LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - Giganti, il centro di Li Punti escluso dai nuovi restauri
06 FEBBRAIO 2021 La Repubblica

Il complesso era stato ricostruito a Sassari, i nuovi pezzi finiranno a Calamosca

SASSARI . Quando si parla di restauro, soprattutto quello dei giganti di pietra del Sinis, la memoria corre al laboratorio di Li Punti. Era stato nel centro di restauro gestito dalla soprintendenza ai Beni culturali e archeologici di Sassari che, tra il 2007 e il 2011, che la miriade di frammenti di arenaria era stata ricomposta e aveva assunto l’aspetto imponente del complesso scultoreo dei guerrieri di Mont’e Prama. Ed è proprio a Li Punti che i non addetti ai lavori immaginavano che il lavoro potesse essere completato. Invece, gli ultimi ritrovamenti effettuati nelle aree di Mont’e Prama finiranno a Cagliari, nel nuovissimo centro di restauro di Calamosca. Di cui, tra l’altro, si sa pochissimo. I giganti di Cabras, infatti, non passeranno per il centro di Li Punti e nemmeno per il museo archeologico nazionale di Cagliari, che infatti non è gestito dalla Soprintendenza. Era già successo qualche anno fa, quando un gigante era stato restaurato direttamente a Cabras. Adesso è arrivata la conferma e il rilancio: Li punti fuori, dentro Calamosca.

Per quanto poi, da Cagliari, non sia arrivata alcuna reazione alla questione, comprese quelle al centro dell’infuocata conferenza stampa convocata dal sindaco di Cabras che poi sono state rilanciate dalla Regione. Ieri la soprintendente per i Beni archeologici di Cagliari e Oristano, Maura Picciau, si è limitata ad una dichiarazione super compressa che ricorda un passaggio della Costituzione: «Lo Stato esercita la tutela del patrimonio culturale attraverso le soprintendenze”» Tutto qua. Anche se il messaggio nascosto tra le righe è più chiaro di quanto possa sembrare. La soprintendenza, in passato aveva chiarito più volte un concetto che non ha bisogno di molti commenti: le statue di Mont’e Prama, come tutti i reperti archeologici ritrovati in Italia, sono beni demaniali, quindi proprietà statali. E dunque è lo Stato che le gestisce sotto ogni aspetto e, ovviamente, ne determina la destinazione finale. (c.z.)



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news