LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palermo. Prima rubato, poi restituito e ora restaurato: la Vucciria ritrova il suo "Mascherone” di marmo
Palermo today, 29/01/2021

Il fregio che accompagna la lapide barocca scolpita da Gioacchino Vitagliano per commemorare la Fontana del Garraffo è stato ricollocato nella sua sede originaria. L'assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà: "Tuteliamo e valorizziamo il nostro straordinario patrimonio culturale"

Il "Mascherone" marmoreo che accompagna la lapide barocca scolpita nel 1698 da Gioacchino Vitagliano per commemorare la Fontana del Garraffo (trasferita quest'ultima nel 1862 in piazza Marina) e che era stato rubato dalla Vucciria è stato restaurato dalla Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali e ricollocato nella sua sede originaria in piazza del Garraffo. La ricollocazione del fregio nella sede originaria è stata realizzata grazie a un sistema di ancoraggio, progettato appositamente per sostenere il mascherone e proteggerlo da ulteriori furti e manomissioni.

"Il restauro e la ricollocazione del Mascherone - sottolinea l'assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Alberto Samonà – è un risultato dal valore emblematico e rappresenta un esempio virtuoso di collaborazione tra istituzioni e cittadini. Solo se comprendiamo che i beni culturali sono patrimonio di tutti, infatti, potremo fare un significativo passo avanti nella valorizzazione della nostra storia e delle sue testimonianze. La sistemazione dell'immagine lapidea, inoltre, in quanto primo atto della nuova Soprintendente di Palermo, Selima Giuliano, costituisce anche un importante segnale di collaborazione tra istituzioni, a conferma del fatto che solo attraverso il riconoscimento di bene comune e la sinergia fra enti si può garantire la salvaguardia, la tutela, la protezione, il mantenimento e la valorizzazione del nostro straordinario patrimonio culturale”.

La recente narrazione del fregio comincia nel 1989 quando una serie di furti provoca un vero e proprio saccheggio che deturpa in modo irreversibile il volto del centro storico. Tra gli oggetti artistici sottratti vi era anche il singolare “Mascherone” di marmo che arricchiva i decori e gli stemmi della sontuosa targa barocca posta in piazza del Garraffo di fronte all'edicola con la statua del Genio di Palermo (Palermo lu grandi). Il furto generò un moto di indignazione, al quale seguì, nell'arco di breve tempo, la “restituzione” del prezioso fregio che, l'allora assessore comunale alla Cultura, Letizia Battaglia, consegnò alla Soprintendenza dei Beni Culturali che ne ha mantenuto fino ad oggi la custodia.

La scorsa estate l'ex Soprintendente Lina Bellanca ha dato inizio alla fase di restauro affidando a Mauro Sebastianelli il compito di progettare ed eseguire il delicato intervento di conservazione e ricollocazione e affidando all'architetto Isabella Daidone gli aspetti di valorizzazione dell'opera attraverso la realizzazione di un pannello grafico-illustrativo delle attività svolte.

Prima dell'intervento il Mascherone, composto da un unico elemento di marmo scolpito, versava in una grave condizione di degrado, sia strutturale che estetico. A causa del furto e del dannoso smontaggio, infatti, si era determinata la rottura e la perdita dell'orecchio destro. Inoltre la superficie era interessata da numerose abrasioni, da lesioni e da vistose alterazioni cromatiche e incrostazioni. La fase di ripulitura ha riportato l'opera alla sua condizione originaria, sebbene si sia scelto di mantenere le antiche fratture che non costituiscono un momento di disturbo alla lettura dell'immagine.

"Sono solo giunta al momento conclusivo di un processo virtuoso – spiega la Soprintendente dei Beni culturali di Palermo, Selima Giuliano – che ha visto in campo tante risorse e due Soprintendenti prima di me. Il restauro del Mascherone è stato realizzato dalla Soprintendenza di Palermo "a costo zero", con l'impiego delle professionalità interne e grazie al dialogo proficuo tra istituzioni e cittadinanza. Un primo passo per il recupero dell'epigrafe marmorea di piazza Garraffo, infatti, è stato promosso e finanziato già nel 2013 dalla Fondazione Salvare Palermo sotto l'Alta Sorveglianza della Soprintendenza. Nel mio attuale ruolo – precisa Giuliano - non posso che ringraziare tutti gli attori che hanno preso parte a questa iniziativa andata a buon fine e sottolineare che la Soprintendenza è un organismo di garanzia e vigilanza a tutela dei cittadini, cui sta a cuore l'interesse primario della salvaguardia del nostro patrimonio regionale”.

https://www.palermotoday.it/cronaca/restauro-maschera-marmo-piazza-garraffo-viccuria.html


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news