LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Storica decisione dell'Olanda: il governo restituirà le opere rubate ai paesi d'origine
di Redazione , scritto il 02/02/2021, 15:56:54



Il governo olandese ha preso una storica posizione ufficiale sul tema della decolonizzazione culturale e ha fatto sapere che restituirà i beni culturali rubati ai paesi d’origine. Un’apposita commissione valuterà le potenziali restituzioni.
Storica decisione dei Paesi Bassi: il Ministero dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza (Ministerie van Onderwijs, Cultuur en Wetenschappen, OCW) ha infatti deciso che il paese restituirà ai loro paesi gli oggetti sottratti indebitamente nel passato, durante l’epoca della dominazione coloniale, e che oggi si trovano nelle collezioni dei musei olandesi. Si tratta di un modo, fa sapere il ministero, per riparare le ingiustizie. È questa la posizione ufficiale del ministero della cultura olandese a seguito degli ultimi pareri del Raad voor Cultuur (il Consiglio della Cultura, un organo consultivo omologo del nostro Consiglio Superiore dei Beni Culturali) e della Commissione per le politiche nazionali sulle collezioni coloniali, un organo, presieduto dalla giurista Lilian Gonçalves-Ho Kang You, istituito nel 2019 con lo scopo di suggerire le politiche di decolonizzazione culturale.

Si tratta, fa sapere il Ministero dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza, di un primo passo verso una attenta gestione delle collezioni coloniali: a causa delle politiche perseguite al tempo dall’Olanda, diversi beni culturali (oggetti, opere d’arte, documenti e molto altro) che non dovevano essere esportati dai paesi d’origine in quanto sottratti in maniera illecita sono finiti nei musei del paese, e le ex colonie hanno perso pezzi importanti del loro patrimonio culturale. Di conseguenza, il governo olandese intende porre rimedio a un’ingiustizia storica, restituendo i beni culturali ai paesi d’origine e rafforzando la cooperazione internazionale in quest’ambito.

In che modo saranno avviate le politiche di restituzione? Il ministero ha fatto sapere che verrà istituita una commissione indipendente per la valutazione delle richieste di restituzione: indagini indipendenti, approfondite e trasparenti sono infatti essenziali per un’attenta gestione della materia. La nuova commissione avrà il compito di verificare, dopo un’accurata indagine sulla provenienza degli oggetti che verranno richiesti dalle ex colonie, se esistono i presupposti per la restituzione, a fronte di una perdita dell’oggetto su base non volontaria.

I Paesi Bassi stabiliranno tre tipi di oggetti che saranno candidabili alla restituzione ai paesi d’origine. I primi sono gli oggetti saccheggiati da ex colonie olandesi, che verranno restituiti incondizionatamente. I secondi sono gli oggetti rubati da ex colonie di altri paesi, e i terzi sono gli oggetti che hanno una speciale importanza culturale, storica o religiosa per il paese di origine. In questi ultimi due casi, la commissione per la valutazione cercherà di fare una verifica sulla base dell’interesse attorno ai singoli oggetti (tale interesse, ha fatto sapere il ministero, è verificato in base all’importanza del bene per il paese di provenienza, alla sua importanza per le raccolte olandesi, alle possibilità di garantirne buone condizioni di conservazione in futuro, alla capacità di renderlo accessibile al pubblico).

“Il passato coloniale”, ha dichiarato il ministro olandese della cultura, Ingrid van Engelshoven, “è un tema che ancora oggi tocca quotidianamente tante persone. Dobbiamo quindi gestire con cura le collezioni coloniali. Ritengo importante che le collezioni coloniali siano accessibili e che raccontino le loro storie da diversi punti di vista. Questo può anche comportare un doloroso confronto con le ingiustizie del nostro passato, ingiustizie che a volte possono ancora essere avvertite al giorno d’oggi. Un bene culturale saccheggiato non appartiene alle collezioni nazionali. Se un paese lo vuole, noi lo restituiamo”.

Infine, l’Olanda ha fatto sapere, come anticipato, che sarà rafforzata la cooperazione con i paesi di provenienza dei beni culturali, sulla base del fatto che solo il dialogo con le ex colonie può fornire la base per rimediare all’ingiustizia. Il governo dei Paesi Bassi lavorerà dunque per intensificare gli scambi, soprattutto quelli finalizzati alla ricerca e all’acquisizione di conoscenze, con l’Indonesia, il Suriname e i paesi caraibici. Nell’ambito di questo dialogo, i Paesi Bassi si concentreranno su temi come l’accessibilità e la gestione sostenibile dei beni culturali dopo il rientro nei paesi d’origine.

https://www.finestresullarte.info/musei/olanda-storica-decisione-governo-restituira-opere-rubate-paesi-origine


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news