LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. «Il Convitto offerto a Comune e Regione. Alla fine solo un privato lo ha voluto»
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino - 26/1/2021

Tre anni difficili, con tentativi di un utilizzo diverso, ma poche risposte. Solo ora che è stata venduta si scopre che l’Arcidiocesi di Firenze, almeno dal 2018, ha provato a inventarsi un futuro diverso per il Convitto della Calza. Andando a bussare alle porte di «istituzioni e enti territoriali», che però non potevano (più che non volevano) collaborare per un uso diverso.Il complesso del 1300, trasformato in centro congressi e «casa per ferie» nel 2000 per il Giubileo (anche con fondi statali) negli ultimi anni non è stato più redditivo. E questo ha portato l’Arcidiocesi a puntare prima a un utilizzo diverso, poi a venderlo (a un privato fiorentino). Nella lettera (vedi sotto) dell’Arcidiocesi, si conferma che «la diocesi ha cercato come suoi primi interlocutori le istituzioni e gli enti del territorio» ma «nessuno, per vari motivi, ha ritenuto che questo immobile avrebbe potuto trovare un utilizzo in chiave sociale». Ed è andata davvero così.

La Regione ha parlato del Convitto come possibile sede dell’Archivio Alinari, mentre discuteva dell’acquisizione di questo fondo fotografico. Ma già a una prima valutazione, fatta dalla precedente giunta Rossi, si è capito che era fuori dalle possibilità: la Regione aveva già molti immobili dove collocarlo (infatti andrà a Villa Fabbricotti, di sua proprietà) e avrebbe dovuto un bando pubblico. La pratica non è neanche partita.

L’Arcidiocesi si era anche rivolta alla Fondazione Cr Firenze, ma in quel momento l’operazione non poteva rientrare nelle strategie della fondazione, è stato spiegato. L’ex Ente Cassa ha cercato comunque di aiutare la Curia nel percorso che avrebbe portato all’individuazione di un proprietario. Tutto è sfumato perché in quel periodo non è stato trovato interessati. E comunque, l’ha sostenuta nel trovare l’advisor per la vendita sul mercato, Progenia.

È in questo momento, l’anno scorso, che l’Arcidiocesi si è rivolta a Palazzo Vecchio: un fondo milanese era pronto ad acquistare il Convitto, ma solo se fosse stata possibile la trasformazione in albergo. Cosa che, fu spiegato da Palazzo Vecchio, era vietata: il Comune non avrebbe consentito nessuna deroga al divieto di nascita di nuovi alberghi in centro. E non lo farà in futuro: «Il Piano strutturale ha già bloccato dal 2015 il cambio di destinazione d’uso in turistico ricettivo» ricorda l’assessore Cecilia Del Re, che conferma che il blocco ci sarà «anche nel prossimo Piano operativo, dove vogliamo estenderlo a tutto il territorio comunale, per attrarre investimenti diversi al turismo». Ma quando scadrà il Piano operativo, la «casa per ferie» potrà diventare albergo? «Sarà il futuro consiglio comunale, nel 2027, a decidere — risponde Del Re —. Ma mi pare che l’indicazione di “blocco” di nuovi alberghi in centro sia ormai acquisita». E comunque, Palazzo Vecchio avrebbe avuto le mani legati come la Regione: l’unica possibilità era comprare gli alloggi per usarli come volano per l’emergenza abitativa, ma le sale congressi erano inutili. Tra vincoli della soprintendenza e leggi vigenti, era comunque impossibile. Nessun uso diverso per il Convitto, quindi, resta centro congressi e «casa per ferie». Con i suoi 35 appartamenti che dovrebbero essere orientati verso «i propri associati» e soggetti legati all’oggetto sociale per cui nasce (un tempo turismo religioso) ma comunque gestiti «al di fuori dei normali canali commerciali». Solo che già in passato le camere del Convitto si trovavano sui portali di prenotazione più noti, pure su Expedia. Cosa che aveva irritato le associazioni di categoria degli albergatori.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news