersi il parco di Rimigliano

Sappiamo benissimo che gestire dei beni come musei, parchi e altre strutture culturali è un costo e che nessun museo o parco si sostiene da solo. Allora bisogna che la Parchi Val di Cornia torni a poter contare su un sistema di autofinanziamento virtuoso cosi come era stato concepito in origine (gestione parcheggi per fare un esempio) ma anche ad ampliare le proprie opportunità guardando a nuove attività redditizie. L’alternativa, ovviamente, è quella che a finanziarla siano i soci; non ci sono soluzioni alternative. Come associazione ci batteremo contro qualunque idea che per finanziare la società si debba svendere o valorizzare attraverso il cemento, il nostro capitale naturale o culturale. Siamo però aperti a ragionare su nuovi strumenti utili a garantire nel tempo i fabbisogni finanziari. L’importante è avviare una discussione seria svuotata dalle zavorre di un dibattito politico sempre più asfittico. Riteniamo infine che la Parchi deve tornare ad essere un collettore di finanziamenti che investiti sul territorio facciano da moltiplicatore per l’economia. Ricordiamo che ogni euro investito dai comuni ogni anno nella cultura e nella natura attraverso la società Parchi, ne ha generato almeno altri 10 di ricchezza per i cittadini della Val di Cornia nelle sue molteplici forme.

Attendiamo quindi che i sindaci soci, scevri dalle contrapposizioni politiche, nella sede opportuna che è l’Assemblea dei Soci, discutano, elaborino ed infine indirizzino il CdA, che ad oggi non si sta dimostrando all’altezza dei compiti ad esso attribuiti, su quali binari deve muoversi la società nei prossimi anni.

https://www.greenreport.it/news/aree-protette-e-biodiversita/anche-legambiente-interviene-sulla-parchi-val-di-cornia/


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news