LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Basilica, ok alla barriera ma mancano i fondi. Una gara per la Piazza
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto, Venezia e Mestre 28/1/2021

Un doppio sì per la difesa di piazza San Marco e della sua Basilica. Lunedì è arrivato l’ultimo ok, quello decisivo, dei comitati tecnico-scientifici dei Beni culturali sulla barriera di vetro che proteggerà la chiesa bizantina simbolo di Venezia: il verbale sarà ufficializzato nei prossimi giorni, ma pare che l’unica prescrizione sia quella di spostare un pilastrino dal lato del palazzo patriarcale, rispetto al progetto dell’ingegner Daniele Rinaldo e del proto Mario Piana. Ieri c’è stata inoltre una sostanziale approvazione del progetto per «impermeabilizzare» tutta l’insula di San Marco, firmato da Thetis e Kostruttiva (con la socia Mate), da parte del comitato tecnico-amministrativo del Provveditorato. Ma questo non significa che i lavori partiranno a breve, anzi.

Quanto alla barriera, infatti, il problema è quello dei fondi, dopo che la Corte dei Conti ha deciso di ricusare il visto all’atto del Provveditorato che doveva stanziare 36 milioni per questo e altri interventi. E anche ieri il primo procuratore di San Marco Carlo Alberto Tesserin è tornato a lanciare un appello al governo. «La Basilica è andata sott’acqua domenica e anche oggi (ieri, ndr ) - sbotta - Bisogna che chi di dovere dia la disponibilità dei fondi per la messa in sicurezza, che sono briciole rispetto al resto. Se poi servono 6 mesi di cantieri rischiamo di arrivare già alla prossima stagione delle acque alte». Ovvero settembre-ottobre. Ma anche sul fronte della piazza ieri c’è stato un colpo di scena. La roadmap ipotizzata prima della decisione della Corte era di avviare addirittura l’1 febbraio i cantieri del primo stralcio, che avrebbe potuto contenere già metà acque alte: tanto che era stato chiesto uno sforzo ai progettisti per chiudere l’esecutivo nei giorni scorsi. Ma su indicazione del dirigente del Provveditorato Francesco Sorrentino, supportato anche da due pareri legali – uno del liquidatore del Consorzio Venezia Nuova Massimo Miani e uno dell’Avvocatura dello Stato – ieri il comitato tecnico ha stabilito che quei lavori non potranno essere realizzati dal Cvn, come auspicato dai progettisti, che non si aspettavano questa doccia fredda: le opere di messa in sicurezza dell’insula sono infatti state stralciate dall’atto attuativo del 2002 e dunque servirà una gara europea.

Ieri si è però deciso che sarebbe uno spreco inutile fare più bandi e così è stato stoppato tutto e verrà chiesto a Thetis e Kostruttiva di fare l’esecutivo dell’intero intervento, per metterlo a gara tutto insieme. La tempistica ipotizzata porterebbe alla conclusione della progettazione tra un paio di mesi, per poi fare la gara e aprire i cantieri a fine anno: un cronoprogramma che però potrebbe essere messo a rischio da eventuali ricorsi al Tar, come si è visto nella gara per la manutenzione delle paratoie di Treporti, bandita nel 2018 e poi di nuovo nel 2019 e non ancora assegnata.

Intanto oggi la marea dovrebbe raggiungere quota 100 centimetri intorno alle 10 e dunque, sulla base della procedura prudenziale (che stima in 35 centimetri il margine di errore), il Mose è stato messo in pre-allerta, con possibile sollevamento dalle 8.20 alle 11.10. Se le previsioni resteranno basse, questa mattina la procedura potrebbe essere abortita. Idem per domani, mentre preoccupa di più la previsione per la notte tra sabato e domenica: per l’1 la marea potrebbe toccare quota 115-120. I sollevamenti sono già stati 16 dal 3 ottobre, quando il Mose è stato alzato per la prima volta a difesa della città. E martedì sera al Provveditorato è arrivato un primo conteggio, in cui si parla di una spesa totale di 15 milioni, compresi quelli di quest’anno: ma il comitato tecnico, stupito dalla cifra, ha rinviato l’analisi alla prossima seduta.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news