LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campania. «Ma quale Borbone, l’acquedotto è romano»
Laura Cocozza
Corriere del Mezzogiorno - Campania 25/1/2021

La storia millenaria della città di Castellammare di Stabia non smette mai di stupire e continua a regalare nuove scoperte, soprattutto in campo archeologico. Un gruppo di studiosi riuniti nell’associazione ArcheoClub d’Italia onlus sezione Stabiae, mettendo insieme esperienze e competenze multidisciplinari, è giunto alla conclusione che, con elevata probabilità, l’Acquedotto sulla collina stabiese di Quisisana è di origine romana e non borbonica. Se confermata, la scoperta potrebbe dare il via non solo ad un recupero della memoria storica del territorio, ad oggi poco documentata e frammentaria, ma soprattutto al recupero e alla valorizzazione di questa grandiosa opera di ingegneria naturalistica, per poi allestire percorsi di trekking culturale. A questo scopo, i risultati dei sopralluoghi e delle ricerche fatte sono stati inviati agli organi competenti, ovvero la Soprintendenza Archeologia, Belle arti e paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli, l’Ente parco regionale dei monti Lattari e gli assessorati alla cultura delle città di Castellammare e Pimonte. Ed ora si attende una risposta da parte della Soprintendenza.

La sezione Stabiae dell’ArcheoClub d’Italia è stata riaperta due anni fa grazie all’impulso dato dall’attuale presidente, Massimo Santaniello, coinvolgendo 50 esperti di varie discipline tutti impegnati volontariamente. «Da quando la sezione ha riaperto – spiega Santaniello - abbiamo cominciato ad esplorare le colline della città, da Pozzano a Quisisana, alla ricerca di testimonianze archeologiche e architettoniche ancora oggi prive di uno studio approfondito. Percorrendo il tracciato dell’acquedotto di Quisisana, fino ad oggi attribuito al periodo borbonico, ci ha incuriosito la particolare tecnica costruttiva dei ponti che sostengono l’acquedotto in almeno due punti di grande interesse naturalistico, uno nel territorio stabiese l’altro nel territorio di Pimonte. Esaminando alcuni frammenti, abbiamo notato che sia i materiali che la tecnica costruttiva presentano notevoli differenze cromatiche e geometriche rispetto a quelli in uso nel periodo borbonico. Siamo riusciti anche a trovare il nome del probabile costruttore dell’acquedotto, il senatore Publius Sibidius Pollio. Ad ulteriore riprova della nostra tesi, ci sono i ritrovamenti di necropoli e ville di epoca romana sulla collina. È lecito ipotizzare che i Borbone abbiano utilizzato un acquedotto preesistente che serviva per distribuire l’acqua nella zona collinare di Castellammare».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news